Antibiotici e sole: i pericoli per la salute

da , il

    Antibiotici e sole: i pericoli per la salute

    Antibiotici e sole: ci sono dei pericoli per la salute? In effetti, sia per quanto riguarda i bambini che gli adulti, bisognerebbe sempre chiedersi dopo quanti giorni dall’assunzione di sostanze, come, ad esempio, l’amoxicillina, è possibile esporsi ai raggi del sole, senza correre nessun rischio. Le molecole contenute in alcuni farmaci possono innescare delle reazioni particolari, quando la cute viene colpita dai raggi ultravioletti. Proprio per questo occorre fare molta attenzione, soprattutto per quel fenomeno che in dermatologia viene chiamato di fotosensibilizzazione. Vediamo quali sono i possibili effetti, in cui si potrebbe incorrere.

    I pericoli

    Particolare attenzione si deve fare, quando si va in spiaggia e si stanno assumendo degli antibiotici, al fenomeno di fotosensibilizzazione. Si tratta dell’azione di alcuni principi attivi dei medicinali, che reagiscono alla luce del sole, determinando la comparsa di allergie, che possono essere lievi, ma, in alcuni casi, possono comportare degli effetti anche notevoli. In particolare dobbiamo stare attenti quando assumiamo i sulfamidici, i chinolonici e le cicline.

    Possono comparire delle vere e proprie allergie, che si configurano come irritazioni della pelle. Quest’ultima è soggetta alla formazione di macchie rosse e anche di bollicine. Quando si ha una reazione di fotoallergia, il farmaco provoca una reazione del sistema immunitario: il risultato è la comparsa dell’orticaria, che a volte può anche non essere limitata soltanto alle zone esposte direttamente alla luce del sole.

    A volte può accadere che queste forme allergiche siano molto superficiali e quindi potrebbe anche non occorrere un intervento specifico, perché possono regredire spontaneamente. In questo caso basterebbe soltanto interrompere l’utilizzo del farmaco in questione. Anche questo, comunque, è rischioso, perché la cura che stiamo conducendo potrebbe risultare inefficace. Quindi non si tratta soltanto di un invecchiamento della pelle scottata dal sole, ma di badare alla nostra salute generale. Se, da un lato, vogliamo eliminare quelle cattive abitudini che fanno invecchiare la pelle, allo stesso tempo, con l’esposizione al sole, dobbiamo essere in grado di evitare possibili effetti che incidono sul nostro benessere.

    Che cosa fare

    La prima cosa da fare è quella di leggere attentamente il foglietto illustrativo. Soltanto in questo modo possiamo essere consapevoli delle conseguenze a cui possiamo andare incontro se, prendendo alcuni tipi di farmaci, capita di esporci al sole. Infatti, possibili reazioni si hanno non soltanto con i medicinali che si assumono per via orale, ma anche per quelli che prevedono un’applicazione direttamente sulla pelle.

    Il consiglio fondamentale sarebbe quello di evitare l’esposizione diretta al sole per tutta la durata della cura, in modo da evitare eventuali rischi. In ogni caso si deve sempre ricorrere al consiglio preventivo del medico, per essere informati su eventuali reazioni di fotosensibilizzazione o di fotoallergia.