Bambini e vacanze: il vademecum per la salute

Bambini e vacanze: il vademecum per la salute
da in Salute, Salute Bambini
    Bambini e vacanze: il vademecum per la salute

    Bambini e vacanze: come comportarsi? In questo periodo, in cui si parte per le ferie, può capitare che i più piccoli vengano colti da malesseri improvvisi, proprio perché non si sono rispettate tutte quelle precauzioni da seguire per una partenza in sicurezza. Gli esperti avvertono: è importante premunirsi con le vaccinazioni, con i farmaci giusti, seguire un’alimentazione sana e prevenire i colpi di calore. Vediamo insieme un vademecum che ci aiuta a capire che cosa è più opportuno fare.

    Specialmente se si decide di andare all’estero, non devono essere trascurate le vaccinazioni. Bisogna informarsi per tempo di quali sono i rischi che si possono correre nel Paese in cui si va. In questo modo ci si può assicurare un vaccino contro varie malattie: epatite B, pertosse, poliomielite, morbillo, rosolia, varicella. Sarà sempre il medico a stabilire il piano vaccinale per i più piccoli, tenendo conto anche del loro stato di salute, della loro età e della durata del viaggio.

    Molto utili sono anche i farmaci da portare all’estero, specialmente se si viaggia con i bambini. I medicinali strettamente necessari sono costituiti dall’antipiretico-analgesico, come il paracetamolo o l’ibuprofene, dall’antistaminico (utile per eventuali reazioni allergiche o per l’eritema solare), da una crema antistaminica, per alleviare il bruciore da punture di insetto, da un antisettico per le piccole ferite, da sali reidratanti, da usare soprattutto in caso di vomito e diarrea, e dalle fialette di soluzione fisiologica, che vanno bene sia per lavaggi nasali che per la detersione di qualche ferita. Se il vostro bambino soffre di una patologia cronica, bisogna essere sicuri che i farmaci di solito utilizzati siano sufficienti per tutta la vacanza.

    Il colpo di calore si può verificare, quando il nostro organismo non riesce a mettere in atto un processo di compensazione. Quest’ultimo avviene di solito attraverso la sudorazione, che riesce a garantire la costanza della temperatura corporea, indipendentemente da quella esterna. E’ molto importante riconoscere i primi segnali del colpo di calore, in modo da intervenire tempestivamente.

    I principali sintomi che devono destare la nostra allerta sono il senso di malessere generale, il mal di testa, la nausea, il vomito, la febbre, il respiro affannoso, i crampi muscolari e il senso di mancamento. Per prevenire un colpo di calore si deve restare in casa nelle ore più calde, si devono indossare abiti leggeri, è opportuno usare un ventilatore o l’aria condizionata, non bere bevande troppo fredde, rinfrescarsi di frequente.

    In vacanza devono essere portati anche i farmaci giusti contro le allergie. A seconda della destinazione, i bambini possono venire in contatto con i pollini oppure con animali, come cani e gatti. Se il soggetto è predisposto, possono sopravvenire riniti, congiuntiviti e crisi d’asma. Il kit antiallergico deve essere sempre a portata di mano e, se un bambino soffre di allergie alimentari, bisogna ricordarsi di portare in valigia l’adrenalina.

    Con il caldo l’alimentazione per l’estate è importante, sapendo cosa mangiare e cosa evitare. E’ essenziale che ai più piccoli sia assicurata un’adeguata assunzione di acqua, per evitare il rischio di disidratazione. Fondamentale è anche mangiare frutta e verdura di stagione, anch’esse ricche di liquidi. Diamo ampio spazio ai pomodori, alle zucchine, ai cetrioli, alle melanzane, al melone, alle pesche, all’anguria, dalle mille proprietà benefiche e nutrizionali, alle albicocche. Tutti questi cibi assicurano le sostanze nutritive, di cui l’organismo ha bisogno, compresi vitamine, sali minerali e fibre.

    709

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN SaluteSalute Bambini
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI