Auto usata: cosa controllare prima di comprare

Ecco una guida su cosa bisogna controllare prima di acquistare un'auto usata

da , il

    A cosa bisogna stare attenti quando si acquista un’auto usata? Rispondere a questa domanda non è semplice; le auto moderne sono sistemi complessi ed è necessario prestare attenzione a diversi dettagli prima di procedere all’acquisto.

    Ecco quindi una guida, con vari consigli utili, su come scegliere correttamente una vettura usata.

    Privato o concessionario?

    E’ meglio acquistare un’auto usata da un rivenditore oppure da un privato? Non esiste una risposta assoluta, entrambe le soluzioni hanno lati positivi e negativi. Comprare da un privato può essere vantaggioso dal punto di vista economico; spesso il prezzo dell’auto è più basso di quello offerto dalla concessionaria. Inoltre, in genere le auto messe in vendita direttamente dai proprietari non vengono sottoposte a trattamenti di ricondizionamento estetico e meccanico, e risultano quindi più semplici da valutare. Bisogna, però, considerare che acquistando da un privato non si è coperti dalla garanzia di almeno un anno che invece viene offerta dai professionisti. Ricordiamo, infine che la garanzia legale è gratuita; non si paga nulla al venditore.

    Controllare i documenti, ipoteche e fermi amministrativi

    Prima di procedere all’esame dettagliato dell’auto è opportuno dare uno sguardo ai documenti che accompagnano la vettura. Scendendo nel dettaglio è importante verificare il libretto di manutenzione; un documento obbligatorio che deve riportare, in ordine progressivo, tutti i tagliandi effettuati negli anni. Inoltre è opportuno controllare quale sia la data della prossima revisione e richiedere al venditore la fotocopia dell’ultimo bollo pagato.

    Si consiglia anche di verificare che targa della vettura, numero del telaio e numero del motore corrispondano a quelli indicati nel libretto, controllando anche la misura delle gomme installate. Infine il certificato di proprietà; è necessario verificare (tramite il Pubblico registro automobilistico, il Pra) che non siano presenti ipoteche o i cosiddetti “fermi amministrativi” .

    E’ bene ricordare che chi compra un’auto sotto fermo lo eredita, non può cioè guidarla fino a che il precedente proprietario non ha sanato la sua posizione.

    Carrozzeria

    Occupiamoci ora dell’esame dettagliato delle varie parti di una vettura usata, da controllare prima di procedere all’acquisto. Si parte dalla carrozzeria dove è fondamentale verificare la presenza di graffi, ammaccature varie o segni di ruggine. Inoltre occorre cercare eventuali riparazioni di carrozzeria, dovute a banali incidenti o a sinistri più gravi. E’ possibile individuare il lavoro del carrozziere cercando tracce di vernice su guarnizioni e profili adiacenti alle parti riparate, oppure loghi e targhette adesive non perfettamente allineate. Inoltre danni alle targhe potrebbero essere un segnale rivelatore di un incidente. Infine non dimenticate di controllare lo stato del parabrezza e del lunotto, in particolare sulle vetture cabrio, auto che presentano parti più delicate e soggette ad usura.

    Motore e sospensioni: chiediamo un test drive

    Prima di acquistare una vettura è indispensabile provarla su strada, se possibile insieme al nostro meccanico di fiducia. Meccanico (o elettrauto) che è anche in grado di fornire una diagnosi completa dell’elettronica di bordo.

    Un test drive consente abbastanza facilmente di individuare problemi a motore, cambio e sospensioni. In particolare va prestata molta attenzione ad eventuali rumorosità
 del motore (soprattutto a freddo), spie accese nella strumentazione, ai battiti delle sospensioni sullo sconnesso, ai fischi del turbo se presente e derive da un lato in frenata. E’ necessario anche prestare attenzione ad eventuali slittamenti della frizione, mentre col cambio automatico non si devono avvertire sussulti negli innesti.

    Va verificata anche la fumosità allo scarico ed il funzionamento del climatizzatore alla massima potenza. Infine è importante dare uno sguardo al vano motore, per scoprire eventuali perdite e trafilazioni di olio o liquido di raffreddamento.

    Pneumatici ed interni

    Terminiamo la nostra guida su cosa bisogna controllare prima di acquistare un’auto usata con l’esame degli pneumatici e dell’abitacolo. E’ fondamentale infatti controllare lo stato delle gomme attraverso il “DOT” ; si tratta di un codice a quattro cifre che indica mese e anno di produzione della gomma. Inoltre è importante verificarne il consumo che deve essere uniforme e senza crepe. Consigliamo inoltre di dare uno sguardo allo stato dei dischi dei freni che non devono presentare crepe e controllare la presenza di eventuali fischi in frenata, un chiaro segnale di pasticche da sostituire. Esaminare le luci dei fanali è l’ultimo passaggio dell’esame dell’aspetto esterno.

    Concludiamo, infatti, la nostra guida con gli interni; la prima cosa da fare è verificare l’usura del volante e del cambio che devono essere in linea con il chilometraggio della vettura. Se l’auto ha pochi chilometri e volante e cambio risultano particolarmente usurati, il venditore potrebbe aver ridotto illegalmente il chilometraggio indicato sul quadro strumenti.

    Inoltre consigliamo di dare uno sguardo alla tappezzeria e all’usura della pelle dei sedili, se presente. Non dimentichiamo, infine, un test accurato dell’infotainment (impianto audio e navigatore).