NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come lavare frutta e verdura: 10 consigli per eliminare i pesticidi

Come lavare frutta e verdura: 10 consigli per eliminare i pesticidi

    Sapete come lavare frutta e verdura? Vi diamo 10 consigli per eliminare i pesticidi e i batteri, mangiando in tutta sicurezza. E’ importante seguire le regole igieniche più basilari ma è bene conoscere anche alcuni accorgimenti che ci possono aiutare a rendere più sana la nostra alimentazione. Vediamo insieme quali sono.

    Innanzitutto è buona norma lavare frutta e verdura sotto l’acqua corrente per eliminare i residui di pesticidi. Utilizzando l’acqua fresca potrete rimuovere circa il 70% di residui. In particolare, l’insalata andrebbe lavata foglia per foglia.

    Come eliminare i pesticidi da frutta e verdura? Il secondo passo fondamentale è togliere sempre la buccia. Molta attenzione bisogna prestare per le scorze di agrumi che vengono adoperate in cucina per la preparazione di ricette dolci o salate.

    Il bicarbonato, dalle mille proprietà benefiche, è utile anche per eliminare residui di sporcizia e pesticidi da frutta e verdura. Si possono immergere gli alimenti in una ciotola riempita con acqua e un cucchiaino di bicarbonato oppure creare un’amalgama pastosa da utilizzare direttamente sui cibi, strofinando con uno spazzolino. Poi, procedere al risciacquo.

    Se vi state interrogando su come eliminare i pesticidi dalla frutta, vi diamo ancora un’altra soluzione: versate in una ciotola 1 bicchiere di aceto e 2 di acqua. Immergetevi gli alimenti e lasciate in ammollo per almeno 15 minuti. Poi strofinate con uno spazzolino per eliminare i residui e sciacquate sotto l’acqua corrente.

    Un’alternativa altrettanto naturale è il lavaggio con bicarbonato e limone. La miscela, da preparare con un cucchiaio di succo di limone, 2 di bicarbonato e 1 bicchiere d’acqua, può essere versata in un contenitore spray per vaporizzarla sugli alimenti.

    Dopo il primo lavaggio, si può lasciare la frutta in una ciotola con acqua a sale, per almeno 10 minuti. Vale per mele, uva, prugna e pere.

    Come proteggersi dai pesticidi nella frutta e verdura? Per ridurre il rischio di assunzione di queste sostanze nocive per l’organismo, è utile aspettare almeno una settimana prima di mangiare i prodotti alimentari. Talvolta, infatti, non vengono rispettati i tempi di decadenza dei pesticidi così che il trattamento è immediatamente precedente alla raccolta.

    Prima di procedere con il lavaggio degli alimenti, è importante occuparsi dell’igiene delle mani: qui, infatti, si possono concentrare germi e batteri nocivi per il corpo. E’ bene lavare le mani con acqua calda e sapone.

    Per eliminare i pesticidi è consigliabile adoperare una spazzola che facilita le operazioni di pulizia.

    Inoltre, per evitare la contaminazione batterica, ricordare di asciugare correttamente i cibi utilizzando un panno dopo il lavaggio prima di procedere con la preparazione.

    924

    PIÙ POPOLARI