Elezioni Europee 2014, exit poll e proiezioni: Renzi vince con il 41,6%

Elezioni Europee 2014, exit poll e proiezioni: Renzi vince con il 41,6%
da in Elezioni, Elezioni Europee, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Dopo la chiusura dei seggi per le Elezioni Europee 2014 si procede allo spoglio, che è cominciato dalle 23 di domenica 25 maggio, subito dopo l’accertamento del numero dei votanti. Dove sono previste le elezioni regionali e comunali, lo scrutinio partirà dalle 14 di lunedì, dando la precedenza allo spoglio per le Regionali. I risultati ufficiali per l’Europarlamento si conosceranno solo nelle prossime ore, ma intanto cominciano ad arrivare exit poll e proiezioni dagli Stati dell’Unione europea in cui si è già finito di votare.

    Sul sito di Repubblica è apparsa per qualche minuto una tabella, che riportava dei risultati in anteprima. Non è stato ancora chiarito se si tratti di un errore o se i dati sono relativi a degli exit poll. In ogni caso Repubblica si è scusata su Twitter, affermando che i dati sono finti. Li riportiamo comunque. Secondo questi “risultati”, il Movimento 5 Stelle si sarebbe collocato tra il 26 e il 28%, il PD tra il 32 e il 34%, Forza Italia al 17%, la Lega al 7%. Supererebbero lo sbarramento Fratelli d’Italia e la lista Tsipras.

    Ecco i dati ufficiali:

    Partiti
    Percentuali
    PD
    41,6%
    M5S
    21,7%
    Forza Italia
    15,8%
    NCD – UDC
    4,1%
    Lega Nord
    6,1%
    Lista Tsipras
    4,2%
    Fratelli d’Italia
    3,6%
    Scelta Europea
    0,7%
    IDV
    0,7%
    Verdi
    0,7%
    SVP
    0,5%
    Io cambio
    0,1%

    In Germania si conferma la Cdu di Angela Merkel come primo partito, che ha ottenuto, stando agli exit poll, il 36%, l’SPD segue con il 27,5%. Ottimo risultato per il partito antieuro Alternative Fuer Deutschland con il 6,5%. I Verdi hanno il 10,5%. La Linke avrebbe il 7,5%. I Liberali, usciti dal parlamento nazionale, avrebbero ottenuto il 3%. Un seggio sarebbe andato anche ai neonazisti dell’Npd. Gli exit poll in Grecia danno il movimento di sinistra radicale Syriza di Alexis Tsipras in testa con un margine limitato. Syriza guida con tre punti di vantaggio rispetto ai conservatori di Nuova democrazia, partito al governo del paese. I principali istituti demoscopici danno il movimento di Tsipras tra il 26% e il 30% mentre Nuova Democrazia del premier Antonis Samaras sta tra il 23% e il 27%. I neonazisti di Alba Dorata raccolgono consensi tra l’8% e il 10%.

    Paesi
    Partiti e percentuali
    Francia
    Front National: 25%
    UMP: 20,3%
    Partito socialista: 14,7%
    Austria
    Partito della Libertà: -
    Partito del popolo: 27,1%
    Socialdemocratici: 24%
    Euroscettici: 20,1%
    Grecia
    Syriza: 28%
    Nea Dimokratia: 25%
    Chrysi Avgì: 10%
    Pasok: 9%
    Germania
    Cdu: 36%
    SPD: 27,5%
    Alternaive Fuer Deutschland: 6,5%
    Repubblica Ceca
    TOP 09: 18%
    Partito socialdemocratico: 17%
    Irlanda
    Fine Gael: 22%
    Fianna Fail: 22%
    Sinn Fein: 17%
    Bulgaria
    Gerb: 28,6%
    BSP: 19,8%
    DPS: 14,9%
    Malta
    Partito laburista: 53%
    Partito nazionalista: 40%
    Paesi Bassi
    D66: 15,60%
    CDA+CU+SGP: 15,20%
    Regno Unito
    -
    Svezia
    -
    Finlandia
    KK: 22,70%
    SK: 21%
    Danimarca
    Danish People’s Party: 23,1%
    Socialisti: 20,5%
    Estonia
    -
    Lettonia
    Unity: 46%
    National Alliance: 15%
    Lituania
    -
    Portogallo
    -
    Spagna
    -
    Belgio
    -
    Lussemburgo
    Democratic Rally: 37,78%
    Progressive party: 26,87%
    Polonia
    -
    Slovacchia
    -
    Ungheria
    -
    Slovenia
    -
    Croazia
    -
    Romania
    -
    Cipro
    Democratic Rally: 37,78%
    Progressive party: 26,87%

    1319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ElezioniElezioni EuropeePolitica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI