Streptococco: cause, sintomi e rimedi

Streptococco: cause, sintomi e rimedi
da in Batteri, Malattie, Salute
    Streptococco: cause, sintomi e rimedi

    Streptococco: vi spieghiamo cause, sintomi e rimedi per l’nfezione. Con questo termine, si indica comunemente un genere di batteri di cui fanno parte anche Streptococcus Pneumoniae e Streptococcus pyogenes. Possono causare diverse malattie, anche molto pericolose, ciascuna caratterizzata da un quadro sintomatologico ben preciso. I soggetti maggiormente colpiti sono gli adolescenti e i piccoli ma non è raro che persino gli adulti siano contagiati. Il rischio di contrarre il batterio aumenta frequentando i luoghi affollati. Vediamo insieme cause e cura dello streptococco nei bambini e negli adulti.

    La famiglia di batteri dello streptococco possiede un alto potere patogeno causando malattie anche gravi. Lo Streptococcus pneumoniae è un batterio gram-positivo indicato anche con il termino di pneumococco ed è alla base di varie patologie come polmonite, broncopolmonite, meningite, congiuntivite, otite, sinusite, endocardite, artrite. Lo Streptococcus pyogenes è aerobio come il precedente e produce una tossina eritrogenica che provoca la brutta malattia della scarlattina. Come si prende lo streptococco? Il contagio avviene per via aerea dal malato, attraverso le goccioline di saliva oppure mediante alcuni oggetti sui quali il batterio sopravvive più a lungo come libri, documenti, giocattoli, posate, bicchieri.

    Se non vengono osservate le più comuni regole igieniche di coprire naso e bocca durante lo starnuto o la tosse, la trasmissione dell’organismo può avvenire molto facilmente.

    Il quadro sintomatologico per infezione da streptococco può essere molto diverso a seconda dei tessuti interessati. In caso di faringite o disturbi simili, si registrano mal di gola, febbre, nausea, vomito, malessere generale e rossore delle mucose, oltre a rigonfiamento dei linfonodi mascellari e sotto cervicali. Per la scarlattina, i sintomi sono dolore nella deglutizione, febbre, tumefazione dei linfonodi laterocervicali e, in seguito, esantema, patina giallastra sulla lingua, desquamazione della pelle. In caso di meningite, si verificano brividi, cefalea intensa, stato confusionale, disturbi vasomotori.

    Come si cura lo streptococco? Individuati i sintomi ed effettuata la diagnosi, è il medico a prescrivere la terapia più adatta. Il batterio è particolarmente sensibile alla penicillina ma talvolta è necessario rafforzare le cure dello streptococco con altri medicinali. Nei bambini piccoli vengono spesso utilizzati degli antibiotici. Esiste, inoltre, anche una cura omeopatica.

    474

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BatteriMalattieSalute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI