Elezioni Roma, i candidati di centrodestra

Elezioni Roma, i candidati di centrodestra

    Campidoglio

    Sono tanti i candidati del centrodestra alle prossime elezioni comunali di Roma. Giorgia Meloni sarà sostenuta da Matteo Salvini ma non da Silvio Berlusconi. Dopo l’addio a Guido Bertolaso, l’ex Cavaliere ha virato sul moderato e trasversale Alfio Marchini. Poi c’è il più destrorso Francesco Storace. Fino a sfociare nell’estrema destra di Casapound e Forza Nuova. Vediamo i candidati.

    Giorgia Meloni

    Alla fine Giorgia Meloni ha deciso di candidarsi. Le polemiche sulla gravidanza, con Berlusconi e Bertolaso che le hanno consigliato di pensare a fare la mamma, l’hanno convinta a scendere in campo. La leader di Fratelli d’Italia, romana della Garbatella, è sostenuta da Matteo Salvini e dal suo movimento romano Noi con Salvini.

    Alfio Marchini

    Inserire Alfio Marchini tra i candidati di centrodestra sembrava un po’ una forzatura. L’imprenditore romano è un politico moderato e trasversale. Eppure alla fine sarà lui l’uomo di Berlusconi che, a sorpresa, a fine aprile lo ha preferito a Guido Bertolaso. Proverà, per la seconda volta consecutiva, a diventare sindaco di Roma con la sua lista civica e con l’appoggio di Forza Italia e dei centristi. Più che per esperienza e meriti politici, è diventato celebre grazie alla parodia che ha spopolato su Facebook diventando Arfio, con i post chiusi dal tormentone “Roma ti amo“.

    Francesco Storace

    “Di Roma e dei romani, Berlusconi e compagnia non hanno capito nulla e pensano di poterci impunemente prendere in giro”, attacca Francesco Storace, leader de La Destra. L’ex presidente della Regione Lazio (dal 2000 al 20005) vuole prendersi il Campidoglio: “Sono l’unico candidato di destra nel centrodestra”, sostiene. Vero: ma alla sua destra ci sono candidati ancora più a destra.

    Simone Di Stefano

    Simone Di Stefano è il candidato di CasaPound, movimento politico di ispirazione fascista. Su Facebook ha annunciato le priorità per la Capitale: “Basta immigrazione, basta accoglienza, basta sporcizia, sbandati e clandestini ad ogni angolo della strada. Basta italiani scavalcati in tutte le graduatorie dagli ultimi stranieri arrivati. Basta roghi tossici, campi nomadi e insediamenti abusivi. Quando avremo finito con questa città le mie due bambine potranno andare a prendere il gelato da sole alla stazione Termini”.

    Alfredo Iorio

    Più a destra di tutti Alfredo Iorio, candidato appoggiato da Forza Nuova, Msi e Fiamma Tricolore: “Roma è morta, uccisa dai partiti e dai salotti del potere, ma noi crediamo nella Resurrezione ed io mi candido per rinnovare la speranza di una nuova vita della città”.

    781