Elezioni politiche 2018: quando si vota?

Qual è la data delle prossime elezioni politiche 2018? Quando si voterà in Italia il prossimo anno?

da , il

    Elezioni politiche 2018: quando si vota?

    Qual è la data delle prossime elezioni politiche 2018? Quando si voterà in Italia il prossimo anno? Calendario alla mano, vediamo quali sono le possibili date delle prossime elezioni, considerando che la scadenza naturale di questa legislatura è per il 24/25 febbraio 2018.

    Infatti, le elezioni del 2013 si sono tenute nel mese di febbraio, l’ultimo fine settimana, ossia il 24 e il 25.

    A cinque anni di distanza, dunque, le prossime elezioni politiche italiane potrebbero svolgersi in primavera, e comunque entro l’inizio dell’estate 2018.

    Di preciso quando si vota alle elezioni politiche 2018? Ancora è presto per avere una data precisa stabilita, ma verosimilmente la data per le elezioni che rinnoveranno il Parlamento sarà compresa tra i mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio. Anche se i nodi sulla legge elettorale non sono stati sciolti.

    Lo stesso capo dello Stato, Sergio Mattarella ha parlato delle elezioni nel 2018 durante una recente intervista a Bloomberg, spiegando che, secondo lui, la fine della legislatura Gentiloni andrà a termine con una scadenza naturale.

    Niente voto anticipato, dunque, Mattarella conferma in qualche modo la fiducia al Governo ‘presagendo’ le nuove elezioni politiche nella primavera del 2018: “La scadenza naturale della legislatura è fine febbraio. E la data naturale del voto e tra febbraio e inizio primavera. Naturalmente è sempre possibile in ogni democrazia che si creino condizioni per elezioni anticipate. In questo momento non ci sono segnali di questo genere per cui è probabile che si vada a scadenza naturale”.

    Si spera che nei mesi che restano a disposizione di deputati e senatori si riesca a trovare un accordo sulla legge elettorale, dopo il porcellum bocciato dalla Consulta, la riforma dell’Italicum, la nuova decisione della Corte Costituzionale e l’accordo saltato per un sistema elettorale alla tedesca.