Silvio Berlusconi: ‘Non mi aspettavo tanta durezza dai miei alleati’

Silvio Berlusconi: ‘Non mi aspettavo tanta durezza dai miei alleati’

Il leader di Forza Italia sulle comunali a Roma: 'Se restiamo divisi non c'è nessuna possibilità di vincere'

da in Elezioni, Elezioni amministrative 2016, Elezioni Comunali a Roma, News Politica, Politica, Silvio Berlusconi
Ultimo aggiornamento:
    Silvio Berlusconi: ‘Non mi aspettavo tanta durezza dai miei alleati’

    Continua la polemica del centrodestra sulle prossime elezioni comunali della Capitale. Ieri, la decisione spiazzante di Silvio Berlusconi che ha scaricato Guido Bertolaso e puntato su Alfio Marchini come candidato per il Campidoglio. Dura la reazione di Giorgia Meloni - anche lei candidata sindaco di Roma – e il leader della Lega Matteo Salvini che su twitter lancia un messaggio al fondatore di Forza Italia: “Coltivando gratitudine per Berlusconi, ha fatto tantissime cose, ma il tempo passa per tutti”.

    È un Silvio Berlusconi amareggiato, quello che risponde ai microfoni di Radio Anch’io, all’indomani delle polemiche: “Non mi aspettavo tanta durezza, io non ho mai praticato durezza nei confronti di nessuno, tantomeno degli alleati” riferendosi a Giorgia Meloni e Matteo Salvini il leader di Forza Italia ha dichiarato: “Se restiamo divisi non c’è nessuna possibilità di vincere le politiche. Restando divisi restiamo assolutamente ininfluenti e consegniamo il Paese alla sinistra.

    Uniti si vince, divisi perdiamo”. E a chi lo ha accusato di essere troppo morbido nei confronti del Premier o di voler far perdere il centro destra, Silvio Berlusconi risponde: “Un nuovo patto del Nazareno? Nulla di più lontano dal vero, noi dobbiamo porre fine al governo di Renzi, un governo illegittimo e abusivo che è contro il voto del popolo. Noi dobbiamo mettere fine all’emergenza democratica quindi una decisione su Roma non cambia questo atteggiamento”.

    331

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ElezioniElezioni amministrative 2016Elezioni Comunali a RomaNews PoliticaPoliticaSilvio Berlusconi

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI