Cancellare i tatuaggi: presto basterà una crema

da , il

    Cancellare i tatuaggi: presto basterà una crema

    Prestò basterà solo una crema per cancellare i tatuaggi. Per tutti i fan pentiti dei tattoo è arrivata una soluzione che si preannuncia indolore e soprattutto a basso costo. Bianchi, neri e colorati, i disegni sulla pelle sono spesso legati ad eventi o persone particolari. Spesso, però, accade di pentirsene perché con il passare del tempo, non piacciono più oppure non corrispondono al proprio modo di vedere. Come togliere i tatuaggi? La loro rimozione chirurgica fa tentennare più di una persona anche a causa dei costi poco accessibili ma la nuovissima crema sarebbe in grado di cancellare l’inchiostro facilmente. L’unguento ha un uso topico e, secondo i suoi creatori, si propone come un’alternativa più semplice ed economica al laser.

    Invenzione canadese

    Cancellare un tatuaggio? Facile come applicare una crema. I ricercatori che hanno sviluppato il prodotto, assicurano che a differenza della rimozione con il laser, la crema non comporta rischi per la pelle. Il trattamento è stato messo a punto da Alec Falkenham, un 27enne studente di dottorato presso l’Università Dalhousie di Halifax, in Canada. La ricerca è partita dal desiderio di ovviare alle conseguenze negative del laser per togliere i tatuaggi: ustioni, cicatrici e bolle. Durante il tattoo, l’inchiostro viene iniettato nella pelle e questo avvia una risposta immunitaria: le cellule chiamate macrofagi, si attivano per “mangiare” l’inchiostro che in parte arriva ai linfonodi del corpo. Alcuni di questi, però, vengono incorporati nella cute e ciò rende il tatuaggio visibile. La crema topica idetata da Falkenham opera sui macrofagi rimasti nella sede del tatuaggio.

    Come funziona la crema

    Le nuove cellule agiscono sui marcofagi pieni di pigmento e poi migrano verso i linfonodi, catturando tutto il colorante. Pare che il trattamento per eliminare i tatuaggi sia in grado di funzionare meglio sui disegni realizzati da più di due anni. Falkenham sta lavorando con la sua università per brevettare la tecnologia e ha ottenuto finanziamenti per la ricerca: sostiene che il tattoo dovrebbe svanire nel tempo. Dunque, niente più rimozione dei tatuaggi in ospedale ma non si hanno ancora certezze su quante applicazioni ci vorranno perché l’inchiostro possa svanire completamente. Attualmente si sta sperimentando il suo utilizzo sulle orecchie di maiale. Si presume che possa essere più sicuro del laser e si stima che il prezzo per cancellare il tatuaggio potrà aggirarsi su pochi centesimi per centimetro quadrato. Al momento, i ricercatori non sono in grado di prevedere quando la crema arriverà in commercio ma potrebbe essere una soluzione al tattoo cancerogeno.