Elezioni Torino, il programma elettorale di Piero Fassino

Il sindaco uscente va al ballottaggio con Chiara Appendino

da , il

    Di seguito la sintesi del programma elettorale di Piero Fassino. Alle 23 di Domenica 5 giugno, chiuse le porte dei seggi, si è passati allo spoglio delle elezioni amministrative in 1300 Comuni italiani. A Torino, il sindaco uscente e volto storico dei dem, Piero Fassino, non è riuscito ad avere subito la meglio sull’avversaria del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino. Il capoluogo piemontese infatti, andrà al ballottaggio domenica 19 giugno.

    I dati definitivi confermano quanto già visto con gli exit poll, ovvero Fassino in testa con il 41,83% e la Appendino al 30,92%. L’affluenza registrata, 57,19%, è in netto calo rispetto al 66% di cinque anni fa, quando però si votò in due giornate. Sarà il Movimento 5 Stelle a conquistare lo scettro sotto la Mole Antonelliana o si riconfermerà l’ex sindaco? Nell’attesa rivediamo nel dettaglio il programma di Piero Fassino.

    A TORINO BALLOTTAGGIO FASSINO-APPENDINO

    Abbiamo raccolto i punti principali del programma di Piero Fassino, eccone di seguito un estratto.

    Lavoro e sviluppo

    Agenzia per lo Sviluppo per attrarre investimenti e fondi europei per industrie, terziario e servizi.

    Agevolazioni fiscali e meno tasse per chi investe qui e crea nuovo lavoro.

    Sostegno alla ricollocazione dei lavoratori in mobilità.

    Cantieri di lavoro e più impieghi di utilità sociale.

    Valorizzazione delle attività commerciali di quartiere.

    Burocrazia zero: sportelli unici per imprese, commercianti e artigiani, professionisti e cittadini.

    Programmi di formazione professionale.

    Servizi per i giovani

    Servizi e sostegni all’imprenditoria giovanile.

    Promozione di FabLab, LivingLab e Coworking.

    Stage scuola lavoro e programmi di formazione professionale.

    Erasmus cittadino.

    Almeno il 30% di giovani sotto i 40 anni nei posti di responsabilità della pubblica amministrazione e nelle società comunali.

    Nuovi investimenti su Case del Quartiere e Centri giovanili.

    Programmi di housing sociale per giovani coppie.

    Internet più veloce per tutti grazie al nuovo piano di banda ultra larga.

    Da 5000 a 8000 posti letto nelle residenze universitarie con soluzioni abitative a basso costo.

    Riqualificazione periferie

    Metro 1 a Bengasi e Metro 2 da Mirafiori a Barriera di Milano.

    Città della Salute per continuare a trasformare l’area del Lingotto.

    Completamento del boulevard del passante ferroviario fino a Corso Grosseto e connessione con tangenziale e Caselle.

    Riqualificazione delle aree industriali di Mirafiori e B. San Paolo.

    Nuovo Parco dei laghetti della Falchera.

    Cittadella sportiva alla Continassa/Vallette.

    Campus Universitari: raddoppio Politecnico, Parco Scientifico a Grugliasco, Scienze Motorie nell’Ex Manifattura Tabacchi.

    Riqualificazione di Borgata Aurora-Vanchiglia e Borgo Vittoria.

    Recupero del Palazzo del lavoro di Italia ’61.

    Ricostruzione dello stadio Filadelfia.

    Decoro urbano

    10 milioni all’anno per la manutenzione straordinaria della città.

    Ripulitura dei muri da graffiti e atti vandalici su edifici pubblici e sgravi fiscali per gli interventi sugli edifici privati.

    Copertura al 100% della nuova illuminazione a led.

    Volontari civici nei parchi, davanti alle scuole e in luoghi di interesse pubblico.

    Regole per una movida rispettosa della convivenza.

    Maggiori controlli e sanzioni per la pulizia dei marciapiedi.

    Ampliamento delle aree dedicate ai cani.

    Città accogliente

    Prima città italiana a creare il “Distretto Culturale” con musei, palazzi storici e siti culturali del centro storico.

    Riqualificazione della Cavallerizza Reale e di Torino Esposizioni.

    Creazione del Polo dell’Arte Contemporanea.

    Off Broadway a Torino: atelier per giovani artisti.

    Biblioteche, librerie e gruppi culturali di territorio in ogni quartiere.

    Supporto alla street art e alla creatività giovanile.

    Nuovi campeggi e aree camper, ostelli della gioventù e sostegno alla ricettività alberghiera.

    Promozione del turismo di settore: cibo, spiritualità, concerti, congressi.

    Piano regolatore dello sport, palestre a cielo aperto, riqualificazione degli impianti sportivi.

    Vivibilità

    Promozione della mobilità sostenibile: bike e car sharing, pedonalizzazioni, mobilità elettrica.

    Biciplan: 100 nuove stazioni di bike sharing, estensione e riqualificazione delle piste ciclabili.

    Efficientamento energetico di scuole ed edifici pubblici.

    Torino capitale di start up e innovazione: diventeremo primi in Europa.

    Estensione della raccolta differenziata e del teleriscaldamento.

    Agenda digitale metropolitana e banda ultralarga.

    Smart City: S. Donato-Campidoglio primo quartiere Ecodigitale.

    Realizzazione dell’Innovation Mile, parco urbano dell’innovazione.

    Città d’acqua: valorizzazione dei Murazzi e delle sponde dei fiumi.

    Corona Verde: un anello di parchi intorno alla città.

    Valorizzazione degli orti urbani e della produzione agricola in città.

    Sicurezza

    Patto per la Sicurezza con il Governo e 100 agenti di Polizia in più.

    Intensificazione di controlli congiunti Polizia municipale, Polizia, Carabinieri, per il contrasto allo spaccio e microcriminalità.

    Numero speciale di pronto intervento e assistenza legale per anziani vittime di truffe e furti.

    Installazione di videocamere nelle aree a rischio.

    Superamento dei campi rom, con soluzioni abitative alternative.

    Aumento degli agenti della Polizia Municipale nelle zone più critiche e di notte.

    Potenziamento alla lotta all’abusivismo commerciale.

    Aumento dei controlli amministrativi e delle sanzioni a chi vende alcolici ai minorenni.

    Programmi di educazione alla legalità nelle scuole.

    Famiglie e anziani

    50 milioni all’anno per servizi sociali e assistenziali.

    Sportello unico su lavoro, assistenza e casa, per rendere più semplice la vita dei cittadini.

    Agevolazioni per famiglie numerose o con anziani a carico.

    Incentivi tributari per favorire l’affitto di alloggi a canone calmierato.

    Ulteriore dotazione del fondo salva sfratti.

    Assistenza e sostegno alle persone non autosufficienti o disabili.

    Azioni per l’invecchiamento attivo e il volontariato civico.

    Programmi di accompagnamento e protezione delle persone sole.

    Bambini e adolescenti

    50 milioni all’anno per i servizi educativi.

    Asili nido e scuole dell’infanzia: azzeramento delle liste d’attesa, iscrizione unificata online, assunzione di nuovo personale.

    Scuole dell’infanzia internazionali in tutte le circoscrizioni.

    Scuole accoglienti, sicure: programma di manutenzione e riqualificazione, comprese aree verdi e palestre.

    Piano adolescenti: recupero della dispersione scolastica, contrasto alle dipendenze, al bullismo, all’omofobia.

    Diritti

    Riorganizzazione dei servizi per favorire la conciliazione lavoro/famiglia, sperimentando nuovi orari di nidi e scuole materne e favorendo il telelavoro.

    Tutela dei diritti e delle garanzie di lavoratori e lavoratrici.

    Promozione di imprenditoria femminile e del talento delle donne.

    Giunta comunale paritaria e parità di genere nelle nomine in enti, fondazioni e società.

    Azioni di contrasto alla violenza contro le donne e di tutela della loro vita quotidiana.

    Progetti per valorizzare le capacità e i talenti delle donne migranti.

    Promozione dell’integrazione multiculturale e multi-religiosa.

    Contrasto a ogni forma di omofobia, tutelando il diritto di ogni persona di vivere liberamente il proprio orientamento sessuale.

    L’AVVERSARIA: IL PROGRAMMA DI CHIARA APPENDINO