Blocco traffico Roma 26 marzo: quali veicoli possono circolare e in quali orari?

Domenica ecologica a piedi a Roma per il blocco traffico del 26 marzo 2017: vediamo in quali fasce orarie è permessa la circolazione e quali veicoli possono circolare

da , il

    Blocco traffico Roma 26 marzo: quali veicoli possono circolare e in quali orari?

    Il blocco del traffico a Roma del 26 marzo sarà l’ultimo; l’ultimo fino alla prossima volta, ovviamente. Questa domenica a piedi fa parte di quei provvedimenti programmati, cioè premeditati e non legati a situazioni di particolare e contingente aumento delle sostanze inquinanti nell’aria. Sono stati decisi infatti lo scorso autunno dal sindaco grillino Virginia Raggi che, chiamandole domeniche ecologiche, ha inflitto tre precedenti giornate di blocco del traffico nei mesi scorsi. Ci sarà una tregua in estate, forse, poi c’è da scommettere che appena verranno riaccese le caldaie negli edifici (le vere maggiori responsabili dell’inquinamento atmosferico urbano), si ricomincerà con questa inutile e demagogica manfrina.

    BLOCCO DEL TRAFFICO A ROMA: LE FASCE ORARIE

    La domenica ecologica a piedi, cioè il blocco del traffico a Roma, è prevista per il 26 marzo. Si tratta dell’ultima delle quattro giornate programmate. Saranno vietati accesso e circolazione nella ZTL denominata “fascia verde” nelle fasce orarie dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30. La fascia verde è la zona compresa all’interno del Grande raccordo anulare, quindi gran parte della città.

    BLOCCO TRAFFICO ROMA: I VEICOLI CHE POSSONO CIRCOLARE

    Il divieto è applicato in teoria a tutti i veicoli a motore endotermico, cioè i veicoli a benzina e diesel. Il blocco del traffico sarebbe quindi totale. C’è tuttavia una lunga lista di deroghe, da cui emerge che i mezzi bloccati sono quelli considerati (dagli ambientalisti e dai politici che vi si accodano) più inquinanti. Elenchiamo le categorie principali di veicoli che possono circolare durante il blocco del traffico a Roma del 26 marzo:

    -veicoli elettrici e ibridi;

    -veicoli alimentati a metano o GPL;

    -auto a benzina Euro 6;

    -auto diesel Euro 6;

    - ciclomotori a due ruote con motore a quattro tempi Euro 2;

    - moto a 4 tempi Euro 3;

    -veicoli adibiti a car sharing e car pooling;

    -veicoli con contrassegno per invalidi;

    -auto che trasportano persone sottoposte a terapie indifferibili o trattamenti sanitari per malattie gravi, con apposita certificazione medica;

    -veicoli che trasportano lavoratori con turni o domicilio o sede di lavoro tali da impedire l’uso dei mezzi pubblici.