Igiene delle mani: quando, come e perché?

Igiene delle mani: quando, come e perché?
da in Igiene personale, Malattie, Salute
    Igiene delle mani: quando, come e perché?

    Igiene delle mani: quando, come e perché? Uno dei metodi più efficaci per limitare la diffusione delle infezioni è proprio quello che consiste nel lavarsi le mani con una certa regolarità e in modo accurato. Questa operazione dovrebbe essere effettuata soprattutto prima e dopo essere stati in luoghi molto affollati. Bisogna ricordare infatti che ad esempio i virus dell’influenza possono essere pienamente attivi anche dopo diverso tempo rispetto a quanto entrano in contatto con le nostre mani. E proprio dalle mani possono facilmente entrare all’interno del nostro organismo: basta toccarsi inavvertitamente gli occhi o il naso.

    Ci sono diverse situazioni che dovrebbero spingerci a lavarci correttamente le mani. Non bisogna, infatti, pensare che una buona igiene dovrebbe essere messa in atto solo quando le mani sono sporche. Per limitare la diffusione delle infezioni e per effettuare un’opera di prevenzione dell’influenza e di altre patologie è necessario procedere al lavaggio delle mani ogni volta che andiamo in bagno, quando ci soffiamo il naso, prima di mangiare o di preparare un pasto, prima e dopo essere stati accanto ad una persona con una malattia. Inoltre è bene lavare le mani dopo aver toccato un animale, prima e dopo aver medicato una ferita o dopo essere stati in contatto con uno degli oggetti più sporchi che usiamo ogni giorno, come i soldi o la tavoletta del wc.

    Non basta passare le mani sotto l’acqua per effettuare una buona pulizia. E’ necessario utilizzare il sapone e seguire una procedura ben precisa, che consiste innanzitutto nel bagnare per qualche secondo le mani nell’acqua.

    Poi si può prendere il sapone e si può procedere ad insaponare con cura. Le mani vanno sfregate per più di 15 secondi cercando di coprire con il sapone tutte le aree, anche gli spazi fra le dita. Poi basta risciacquare e asciugare attraverso un asciugamano.

    Il lavaggio delle mani è importante principalmente per evitare il rischio di infezioni. Bisogna tenere presente, infatti, che le cellule della pelle che si trovano più all’esterno contengono spesso batteri e funghi che possono passare da un organismo ad un altro. Per questo motivo, lavando correttamente le mani, questi microrganismi vengono eliminati e diminuisce notevolmente il rischio della diffusione delle infezioni da una persona all’altra. Sarebbe meglio, quindi, procedere al lavaggio togliendo dalle mani bracciali o anelli, per consentire una corretta eliminazione della flora batterica. Naturalmente non bisogna esagerare, perché è anche vero che lavarsi ripetutamente le mani usando prodotti per l’igiene potrebbe essere una causa dell’insorgenza di fastidiose dermatiti. E’ importante, quindi, rimediare tempestivamente, ad esempio applicando una crema idratante quando possibile.

    538

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Igiene personaleMalattieSalute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI