Insulti a Rosy Bindi: se la politica discrimina le brutte

Rosy Bindi è stata più volte attaccata per il suo aspetto fisico. Berlusconi, Renzi e perfino Francesco Cossiga hanno fatto dei commenti poco eleganti.

da , il

    Rosy Bindi è stata il bersaglio, varie volte, di parecchi insulti. Si è trattato di episodi, che hanno reso alcune vicende politiche l’immagine di uno spettacolo non in perfetta linea con quell’azione funzionale alla società, che i politici dovrebbero avere in generale. Politica portata agli estremi, forse, ma allo stesso tempo politica che sembra fine a se stessa e che non vuole fare altro che sentire la propria voce attraverso scontri verbali, che poi finiscono con il lasciare il tempo che trovano.

    Parole su parole, che spesso non rendono giustizia agli atteggiamenti. A qualunque fazione sentiamo di appartenere, non possiamo fare a meno di notare quanto a volte alcuni episodi si dimostrino vergognosi. Avreste mai creduto che Rosy Bindi è stata attaccata semplicemente per il suo aspetto fisico? Alcuni politici sono arrivati anche a questo!

    “Trovo tristi le parole della Bindi”

    Rosy Bindi è stata impegnata in una querelle con il ministro Maria Elena Boschi. Quest’ultima non ha certo risparmiato le critiche nei confronti della Bindi e in tv, intervistata da Lilli Gruber, ha detto chiaramente di trovare tristi le parole della Bindi. Proprio Rosy Bindi aveva detto, in riferimento alle nuove leve del PD, di pensare che le donne ministro renziane siano state scelte perché giovani, brave, ma anche perché belle. Maria Elena Boschi, però, ha insistito.

    “Rosy Bindi soffre quando vede la Moretti in tv”

    Perfino Renzi non è stato da meno. Qualche tempo fa il Premier ha detto: “Rosy Bindi soffre quando vede la Moretti in tv”. Il Presidente del Consiglio probabilmente voleva riferirsi soltanto al fatto che le nuove leve del PD fanno tremare i personaggi “tradizionali”. Tuttavia non ha fatto altro che provocare un equivoco molto allusivo proprio nei confronti dell’immagine della stessa Bindi.

    La frecciata di Sgarbi

    Vittorio Sgarbi in un dialogo tra lui e Mino Martinazzoli nel 1993 ha usato una frase non molto elegante nei confronti di Rosy Bindi, che in seguito è stata ripresa anche da Silvio Berlusconi. Sgarbi ha avuto modo di dire, riguardo all’ex ministro, “E’ più bella che intelligente”.

    “E’ più bella che intelligente”

    Berlusconi a Porta a Porta ad un certo punto se n’è uscito con una frase molto esplicativa proprio su Rosy Bindi. Il Cavaliere ha detto: “Lei è più bella che intelligente”, citando la frase di Vittorio Sgarbi. Era il 2009 e lo stesso Bruno Vespa rimase molto imbarazzato. Rosy Bindi non ha potuto fare altro che commentare che le parole di Berlusconi fossero gravi. Poi ha affermato: “Evidentemente io sono una donna che non è a sua disposizione”.

    “E’ brutta, cattiva e cretina”

    Molto più esplicito è stato Francesco Cossiga. Le sue parole si situano all’interno di un “siparietto” davvero particolare. Cossiga non ha avuto peli sulla lingua e, senza mezzi termini, ha detto a chiare lettere: “Non accetto lezioni di etica politica dalla Bindi: è brutta, cattiva e cretina”. Non è stato di certo un momento piacevole per l’ex ministro.