Ballottaggio 2016 Napoli, De Magistris e Lettieri: i programmi a confronto

Ballottaggio 2016 Napoli, De Magistris e Lettieri: i programmi a confronto

Differenze e similitudini dei due candidati alla poltrona di sindaco

    Ballottaggio 2016 Napoli, De Magistris e Lettieri: i programmi a confronto

    Dopo 5 anni al ballottaggio del 19 giugno si rinnova la sfida tra Luigi de Magistris e Gianni Lettieri per la carica di sindaco di Napoli. Il primo turno delle amministrative del 5 giugno ha visto avanti il sindaco uscente che ha mancato la rielezione ma ha staccato di oltre venti punti il suo avversario, rappresentante del centrodestra. I programmi dei due candidati si differenziano su molti punti, ma su altri ci sono convergenze se non proprio similitudini. Ex magistrato uno, imprenditore l’altro, de Magistris e Lettieri sono diversi per storia personale ma accomunati da un aspetto che si sta rivelando fondamentale in queste elezioni. Entrambi corrono al di fuori dei partiti tradizionali: il sindaco uscente ha abbandonato la coalizione della “sinistra arcobaleno”, ha creato un suo soggetto autonomo, la lista deMa, e continua a non avere appoggi partitici. Lo sfidante è stato scelto e appoggiato da Forza Italia ma ha rivendicato con forza il suo ruolo di indipendente e di candidato civico e non politico. Vediamo un confronto tra i programmi dei candidati sindaco di Napoli.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Mai più emergenza rifiuti. Si punta a rafforzare la raccolta differenziata estendendo il porta a porta a tutta la città. A questo si aggiunge il monitoraggio della rete ecologica urbana e la creazione della rete parchi, il progetto per il recupero di Bagnoli e Napoli est, fotovoltaici sugli immobili del Comune, sostegno all’elettrificazione del porto, sviluppo del turismo ecosostenibile e un progetto sugli orti urbani. Raccolta differenziata porta a porta in tutta la città, eliminazione dei cassonetti e realizzazione di tre impianti di compostaggio in tre anni sono i punti per la gestione della spazzatura. Per far fronte al problema dello smog non più blocchi del traffico ma rinnovo del parco dei mezzi pubblici e sostegno all’elettrificazione del porto.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Potenziamento del trasporto pubblico con più autobus per le zone non servite da metro o funicolare e sviluppo della mobilità verticale con gli ascensori e abbattimento del costo dei pedaggi per i residenti fino all’eliminazione totale vanno di pari passo con la mobilità sociale con l’incentivo al car e bike sharing, oltre alla creazione di una rete di itinerari ciclopedonali connessi con le stazioni della metropolitana, aree pedonali, zone 30, ZTL anche in periferia. In dodici mesi si promette il raddoppio degli autobus per dimezzare i tempi di attesa. I nuovi autobus saranno ecologici, adatti alle persone con disabilità, dotati di wi-fi. Inoltre, si propone l’introduzione dell’Ecopass e la realizzazione in un progetto di parcheggi integrati, rimodulando le Ztl in base alle esigenze di cittadini e commercianti.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Razionalizzazione e aumento delle potenzialità abitative saranno portate avanti con una serie di interventi, dal cambio d’uso di edifici già esistenti al recupero di immobili, fino alla consegna di nuove strutture ancora non terminate. Nel programma anche la possibilità di acquistare l’immobile ai residenti non morosi. Infine, il Progetto Sirena per il recupero architettonico ed efficientamento energetico dei condomini. Il piano abitativo parte dalla possibilità di acquistare l’immobile di proprietà comunale da parte degli inquilini non morosi, a condizioni vantaggiose. Nel programma rientra un piano per la costruzione di nuove abitazioni da destinare agli anziani senza reddito e alle giovani coppie in difficoltà.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Non un piano specifico ma una serie di iniziative e di interventi per la città che diventano posti di lavoro, dalle strade alla metropolitana, passando per la riqualificazione dei mercati. Il programma del sindaco uscente elenca una serie di lavori pubblici per la gestione e la manutenzione del territorio cittadino, oltre a nuove piccole e grandi opere, con particolare attenzione al patrimonio artistico e all’aspetto urbanistico. Creare nuove opportunità di lavoro è l’obiettivo di Lettieri che vuole istituire una Banca di Microcredito a vocazione territoriale per il sostegno di commercianti, artigiani e start up.

    Si passa alla promessa di 48mila posti di lavoro in 36 mesi con la realizzazione di lavori pubblici e interventi di riqualificazione tramite l’uso di fondi europei e si arriva al progetto di realizzare tre Poli Produttivi recuperando strutture esistenti.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Cultura e la valorizzazione degli artisti, collettivi e operatori napoletani sono stati al centro del recupero culturale e artistico voluto dalla Giunta. Per i prossimi 5 anni si propone di individuare percorsi turistici in ogni quartiere, di recuperare gli antichi casali borbonici, ricercare nuove sponsorizzazioni, creare il parco archeologico urbano Forte di Vigliena e riqualificare il tratto di mare Sermoneta-Molosiglio. La cultura come traino per la città. Il programma di Lettieri prevede la riqualificazione e riapertura di musei, teatri e tutti i beni artistici della città e un piano straordinario di intervento per il recupero e la valorizzazione del centro storico. Di pari passo va anche il sostegno agli enti di promozione e diffusione culturale e incentivi al turismo per tutto l’anno.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Nel programma per i prossimi cinque anni de Magistris non ha un punto dedicato alla sicurezza ma ha alcune iniziative legate al tema. È il caso dei progetti per la vivibilità in cui sono compresei misure restrittive antimafia e anticorruzione per l’autorizzazione per pubblici esercizi e forme di detassazione per le imprese che assumano testimoni di giustizia o denuncianti. Il programma di Lettieri ha un punto specifico dedicato alla sicurezza in cui si propone l’istituzione di un corpo speciale di Polizia locale con 300 agenti per presidi h24 in tutta la città. Si prosegue con un piano integrato di videosorveglianza su tutto il territorio e il rafforzamento dell’operazione Strade Sicure con più forze dell’ordine e di Polizia presenti sul territorio.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Il sindaco uscente lega la tematica dello sport a quella della salute nell’ottica della prevenzione nei più giovani e non solo. La proposta prevede un miglioramento delle prestazioni sanitarie a partire dall’Osservatorio comunale sulla salute mentale istituito durante il mandato. Incentivi allo sport e costruzione di percorsi benessere per la città rientrano nel progetto. Lettieri ha un punto specifico per lo sport con la proposta di un piano straordinario per il recupero delle strutture sportive esistenti non utilizzate o non accessibili, usando anche i fondi per le Universiadi. Il progetto prevede anche la creazione di un “Voucher del campione” per avviare allo sport i ragazzi under 14 che provengono da famiglie in difficoltà.


    Luigi de Magistris
    Gianni Lettieri
    Non un progetto futuro ma un’iniziativa che è stata inaugurata prima del ballottaggio: il reddito di cittadinanza, un bonus di 600 euro mensili finanziato dal risanamento dei conti e lotta all’evasione. Per accedervi, bisogna avere 18 anni, non percepire altro reddito ed essere residenti, anche se stranieri, da almeno 24 mesi a Napoli. È poi necessario firmare un patto di accompagnamento al lavoro e alle attività socialmente utili. Anche lo sfidante propone un reddito minimo, chiamato reddito sostegno sociale, rivolto ai capifamiglia over 50 residenti a Napoli che hanno perso il lavoro e hanno terminato il periodo di mobilità. Il reddito prevede 600 euro mensili netti per 18 mesi, prorogabili per altri 18 mesi: in quel periodo sarà possibile presentare progetti alla Banca per il microcredito.

    1730

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI