Primarie PD Milano 2016: i programmi dei candidati in video-interviste esclusive

Primarie PD Milano 2016: i programmi dei candidati in video-interviste esclusive

    Candidati Primarie PD Milano

    La campagna elettorale per le elezioni primarie che decideranno il candidato sindaco del Partito Democratico al Comune di Milano è, almeno per il momento, la più accesa battaglia, anche a livello nazionale, in vista delle elezioni amministrative di giugno 2016. Forse perché si terranno il 7 febbraio, mentre quelle di Roma, Napoli e altre città il 6 marzo, o più probabilmente perché a Milano l’esito delle primarie PD risulta meno scontato che altrove (Leggi qui gli ultimi sondaggi).
    Tuttavia lo scontro fra Francesca Balzani, Antonio Iannetta, Piefrancesco Majorino e Beppe Sala (elencati rigorosamente in ordine alfabetico per non favorire nessuno) risulta finora molto “gossipparo” e troppo privo di contenuti. Così noi di NanoPress.it abbiamo rivolto a ciascuno di loro le stesse 10 domande dirette, che richiedono risposte altrettanto precise, per sapere realmente che cosa ne sarà di Milano se dovessero essere i futuri sindaci del capoluogo lombardo.
    Siamo infatti, convinti che questo sia quello che realmente interessa ai cittadini e ai nostri lettori!

    10 domande a Francesca Balzani

    Genovese di nascita, dove ha ricoperto anche il ruolo di Assessore al Bilancio, Francesca Balzani è stata spesso attaccata, anche degli altri candidati, proprio per essere arrivata a Milano soltanto nel 2009, quando Giuliano Pisapia la chiamò come Vicesindaco, dopo un’esperienza come Parlamentare europeo.
    In questa intervista dimostra, invece, di avere le idee chiare su come vorrebbe Milano, soprattutto per quanto riguardo l’inquinamento, che – a suo dire – «sarà la vera sfida nei prossimi anni». Non a caso propone che almeno metà dello spazio che ha ospitato i padiglioni di Expo 2015 diventi un’area destinata al verde e l’ampliamento dell’Area C. Per quanto riguarda, invece, i campi rom e il reddito di cittadinanza rimanda la gestione più all’Europa che al Comune.

    10 domande ad Antonio Iannetta

    Antonio Iannetta è l’outsider di queste elezioni Primarie e spesso è stato etichettato come l’alieno. Posizione che, tuttavia, potrebbe non dispiacergli, visto che anche Giuliano Pisapia era lo sfidante rispetto al candidato “di partito” ed è riuscito a vincere non solo a vincere le primarie del PD, ma anche a conquistare Palazzo Marino. Iannetta non ha, infatti, un passato in politica: è un manager del sociale e Presidente dell’Unione Italiana Sport Per tutti di Milano.
    Nonostante questo dimostra in quest’intervista di conoscere la macchina amministrativa milanese e non risparmia qualche critica al suo attuale funzionamento. «Andava progettato prima il post Expo – spiega – e, nel momento della chiusura, doveva già partire il nuovo progetto». Per questo «un’area di milioni di metri quadrati deve essere subito rimessa in moto», secondo Iannetta. Come? Nella video-intervista propone la sua.

    10 domande a Pierfrancesco Majorino

    Pierfrancesco Majorino ha iniziato a occuparsi di Milano, tramite la politica, più o meno all’età che ha oggi suo figlio: 7 anni. O, comunque, da giovanissimo. Infatti è stato segretario cittadino e responsabile del coordinamento milanese dei Democratici di Sinistra e Consigliere comunale da 10 anni. Assessore alle Politiche sociali e Cultura della Salute, fra i candidati è quello che dimostra più continuità con la Giunta di Giuliano Pisapia, il Sindaco uscente che però ha inspiegabilmente deciso di non ricandidarsi.
    Paura di perdere, volendo essere malpensanti, o di non riuscire a fare meglio, se vogliamo invece essere in buona fede, Majorino non ne ha. Di diverso rispetto a quanto fatto finora introdurrebbe il “reddito minimo comunale”, che – scippandolo un po’ al Movimento 5 Stelle – dice: «E’ la mia proposta».

    beppe Sala

    Beppe Sala, uscito vincitore dall’esperienza di Expo 2015, è sicuramente il candidato al momento più quotato e soprattutto più sostenuto dalla dirigenza del Partito Democratico, anche a livello nazionale. Per sapere cosa ne pensa Sala sulla possibilità di costruire una Moschea a Milano, sulla trascrizione dei matrimoni gay, sull’opportunità di garantire un reddito minimo a tutti i milanesi, su dove posizionare i campi rom e molto altro ancora non perdetevi l’intervista che uscirà nei prossimi giorni, sempre su NanoPress.it.

    869

    PIÙ POPOLARI