Riforma costituzionale: la nuova forma di Governo, fra luci e ombre

Riforma costituzionale: la nuova forma di Governo, fra luci e ombre

Pregi e difetti del nuovo rapporto tra esecutivo e i due rami del Parlamento

Docente di Diritto Costituzionale in News Politica, Politica, Referendum, Referendum Costituzionale 2016, Riforme
Segui autore:
    La nuova forma di Governo, fra luci e ombre

    Come valutare la riforma costituzionale almeno nella parte che riguarda la forma di governo? Sicuramente ci sono luci e ombre. Da un lato l’idea ispiratrice del disegno complessivo, vale a dire il superamento del bicameralismo perfetto, sembra essere condivisibile; mantenere il rapporto fiduciario tra la Camera dei Deputati, espressiva degli interessi politici generali e il governo, sembra dare all’aspetto complessivo dei nostri sistemi istituzionali un buon livello di linearità. Dall’altro lato però bisogna anche sottolineare alcune criticità.

    LEGGI ANCHE QUAL È LA DIFFERENZA TRA BICAMERALISMO PERFETTO E DIFFERENZIATO

    La prima è quella relativa all’elezione dei senatori: la scelta di fare eleggere i senatori dai Consigli Regionali con metodo proporzionale, anziché dalle Giunte, rischia di rendere il Senato anch’esso rappresentativo degli interessi politici generali e non delle autonomie territoriali.

    Questo perché ciascuno consiglio regionale dovrà scegliere senatori appartenenti a partiti diversi, alcuni di maggioranza, altri di opposizione, che, una volta in Senato finiranno probabilmente per aggregarsi più sulla base dell’appartenenza politico-partitica che su quella territoriale.

    LEGGI ANCHE COME CAMBIANO LE FUNZIONI DEL SENATO SECONDO LA RIFORMA

    Solo l’esperienza concreta, se ci sarà, è in grado di dire se la riforma renderà il sistema più lineare e funzionale o se invece lo renderà più contraddittorio e incerto.

    Clicca qui per vedere le altre video-spiegazioni del Prof. Mostacci sulla riforma costituzionale

    287

    SCRITTO DA Prof. Edmondo Mostacci Docente di Diritto Costituzionale Segui autore:
    PUBBLICATO IN News PoliticaPoliticaReferendumReferendum Costituzionale 2016Riforme
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI