Nina Moric sta con CasaPound

La modella croata in futuro potrebbe pure candidarsi con il movimento di estrema destra, come ha spiegato in un'intervista al Corriere della Sera

da , il

    Nina Moric sta con CasaPound

    La modella croata Nina Moric sta con CasaPound, anche se per ora non ha intenzione di candidarsi. Gianluca Iannone, presidente del movimento di estrema destra, la settimana prossima incontrerà la bellissima 40enne, che dal 2005 ha il passaporto italiano. E lei, al ‘Corriere della Sera’, ha spiegato i perché di questo avvicinamento: “C’è bisogno di gente che ama l’Italia. Per questo, mi metto in gioco”.

    La showgirl croata non ha paura di apparire troppo radicale per la sua scelta: Io sono sempre stata di destra, è un piacere per me aderire alle loro idee. Loro hanno tanto da dimostrare, per far capire chi sono veramente. Finora non ci sono riusciti”. Come detto, al momento, Nina Moric darà soltanto il suo sostegno al movimento: “Collaborerò nelle attività sociali. Mi occuperò di aspetti legati alla comunicazione. Per una candidatura, si vedrà”.

    I contatti con CasaPound si sono infittiti ultimamente: “Iannone l’ho sentito per telefono. Con il gruppo ci siamo avvicinati reciprocamente, anche grazie ai social. Tutti possono sapere le mie convinzioni politiche. Io credo in tutto ciò che fa CasaPound. Loro amano d’Italia, come Trump ama gli Stati Uniti. Il nostro Paese ha bisogno di gente carismatica”. Nina Moric non associa il movimento ai fascisti: “Il fascismo c’era 70 anni fa, ora non esiste più. Io sono nata sotto il regime comunista e so che cosa vuol dire la mancanza di libertà. Trovo esagerato collegare CasaPound a quel fascismo“.

    Pur non conoscendo alla perfezione Ezra Pound: “Uno scrittore, mi pare, inglese”, ma in realtà era americano, dimostra di aver studiato un po’ di storia: So che è stato fascista, ma che cosa c’entra con il 2017? In passato, per esempio, i fascisti ce l’avevano con i gay. Ma CasaPound la pensa diversamente. Loro non hanno mai pronunciato parole razziste o xenofobe”. Insomma, Moric utilizza già la sua popolarità per sponsorizzare Iannone e i suoi seguaci.