Olio di ricino, proprietà, usi e controindicazioni

Olio di ricino, proprietà, usi e controindicazioni
da in Rimedi naturali, Salute, olio
    Olio di ricino, proprietà, usi e controindicazioni

    Vediamo quali sono le proprietà dell’olio di ricino, tutti gli usi e le controindicazioni. Viene ricavato dalla pianta Ricinus communis, tipica dell’India, con spremitura a freddo. Si presenta come un liquido dall’aspetto molto denso e di colore giallo, dal gusto non proprio gradevole, considerato il rimedio naturale per eccellenza riguardo a vari disturbi dell’organismo. Sono molto note le proprietà lassative dell’olio di ricino ma questo prodotto vanta anche ottime qualità cosmetiche perché fa bene ai capelli e alle ciglia. Come impacco, contrasta il prurito e lenisce il dolore da artrite. Vediamo tutte le virtù curative, le proprietà e i benefici dell’olio di ricino.

    Le proprietà terapeutiche dell’olio di ricino si devono innanzitutto al suo effetto antimicotico naturale. Oltre a contrastare la formazione di muffe, combatte virus e batteri ed è per questo che rappresenta un ottimo rimedio naturale per le verruche e per le unghie colpite da micosi. I benefici dell’olio di ricino si riscontrano anche a livello gastrointestinale perché combatte stipsi e cattiva digestione, se assunto in piccole dosi, a stomaco vuoto. Secondo alcune ricerche, avrebbe un effetto benefico anche sulle aree del corpo colpite da artrite perché riduce il dolore da infiammazione. Basta massaggiarlo in piccole quantità sulla zona interessata.

    L’uso dell’olio di ricino in cosmetica riguarda le sue proprietà anti-age. Idrata la pelle e funziona come prodotto emolliente che la rende morbida e setosa. È sufficiente versare poche gocce di olio su un dischetto di cotone e picchiettarlo sulla zona interessata per far apparire la cute subito più liscia.

    L’olio di ricino sui capelli è utilizzato per nutrire il fusto ed evitare che si spezzi a causa delle aggressioni da parte degli agenti atmosferici e del phon. Trasforma i capelli sfibrati e secchi in lucidi e nutriti. Può essere applicato da solo oppure con l’aggiunta di olio di mandorle, dalle numerose proprietà benefiche. Per ottimizzarne gli effetti, deve essere coperto da una pellicola trasparente lasciando in posa per alcune ore.

    Oltre a tenere presenti le numerose proprietà del prodotto, bisogna fare attenzione alle controindicazioni dell’olio di ricino. È importante considerare che può diventare tossico per l’organismo se assunto in grandi quantità. Ad esempio, per contrastare la stitichezza, è bene non superare le tre assunzioni giornaliere, dosando l’olio con un cucchiaino da caffè.

    483

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Rimedi naturaliSaluteolio
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI