Abolizione Imu sulla prima casa: cosa prevede la manovra di Renzi?

Abolizione Imu sulla prima casa: cosa prevede la manovra di Renzi?
da in Codacons, Imu, Matteo Renzi, Politica, Riforme, Tasse, Unione Europea, Carlo Rienzi
Ultimo aggiornamento:
    Renzi annuncia la riduzione delle tasse

    Alla fine Matteo Renzi ha fatto quello che aveva promesso e ha eliminato la tassa sulla prima casa con la legge di stabilità 2016. Il testo, presentato con ministro Pier Carlo Padoan, prevede l’abolizione dal prossimo anno dell’imposta sugli immobili di proprietà, senza distinzione di “classamento catastale o di altri parametri”: se fino a ora i proprietari di case di lusso erano esclusi dall’esenzione sulla prima abitazione, grazie a questa dicitura sparisce anche l’Imu. Chi ha un immobile inserito nelle categorie catastali A1, A8 e A9 (appartamenti di lusso, ville di prestigio e castelli), non dovrà più pagare nulla. La sola condizione per essere esclusi dal pagamento dell’Imu è che l’immobile di proprietà sia la dimora principale. In ogni altro caso, è prevista la tassazione, ma con aliquote ridotte: la manovra prevede infatti anche l’eliminazione dell’addizionale dell’0,8 per mille per le seconde abitazioni.

    La scelta, tutta politica, era già stata anticipata dal premier. Erano i primi di settembre quando annunciava che la rata di dicembre 2015 sarebbe stata l’ultima rata di Imu e Tasi. ”Italiani segnatevi la data del 16 dicembre, quello è il funerale della tassa sulla casa”, aveva scritto in un tweet.

    Anche in merito alle raccomandazioni della Commissione Europea sul tagliare prima le tasse sul lavoro e poi quelle sulla casa, è stato chiaro: ”Sulle tasse decidiamo noi, non Bruxelles. Ci siamo fatti il mazzo a trovare le coperture, figuriamoci se ci mettiamo a discuterne con qualcuno con Bruxelles.

    Quando c’è da parlare di immigrazione da Bruxelles sono in ferie, poi si svegliano per dirci che tasse dobbiamo tagliare. Le tasse che tagliamo le decidiamo noi”.

    LEGGI ANCHE Local tax 2016 Italia: come si calcola? Tutte le ipotesi

    Sulle coperture, assicura il premier, non ci sono problemi. Si sono trovati i quasi 5 miliardi che i Comuni si aspettavano da Tasi e Imu e non dovranno aumentare le tasse locali: buona parte, ha spiegato Renzi, arriva dai tagli alla spesa pubblica.

    LEGGI ANCHETasse sulla casa: ecco come funziona all’estero

    380

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CodaconsImuMatteo RenziPoliticaRiformeTasseUnione EuropeaCarlo Rienzi
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI