Matteo Salvini premier: ecco come sarebbe l’Italia targata Lega

Matteo Salvini premier: ecco come sarebbe l’Italia targata Lega

Un esercizio semiserio di fantapolitica (che potrebbe diventare reale)

da in Lega Nord, Matteo Salvini, News Politica, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Come sarebbe l’Italia con Matteo Salvini premier? Sarebbe diversa da quella attuale o alla fine non cambierebbe nulla? Le possibilità che il leader della Lega Nord arrivi a Palazzo Chigi ci sono, forse non molte al momento, ma non è detta l’ultima parola. Se il centrodestra riuscisse a risolvere la crisi interna e a riunirsi con un programma condiviso, le probabilità salirebbero. Certo, Salvini dovrebbe far dimenticare a metà Italia (dal Po in giù) gli anni di lotta contro il Meridione, il “Roma ladrona la Lega non perdona”, i cori razzisti contro i napoletani, il Nord “libero” dalle mafie perché la criminalità c’è solo al Sud: l’impresa non è poi così ardua in un paese dalla memoria corta come il nostro. Se tutti i pianeti si allineassero, come sarebbe l’Italia di Matteo Salvini?

    LEGGI ANCHE –> COME SAREBBERO GLI USA DI DONALD TRUMP PRESIDENTE?

    Piaccia o no, il segretario del Carroccio è un politico esperto, forgiato in anni di battaglie, forte di una militanza di base che non è mai venuta a mancare. Ancora oggi, all’apice del successo personale, ama i bagni di folla nei mercati e nelle piazze cittadine, ma non disdegna i salotti tv (dove è ospite fisso) e il palcoscenico mediatico dei social. Salvini sa parlare alla “pancia” del suo elettorato, usando toni meno urlati dei suoi predecessori (come dimenticare i gestacci e le parolacce di Umberto Bossi?) ma non per questo meno forti. Il programma elettorale è simile a quello della Lega dei primi tempi: al posto dei “terroni” ci sono gli immigrati (che in realtà ci sono sempre stati). Sono cambiati i modi ma non la sostanza: ecco come potrebbe essere l’Italia sognata da Matteo Salvini.

    Mai più immigrazione. La nuova Italia avrà le frontiere più militarizzate d’Europa. Una sorta di Australia all’europea, con la Marina schierata a difesa delle coste, pronta a rispedire al mittente i gommoni dei disperati: altro che chiusura del Brennero. Dopo aver gridato all’invasione dello straniero per anni, il premier leghista realizzerà il sogno più grande, seguendo l’esempio del suo guru, Donald Trump: chiudere tutti i confini italiani, alle persone e alle merci.

    salvini trump fb

    Tutto sarà made in Italy (felpe e ruspe comprese) in una sorta di favolosa autarchia, una bolla dove tutto sarà puro e italiano e dove tutto costerà il quadruplo.

    Altro che iPhone di ultima generazione: gli italiani torneranno a usare il caro vecchio telefono di casa, inventato dall’italianissimo Antonio Meucci.

    Anche i lavoratori delle campagne saranno (forse) tutti italiani: chi non trovava lavoro e passava ore a infierire contro gli “stranieri che rubano il lavoro”, in un primo momento si spaccherà la schiena a raccogliere i pomodori per una manciata di euro, ma poi tornerà a lamentarsi su Facebook, cercando l’ennesimo capro espiatorio. In tutto questo, trovare una forma di (italianissimo) Grana Padano sarà quasi impossibile: dopo la fuga degli indiani sikh, quasi nessuno è tornato a lavorare nelle stalle e la produzione è crollata.

    Matteo Salvini inaugura la sede elettorale di Roma Lega   Noi con Salvini

    Niente più euro ed Europa: l’uscita dell’Italia dalla zona euro provocherà un disastro economico-finanziario di proporzioni enormi, ma vuoi mettere la soddisfazione di tornare a usare le vecchie lire, alla faccia di Mario Draghi?

    D’altro canto, Angela Merkel e company lasceranno l’Italia al suo destino: i rapporti industriali e commerciali con i partner europei saranno ridotti a zero. In compenso, arriveranno commesse di ogni tipo dalla Corea di Kim Jong-un.

    In politica estera, basta con la diplomazia del buonismo, meglio il realismo e l’interventismo di Vladimir Putin: se poi saremo chiamati a sostenere il pugno d’acciaio del nuovo zar, sarà difficile tirarsi indietro.

    In cambio però ci sarà sicurezza e legalità per le strade: grazie alla nuova legge sulla legittima difesa (e al luminoso esempio dell’America di Trump), quasi ogni famiglia avrà un’arma in casa, da usare contro ladri, venditori porta a porta e chiunque tenti di violare il sacro confine della porta senza un permesso. Insomma, una nazione di killer casalinghi ma rigorosamente made in Italy.

    817

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Lega NordMatteo SalviniNews PoliticaPolitica

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI