Ballottaggio Bologna 2016: Virginio Merola e Lucia Borgonzoni, programmi a confronto

Ballottaggio Bologna 2016: Virginio Merola e Lucia Borgonzoni, programmi a confronto

Dalla sicurezza alla cultura, dai trasporti al turismo

    Ballottaggio Bologna 2016: Virginio Merola e Lucia Borgonzoni, programmi a confronto

    Mettiamo a confronto i programmi di Virginio Merola e Lucia Borgonzoni, candidati al ballottaggio di Bologna del 19 giugno. Il sindaco uscente e candidato del PD vuole la riconferma. Rispetto al 2011, quando aveva trionfato al primo turno, ha perso consenso. Questo incoraggia la candidata della Lega Nord, forte dell’appoggio di Matteo Salvini e di un programma improntato sulla sicurezza. Riportiamo le tematiche principali dei loro programmi, mettendoli a confronto, con l’intento di aiutare gli indecisi a farsi un’idea su chi votare al ballottaggio.

    LEGGI ANCHE: Chi è Virginio Merola
    LEGGI ANCHE: Chi è Lucia Borgonzoni



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Costruire nuovi edifici scolastici o riqualificare quelli esistenti; costruire cinque nuovi poli scolastici; creare opportunità di alternanza scuola-lavoro; innovare i modelli educativi di riferimento per l’attuazione di politiche di accoglienza e di integrazione, con particolare riferimento alla disabilità e più in generale ai bisogni educativi speciali; coinvolgere le risorse del territorio per qualificare l’offerta formativa e le opportunità educative-aggregative extrascolastiche; elaborare un piano di sistemazione del verde scolastico con la realizzazione di impianti sportivi. Costruire una scuola che pone il bambino/ragazzo al centro del percorso educativo, che non deve essere negato a nessuno. Mettere in sicurezza le scuole: è importante che strumenti di video sorveglianza siano posti anche all’interno di questi luoghi. Riorganizzazione dell’Istituzione Scolastica attualmente in essere che sta svilendo il ruolo degli insegnanti mentre sono proprio gli insegnanti che devono rendere incredibilmente straordinario il tempo che i nostri figli trascorrono a scuola.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Un progetto per sostenere il lavoro a partire dai 40 milioni di euro in arrivo dal Piano operativo nazionale (PON), dedicati a riqualificazioni, investimenti, progetti di sviluppo e implementazione di servizi. È in questo ambito che si inseriscono le quattro azioni proposte che mirano a favorire lo sviluppo di “comunità sostenibili”, attraverso politiche integrate e partecipate quali: abitare e inclusione dei giovani nella città che cambia; città digitale; edifici pubblici intelligenti; mobilità. Promozione delle startup giovanili e sperimentazione della Manifacturing Zone ed economic free zone. Lotta al racket dell’abusivismo che penalizza i commercianti onesti. No alla direttiva Bolkestein che mette a rischio il lavoro di migliaia di commercianti ambulanti regolari. Cancellazione degli studi di settore. Pretendiamo meno tasse e meno burocrazia per far ripartire l’economia della nostra città. Difesa del tessuto commerciale dell’area del centro per tutelarlo dai possibili danni che provocherà l’apertura di Fico. Protocollo d’intesa per il controllo della merce venduta nei mercati. Promozione tramite tutti gli strumenti possibili della vendita dei prodotti locali e Made in Italy. Meno tasse per i cittadini in difficoltà, per chi produce, per chi riqualifica gli edifici e l’arredo urbano, per chi rende più bella la nostra città.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Maggiore collaborazione tra le istituzioni pubbliche e private, imprese ed associazioni della città metropolitana attive nell’ambito della cultura. Nuovi modelli di gestione e organizzazione degli enti lirico-sinfonici per il Teatro Comunale. Qualificare e sostenere la rete dei festival incentivandone le capacità attrattive dall’esterno, costringendole ad un profilo sempre più internazionale e ad una maggior apertura rispetto ai progetti musicali della scena emergente. Nei prossimi anni sarà importante ridisegnare il sistema teatrale di Bologna. Organizzazione di eventi culturali e di promozione del territorio durante tutto l’anno, con particolare riferimento ai periodi coincidenti con il calendario delle fiere e con festività; concedere a tutti cittadini residenti del Comune di Bologna una tessera sconto per accedere in qualsiasi giorno dell’anno ai musei della città e a tutti gli eventi organizzati dal Comune qualora siano a pagamento. Istituzione di zone franche urbane “detassate” per la creazione di temporary store volti a riqualificare le aree e aumentare il valore commerciale degli immobili, in collaborazione con imprese locali e gli studenti universitari.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Proseguire il rapporto di stretta collaborazione con il Bologna Calcio per la ristrutturazione dello stadio Dall’Ara come straordinaria occasione per ammodernare lo stadio cittadino e come occasione di riqualificazione complessiva di quel quadrante di città da valorizzare nella sua complessiva vocazione sportiva. Implementare nel breve-medio termine un servizio di sportello sportivo che affronti tutte le problematiche in materia sportiva quali aspetti organizzativi, gestionali, amministrativi, giuridici, contabili e informativo-logistici. Promuovere una maggiore sinergia con le scuole della città sia in riferimento all’educazione allo sport e alla promozione sportiva all’interno degli Istituti Scolastici sia in riferimento all’utilizzo delle palestre scolastiche Iniziare la ristrutturazione dello stadio Renato Dall’Ara, con organizzazione delle zone limitrofe (anti stadio) e costruzione di parcheggi, fruibili anche durante la settimana. Verificare agibilità delle palestre comunali e dei campi da gioco sparsi sul territorio. Costruzione di nuovi campi di gioco.
    Organizzazione di un torneo “Comune di Bologna” di calcio, basket, pallavolo e tennis aperto a sportivi di tutte le età da organizzarsi nelle palestre e nelle piazze di ogni quartiere. Sviluppo e promozione sport “minori”. Sport come mezzo per contrastare il fenomeno del bullismo tra i più giovani e favorire l’integrazione.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Punteremo sui progetti di rigenerazione urbana e di inclusione sociale, atti a incidere sia sul degrado urbano e la prevenzione della microcriminalità, sia sul coinvolgimento attivo della cittadinanza, attraverso una forte azione educativa, a partire dalle scuole, nonché attraverso campagne e progetti mirati, per coinvolgere in prima persona il cittadino nel doppio aspetto di cura dei beni comuni e di sorveglianza su quanto accade sul territorio. Entro il 2017 le strade cittadine saranno maggiormente illuminate. Contrasto alle infiltrazioni mafiose. Istituzione di un servizio civile municipale volontario, retribuito per i ragazzi e le ragazze fino ai 30 anni. Chiusura centro accoglienza clandestini di via Mattei. No a zone franche di illegalità, spaccio e degrado. Sportello dedicato per la segnalazione delle occupazioni, sgombero di quelle presenti in città e tolleranza zero per chi occupa.

    Dotazione di mezzi e strumenti adeguati per gli Agenti della Polizia locale (corsi di difesa personale, spray al peperoncino e distanziatore). Richiesta al Governo di invio di nuovi Agenti e implementazione dell’Operazione Strade Sicure mediante l’impiego dei militari dell’ Esercito Italiano. Maggiore controllo e presidio del territorio con più uomini impiegati per la tutela della sicurezza e meno uomini dedicati alle multe. Stop alle occupazioni in essere in città e tolleranza zero per chi occupa. Chiusura dei campi rom regolari e non. Contrasto alla prostituzione. Lotta all’accattonaggio e all’abusivismo commerciale. Costante controllo dei centri massaggio e dei phone center. Rafforzamento del controllo a bordo dei mezzi pubblici. Sgravi per attività commerciali e privati che installano telecamere.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Per questo il Comune si farà promotore verso la Regione delle richieste di adeguamento della rete di offerta dei servizi sanitari e socio-sanitari che pervengono direttamente dalla sua comunità. Obiettivo principale del prossimo mandato: garantire a tutti i cittadini, in particolare alle fasce più fragili della popolazione, gli anziani, i disabili, i malati cronici, i bambini, e i nuovi cittadini, una rete diffusa di cure primarie in grado di assicurare equità nell’accesso alle prestazioni sanitarie e l’accompagnamento nei percorsi di diagnosi, cura e assistenza. Si darà l’indirizzo all’ASL di promuovere una semplificazione dei percorsi dei cittadini, riducendo gli aspetti burocratici delle prestazioni. Le liste di attesa dovranno essere ridotte ricorrendo ad una partnership pubblico-privato accreditato e per ridurre le attese si possono istituire i registri unici di prenotazione (RUP) per gli interventi chirurgici, per le visite specialistiche ambulatoriali e per le prestazioni diagnostico-terapeutiche. Per ottimizzare il lavoro negli ospedali cittadini si dovrebbe instaurare un doppio turno di lavoro, in maniera da far funzionare la struttura pubblica 7 giorni su 7, almeno 12 ore al giorno. Migliorare la qualità del ricovero presso le strutture ospedaliere cittadine. L’accesso ai servizi sociali deve essere equo e non discriminatorio verso i cittadini Italiani. Ripristinare il medico scolastico.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Una mobilità efficiente, sicura ed ecologica nel territorio urbano e metropolitano è uno dei fattori abilitanti per lo sviluppo della città e al contempo garanzia di qualità urbana e della vita. Le politiche di mobilità vanno definite, promosse e integrate su una scala sia urbana sia metropolitana, avvalendosi di adeguate risorse tecniche. Sarà completata la rete di filobus, studio di fattibilità per la reintroduzione del tram, andrà potenziata l’offerta di trasporto pubblico su gomma, sia con un miglioramento dei collegamenti trasversali (tra Quartieri e tra Comuni), sia negli orari serali e notturni. Chiediamo una valorizzazione autentica del patrimonio storico e artistico di Bologna, un sistema di mezzi pubblici moderno e una mobilità a misura di cittadino. Un territorio qualitativamente più vivibile. Meno traffico, meno inquinamento e più parcheggi, organizzandoli in modo maggiormente efficiente ed efficace e tenendo in considerazione le diverse situazioni, con particolare riguardo alle categorie più deboli, quali disabili ed anziani e donne in gravidanza e con bimbi (parcheggi rosa). Sviluppo di parchi e aree verdi, ambiente ed energia.



    Virginio Merola
    Lucia Borgonzoni
    Occorre proseguire nello sviluppo del turismo, allargando l’impatto a tutta l’area metropolitana e puntando a incrementare il numero di giorni di permanenza dei turisti. Il turismo bolognese deve essere prevalentemente esperienziale e di qualità, un segmento in grado di sostenere la redditività delle imprese del comparto. Tale tipologia turistica è allo stesso tempo quella meno propensa a “consumare” la città. Infatti, deve essere un nostro obiettivo quello di cercare e mantenere un profilo sostenibile della crescita turistica, prevenendo o guidando laddove necessari i fenomeni di gentrificazione della città. Occorre infine accendere una luce più attenta sui fenomeni di abusivismo, concorrenza sleale e lavoro irregolare tipici del settore. Programmazione degli eventi per consentire agli operatori di confezionare pacchetti turistici dedicati. Sinergia con musei, privati e enti pubblici. Sviluppo dei servizi di mobilità soprattutto nei fine settimana. “Bologna welcome” deve implementare servizi, creare eventi e porsi come riferimento specifico attivo e dinamico del turismo in città. Implementazione parcheggi per agevolare l’accesso alle aree centrali della città. Tavolo con ente gestore aeroporto per implementare e promuovere tratte nazionali, continentali, intercontinentali e low cost. Promozione e valorizzazione della fiera.

    2229

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI