Politici che dormono sonni tranquilli. Troppo tranquilli

Politici che dormono sonni tranquilli. Troppo tranquilli
da in Parlamentari, Parlamento Italiano, Politica, Politici italiani
Ultimo aggiornamento:

    Politici che dormono: forse ad alcuni potrà sembrare un evento poco probabile, specialmente se accade in quello che dovrebbe essere il loro luogo di lavoro, il Parlamento. Eppure i casi di parlamentari che hanno fatto un riposino proprio in aula non sono affatto così rari. Sono stati immortalati perfino in delle foto, le quali, da un lato, possono apparire piuttosto divertenti, ma, dall’altro, sono anche l’espressione di un’Italia incapace di uscire dalla sua condizione di stallo proprio a causa della mancanza di interesse da parte dei nostri rappresentanti politici.

    E di fronte al mondo non ci facciamo di certo una bella figura, perché, quando queste fotografie fanno il giro della rete e arrivano alla stampa internazionale, diamo l’immagine proprio di un’Italia che dorme, che non ha voglia di risvegliarsi dal suo torpore, che altro non significa, se non crisi e difficoltà economiche. Eppure alcuni parlamentari non hanno potuto proprio resistere e si sono lasciati andare ad un dolce sonnellino fra gli scranni della Camera o del Senato. Sarà stata la stanchezza, saranno stati i discorsi politici troppo noiosi, ma un riposino non lo si può negare. Peccato che gli occhi indiscreti dei fotografi li abbiano sorpresi proprio nel momento della fase REM.

    E non giudichiamoli! Chi non ha sperimentato la pesantezza di riunioni interminabili e di discorsi pesanti? Non preoccupiamoci: sappiamo benissimo che quando c’è da passare all’azione i politici di casa nostra non si fanno attendere, specialmente se vengono toccati i loro interessi. Gli stessi italiani, guardando per bene le espressioni sonnolente dei politici in Parlamento, avranno avuto modo di confermare la loro mancanza di fiducia nei confronti di esponenti del mondo politico, già giudicati dei nullafacenti con stipendi d’oro.

    Forse anche questa è l’espressione di una contraddizione tutta italiana, che ci dovrebbe far riflettere, per spingerci ad un rinnovamento generale del mondo politico. O forse pensiamo che questi politici italiani sono così stressati da non riuscire a rimanere vigili, nel momento in cui si parla del futuro del nostro Paese e si discute sulla sorte di innumerevoli famiglie?

    Un sonnellino in Parlamento

    Uno dei casi più eclatanti di politici che dormono è stato quello che ha riguardato l’allora capogruppo dei 5 Stelle Vito Crimi. E’ una vicenda nel segno di chi la fa l’aspetti. Pochi giorni prima del suo sonnellino in Senato, Crimi, avendo incontrato insieme a Beppe Grillo il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, aveva affermato di essere riuscito a tenere sveglio il capo dello Stato, un’espressione che era stata seguita da molte polemiche, perché il grillino impertinente aveva osato mettere in discussione la lucidità di Napolitano. Eppure proprio Vito Crimi è stato beccato, in un’immagine pubblicata dal Corriere della Sera, mentre schiacciava un pisolino nell’aula di Palazzo Madama. Il tutto è sembrato un vero e proprio contrappasso di dantesca memoria. Ecco che cosa succede ad ironizzare sugli altri, che poi si finisce con il cadere negli stessi errori.

    530

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ParlamentariParlamento ItalianoPoliticaPolitici italiani
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI