ItaliaLogin: il progetto di Renzi per un’unica identità digitale contro la burocrazia

ItaliaLogin: il progetto di Renzi per un’unica identità digitale contro la burocrazia
da in Governo italiano, Matteo Renzi, Politica, Pubblica Amministrazione, Telecomunicazioni
Ultimo aggiornamento:
    ItaliaLogin: il progetto di Renzi per un’unica identità digitale contro la burocrazia

    Rientra nel piano del Governo e dell’Agenzia per l’Italia Digitale il progetto ItaliaLogin. Si tratta di un unico servizio, utilizzabile con un nome utente e con una password, per accedere ad una piattaforma, attraverso la quale si possono compiere molte operazioni. Sarà possibile pagare le multe, il bollo dell’auto, prenotare una visita in ospedale, iscrivere i figli a scuola. E’ un piano straordinario per la digitalizzazione del Paese. Attraverso questo sistema i cittadini potrebbero avere l’opportunità di gestire in modo molto più veloce e più pratico i loro rapporti con i privati e con le Pubbliche Amministrazioni.

    Non sarà certo facile, anche perché si vuole coinvolgere anche quel 34% di italiani che non ha mai utilizzato la connessione per servizi di questo genere, in accordo con la volontà di estendere la banda larga, facendo raggiungere al 100% la velocità di 30 MB al secondo.

    Il progetto ItaliaLogin non è certo uno dei più facili da realizzare, visto che i punti da risolvere sono tanti. Basti pensare in questo senso al fatto che sono più di 240 i siti attivi e che fanno capo alla Presidenza del Consiglio. Quelli che fanno capo alla Pubblica Amministrazione sono 50.000 e i servizi online connessi proprio alla Pubblica Amministrazione si possono quantificare in un numero che va oltre i 100.000.

    Chi è solito utilizzare tutti questi servizi sa come ogni volta ci si debba muovere tra punti di accesso differenti e compiere varie azioni per autenticarsi e presentare così i documenti che vengono richiesti. ItaliaLogin dovrebbe risolvere la questione, arrivando ad affermare un’identità digitale unica, che già nel 2013 era stata pensata dal Governo Letta.

    Se il progetto andrà in porto, dal prossimo mese di giugno i cittadini potranno richiedere delle credenziali di accesso personali. Per adesso Telecom Italia e Poste Italiane stanno facendo i primi test di prova. Un piano straordinario, che dovrebbe permetterci di compiere operazioni che rientrano in tutti gli impegni della vita quotidiana con un semplice clic, quasi avessimo a disposizione un’applicazione sul telefonino.

    Se rischiamo di perdere una scadenza, la piattaforma ci invierà una notifica per ricordarcelo. Si prevede di utilizzare una chiavetta, come quella per le operazioni bancarie online, o un codice, ma tutto comunque nel segno della semplificazione.

    434

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Governo italianoMatteo RenziPoliticaPubblica AmministrazioneTelecomunicazioni Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16/03/2016 16:26
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI