Quanto costa il Senato italiano: facciamo le pulci al bilancio

Vediamo quanto costa il Senato italiano, a partire dagli stipendi dei 321 senatori presenti in Parlamento

da , il

    A quanto ammontano i costi della politica in Italia? E più nel dettaglio, quanto costa il Senato agli italiani? E’ quello che andiamo a scoprire nelle pagine seguenti, andando a spulciare i documenti ufficiali di bilancio approvati dal Senato stesso, e riferiti sia all’anno 2014 che al 2013. Ricordiamo che con il primo gennaio 2015 è stato reso operativo un sistema che prevede un tetto massimo agli stipendi e che riguarda tutte le categorie di lavoratori (assistenti e burocrati) di Camera e Senato. Tutto questo dovrebbe garantire un risparmio di oltre 96 milioni di euro nel complesso, per il periodo 2015-2018. Ma quanto grava Palazzo Madama sulle tasche di noi contribuenti? Vediamo quanto costa il Senato italiano, a partire dagli stipendi dei 321 senatori (di cui sei eletti e a vita) presenti in Parlamento (fonte: bilancio del Senato 2014bilancio del Senato 2013)

    Costo complessivo

    Nel 2014 la spesa complessiva al Senato è ammontata a 501.626.666,12 euro, con una diminuzione del 2,21% rispetto all’anno precedente. Nel 2013 Senato e senatori sono infatti costati agli italiani 513 milioni di euro, -1,47% rispetto all’anno prima (2012). Le spese complessive del 2014 sono state, dunque, più basse rispetto ai due anni precedenti. Quindi per farla breve nel 2014 ogni senatore ci è costato in media circa un milione 562 mila e 699 euro, mentre nel 2013 ogni senatore ci è costato un po’ di più, quasi un 1 milione e seicentomila euro.

    Stipendi e indennità

    178.796.778 euro (contro 180.281.056 euro nel 2013) è la cifra corrispondente all’ammontare delle spese complessive relative a specifiche voci, come gli stipendi dei senatori in carica, l’indennità parlamentare, eventuali rimborsi-spesa come la diaria, compreso il trattamento dei senatori cessati dal mandato (quest’ultima voce singola è di 80.381.632,96 contro 80.893.600 euro del 2013).

    I segretari

    Tenendo sempre in considerazione l’anno 2014, il personale addetto alle segreterie particolari è costato 8.708.821 euro, mentre nel 2013 questo dato si assestava su 9.872.736 euro.

    I dipendenti e le consulenze esterne

    Le consulenze richieste dal Consiglio di Presidenza e per i Presidenti delle Commissioni e delle Giunte parlamentari sono costate 894.029 euro nell’anno 2014, dato che fa segnare un -27,57% rispetto all’anno 2013 quando la spesa è stata di 1.234.411 euro. Per quanto riguarda stipendi e pensioni elargiti al personale dipendente, nel 2013 la spesa è stata di 238.629.746 euro mentre nel 2014 di 239.209.860, con un aumento della spesa riferibile soprattutto alle pensioni.

    Spese per servizi e forniture

    3.223.369 euro sono serviti nel 2013 per pagare gli stipendi del personale di altre amministrazioni ed enti che forniscono servizi in Senato. Nel 2014 la spesa è stata di 3.088.068, quindi inferiore rispetto all’anno precedente.

    La mensa

    Quanto costa dare da mangiare ai senatori? Per il 2013 il servizio di ristorazione è costato 1.430.448 euro, e nel 2014 si è registrato un incremento di 115.684,44 euro che porta il dato fino a 1.546.133,43 euro. Che diviso per 321 senatori, fa una media di 4.816 euro a cranio.

    Gli affitti

    Le spese per le Locazioni e utenze del Senato nel 2013 sono ammontate a 4.537.665 euro mentre nel 2014 sono diminuite fino a 3.748.497,98 euro (– 789.167,63 euro rispetto all’anno precedente).

    Trasporti e spedizione

    Per servizi di trasporto e spedizione, il Senato ha speso 5.630.994,99 euro nel 2013, con un risparmio del 18,62% rispetto all’anno precedente, dovuto principalmente al minor utilizzo dei trasporti in correlazione con il cambio legislatura. Nel 2014, invece, assistiamo a un ulteriore aumento delle spese (+424.746,44) per un totale di 6.055.741 euro di costi per trasporti e spedizioni.

    La comunicazione

    La comunicazione istituzionale nel 2013 è costata agli italiani 5.931.834 euro, mentre nel 2014 il dato cala a 4.633.631 euro.

    Le cerimonie

    Le spese per servizi cerimoniali di rappresentanza e altre forniture di supporto al funzionamento istituzionale sono costate 842.018 euro nel 2013 e si sono ridotte nel 2014 a 589.069,87 euro.

    LEGGI ANCHE QUALI SONO GLI STIPENDI DEI PARLAMENTARI >>> CHI SONO I PENSIONATI D’ORO IN ITALIA