Unioni civili: il Pd europeo cancella i tweet in cui critica la legge Cirinnà

Unioni civili: il Pd europeo cancella i tweet in cui critica la legge Cirinnà

Tweet 'scomodi' e critici verso il governo cancellati dai social

    Unioni civili: il Pd europeo cancella i tweet in cui critica la legge Cirinnà

    Il Partito dei Socialisti Europei, nella cui galassia orbita anche il Partito Democratico, è stato protagonista di un curioso siparietto avvenuto su Twitter. Chi gestisce la pagina social del PES – Party of European Socialists, ha dapprima postato un commento in cui si criticava l’approvazione della Legge Cirinnà senza il capitolo sull’adozione del figlio del partner (la famigerata stepchild adoption), per poi cancellarlo e twittare un altro messaggio più morbido nei toni. Ma non è finita qui…

    Il primo tweet recava il messaggio ”Disappointed that the italian #Senato approved gay civil unions but without right to adoption. #LGTB rights still far fron fulfillment”, ovvero ”Delusi che il Senato italiano ha approvato la legge sulle unioni civili ma senza il diritto all’adozione. I diritti LGBT sono ancora lontani dall’essere raggiunti”.

    Pes sulle unioni civili

    Dopo aver cancellato e inserito questo secondo messaggio: ”Il Senato italiano approva le unioni civili gay, un buon passo nella giusta direzione, c’è ancora da fare per i diritti LGBT” (Italian #Senato approves gay civil unions. A good step in the right direction, still some way to go on #LGBT right), qualcuno deve aver storto il naso.

    Tweet PES su Gazebo

    Infatti nemmeno questo secondo messaggio sembra essere bastato (o piaciuto) ai ”superiori”, tanto che alla fine viene postato un terzo tweet dal testo asciutto e politically correct, riportato anche da Diego Bianchi nella sua trasmissione su Raitre, Gazebo. Incredibilmente poco dopo anche questo tweet con i complimenti al governo Renzi (”Il senato italiano approva le unioni civili. Un buon passo nella giusta direzione”) è stato poi cancellato dalla pagina Twitter in questione.

    383

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN PD – Partito DemocraticoPoliticaUnioni civili

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI