Forza Italia senza Berlusconi: chi sarà il nuovo leader del partito?

Forza Italia senza Berlusconi: chi sarà il nuovo leader del partito?
da in Forza Italia, Giovanni Toti, Politica, Raffaele Fitto, Silvio Berlusconi, Stefano Parisi
Ultimo aggiornamento: Sabato 11/06/2016 13:23

    Forza Italia Berlusconi successori

    Che fine farà Forza Italia senza Silvio Berlusconi? Chi sarà il successore del partito? Berlusconi, alla vigilia dell’operazione al cuore a cui ha deciso di sottoporsi afferma di essere sereno: ”affronto questo passaggio delicato affidandomi a Dio e alla straordinaria professionalità dei medici e del personale del San Raffaele”. Per la vita politica della sua creatura non ha dubbi: ”Seguo da qui le vicende politiche in vista dei ballottaggi, e chiedo a tutte le donne e gli uomini di Forza Italia il massimo impegno per far prevalere i candidati del centro-destra ovunque siano in campo. Fi è pienamente operativa nei suoi organismi nazionali e periferici ed è perfettamente in grado di operare in questi giorni di mia forzata assenza”. Ma come sappiamo il medico ha detto all’ex Cavaliere di astenersi dalla politica attiva. Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, cerca di buttare acqua sul fuoco, e in un’intervista a Il Dubbio replica: “Il medico gliel’aveva consigliato anche vent’anni fa, quindici anni fa, dieci anni fa, cinque anni fa. Conosco bene questo consiglio. Noi un leader ce l’abbiamo. Il nostro lavoro sarà di costruire un nuovo soggetto politico con un programma, una struttura organizzativa e una credibilità comune prima del referendum“. Ma nonostante i toni rasserenanti di Brunetta, la sfida al vertice è cominciata, anche perché in ballo c’è la possibile dissoluzione di Forza Italia. Chi sarà il nuovo leader del partito? Vediamo alcuni dei possibili successori di Berlusconi.

    In piena corsa per la poltrona di sindaco di Milano, Stefano Parisi potrebbe essere l’uomo della nuova Forza Italia capace riunire tutto il centrodestra, ovviamente dopo aver lasciato il Nuovo Centro Destra. Il suo futuro dipenderà dal ballottaggio a Milano.

    Fitto Berlusconi 150x150

    I Conservatori di Raffaele Fitto sarebbero favorevoli a una sua nomina a leader di centrodestra antirenziano.

    Giovanni Toti

    L’ex direttore del Tg4 Giovanni Toti deve a Silvio Berlusconi parte della sua carriera politica, è partito per essere l’anima più moderata di FI, è stato suo delfino e consigliere (anche se ora sta legando con Lega e Fdi in Liguria).

    Renato Brunetta

    A puntare a un posto in prima fila c’è anche Renato Brunetta, contestato dal gruppo azzurro, che mirava a far parte se non altro del ”direttorio” che avrebbe dovuto gestire la fase di transizione (poi smentita dallo staff dello stesso Berlusconi).

    Presentazioni delle liste comunali di Forza Italia al Teatro Manzoni di Milano

    Maria Stella Gelmini, leader di preferenze tra Napoli e Milano, dove è stata in grado anche di ridimensionare Matteo Salvini. Gelmini è stata ”ufficialmente” lanciata da Laura Ravetto.

    Un’altra papabile al vertice è Mara Carfagna, già ministro per le Pari Opportunità nel quarto governo Berlusconi, sostenuta dall’area centro-sudista, sempre in testa ai sondaggi di gradimento nell’elettorato azzurro.

    898