‘Sparate ai profughi’, l’idea della conservatrice tedesca Frauke Petry

‘Sparate ai profughi’, l’idea della conservatrice tedesca Frauke Petry

La reazione: 'Gli anti-immigrati vanno sorvegliati, come i neonazisti'

    ‘Sparate ai profughi’, l’idea della conservatrice tedesca Frauke Petry

    Sparate ai profughi”. La tedesca Frauke Petry, a capo del partito euroscettico di destra Alternative für Deutschland (AfD), formazione schierata contro gli immigrati, ha sostenuto la sua idea per prevenire situazioni di illegalità in Germania. Secondo la ‘signora dal grilletto facile‘, la polizia schierata al confine dovrebbe avere un solo chiaro scopo: ”devono prevenire l’attraversamento illegale delle frontiere e se necessario anche usare armi da fuoco”.

    LA DIFFERENZA TRA RIFUGIATI E IMMIGRATI

    Non sono mancate le reazioni all’interno della Cancelleria tedesca. Sigmar Gabriel, leader dei socialdemocratici e vice di Angela Merkel ha commentato sulle pagine del Bild che ”i servizi di sicurezza dovrebbero occuparsi dei dirigenti dell’AfD”, che andrebbero controllati a vista come si fa con i neonazisti, e andrebbe vietato loro di parlare pubblicamente.

    La vicenda ha alimentato il dibattito interno in Germania a proposito dei migranti che provano a entrare nel Paese, e non mancano i sostenitori della Petry, secondo i quali sparare sui profughi disarmati, o per lo meno minacciare di farlo, è un valido disincentivo alle richieste di asilo degli immigrati.

    258

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI