Sicurezza in Italia, Renzi prepara il giro di poltrone ai vertici delle Forze Armate

Sicurezza in Italia, Renzi prepara il giro di poltrone ai vertici delle Forze Armate

Marco Carrai a capo della agenzia nazionale per la sicurezza cibernetica

da in Forze Armate Italiane, Governo Renzi, Matteo Renzi, Politica, Polizia, Sicurezza
Ultimo aggiornamento:
    Sicurezza in Italia, Renzi prepara il giro di poltrone ai vertici delle Forze Armate

    Matteo Renzi si prepara a costituire una agenzia nazionale per la sicurezza cibernetica e a cambiare i vertici di polizia, carabinieri e forze armate. Tutto parte dalla probabile nomina di Marco Carrai come responsabile della sicurezza cibernetica. Il premier sta infatti per costituire una struttura solida per la cybersicurezza, arma importante nella lotta al terrorismo.

    In una direttiva di agosto il Presidente del Consiglio aveva sottolineato la necessità di “un sistema di reazione in grado di operare, rapidamente e in maniera efficace, in caso di incidenti o azioni ostili nei confronti delle infrastrutture informatiche nazionali”, tramite “un aumento della dotazione in termini di risorse umane e materiali presso le Amministrazioni e gli Organismi coinvolti”; “la realizzazione di un coordinamento istituzionale, che garantisca la condivisione e la circolarità delle informazioni, potenziando l’operatività degli assetti trasversali previsti dal sistema di reazione”, “il Nucleo per la Sicurezza Cibernetica, il CERT Nazionale e il CERT-PA”.

    Sul piatto sono pronti un bel po’ di soldini: con la legge di stabilità sono stati stanziati 150 milioni. A capo ci sarà quasi sicuramente Carrai, imprenditore fiorentino ed esperto del settore, nonché grande amico di Renzi. Non si sa se riceverà un ruolo tecnico o politico, ma probabilmente dovrà abbandonare alcuni incarichi imprenditoriali per evitare conflitti di interesse.

    Nell’idea del premier la nuova struttura dovrà essere in grado di comunicare, senza entrare in contrasto, con le altre forze di sicurezza. Che nei prossimi mesi avranno nuovi capi.

    Almeno sei saranno le nomine al vertice di Intelligence, Polizia, Finanza, Forze armate. A giugno il capo della Polizia Alessandro Pansa raggiungerà l’età pensionabile e Palazzo Chigi dovrà nominare il successore. Stesso discorso vale per il comandante generale della Guardia di Finanza Saverio Capolupo che compirà 65 anni a maggio; per il direttore dell’Aisi, il generale dei carabinieri Arturo Esposito che ha già varcato l’età pensionabile; inoltre dovranno essere nominati i nuovi capi di Stato maggiore di Aeronautica e Marina militare e del Dis (l’organo di coordinamento delle nostre due agenzie di Intelligence), visto che il mandato quadriennale del direttore Giampiero Massolo è in scadenza.

    411

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Forze Armate ItalianeGoverno RenziMatteo RenziPoliticaPoliziaSicurezza

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI