Sergio Mattarella al Quirinale: 6 curiosità sul Presidente della Repubblica

Sergio Mattarella al Quirinale, vediamo alcune curiosità da sapere sul nuovo Presidente della Repubblica.

da , il

    Sergio Mattarella al Quirinale. Chi lo conosce lo definisce un uomo molto riservato, molto attento alla propria privacy. Basti pensare, a questo proposito, che negli ultimi 7 anni ha rilasciato soltanto una dichiarazione. E’ stato spesso descritto come un uomo “casa e lavoro”. E’ laureato in Giurisprudenza, la moglie è scomparsa nel 2012 ed è un cattolico praticante. Ha 3 figli: Bernardo, Laura e Francesco. Chi lo conosce bene lo descrive come una persona mite, ma capace di essere molto determinata. Il suo spirito è frutto anche della sua educazione, che è stata compiuta lungo il suo percorso di studi prevalentemente negli istituti dei gesuiti.

    1. I gatti e la montagna

    Sergiuzzo”, così lo chiamano, ama la montagna. Qualche giorno all’anno lo passa proprio in montagna, non al mare, forse perché non sa nuotare. E’ un grande tifoso del Palermo e mostra simpatia nei confronti dell’Inter. Si racconta che da bambino, durante le partite con gli amici, Mattarella facesse l’arbitro. E’ amante dei gatti ed è una persona riservata, seria e generosa, secondo ciò che ha detto Franco Alfonso, il suo barbiere di via Catania, a Palermo.

    2. Il rapporto con la moglie

    La moglie di Mattarella si chiamava Marisa Chiazzese. La coppia viveva in un appartamento in affitto a Roma. Marisa è morta l’1 gennaio del 2012 e Mattarella decise di vivere nella foresteria della Corte Costituzionale, in pochi metri quadri, una stanza, un bagno e una cucina. Chi lo conosce afferma che il legame con la moglie era davvero speciale. Tutte le volte che torna a Palermo, Mattarella va al cimitero.

    3. Madonna offende il buongusto

    Nel 1990, quando era ministro della Pubblica Istruzione, condusse insieme ad altri una battaglia cattolica contro la popstar Madonna, che aveva deciso di fare una tappa a Roma per il suo tour. Mattarella disse chiaramente che la performance di Madonna poteva essere considerata “un’offesa al buongusto”.

    4. Calmo e antieroe

    Per comprendere di più la personalità del nuovo Capo dello Stato, possiamo fare riferimento alle definizioni che il giornalista Giampaolo Pansa gli diede nel 1989, descrivendolo per La Repubblica. Sergio Mattarella fu definito come “il tenace”, “il calmo”, “l’antieroe”. La sua calma è confermata anche da Carmelo Chillemi, portiere dello stabile della sua casa di via Libertà a Palermo, che lo ha definito “sempre equilibrato”.

    5. Contro la leva obbligatoria

    Su Twitter c’è anche chi, dopo l’elezione di Mattarella, lo ha voluto ricordare nel suo ruolo di ministro della Difesa, come colui che abolì la leva obbligatoria. In particolare Francesco Nicodemo, responsabile comunicazione di Palazzo Chigi, ha ricordato questa sua iniziativa.

    6. Contro Buttiglione

    Mattarella battezzò Rocco Buttiglione “El general golpista Roquito Buttillone”, quando nel 1995 Buttiglione stesso era intenzionato a trascinare il Partito Popolare Italiano nel centrodestra. Mattarella definì “un incubo irrazionale” l’idea che Forza Italia potesse entrare a far parte del Partito Popolare Europeo.