Tutte le novità più attese al Salone di Parigi 2016

Tutte le novità più attese al Salone di Parigi 2016

I modelli di auto più importanti o prestigiosi che verranno esposti alla manifestazione francese

da in Auto Nuove, Motori, Prodotti Motori, Salone di Parigi
Ultimo aggiornamento:
    Tutte le novità più attese al Salone di Parigi 2016
    Ferrari laFerrari Aperta

    Nonostante diverse case importanti abbiano deciso di non partecipare al salone di Parigi 2016, non vuol dire che manchi la carne al fuoco. Negli stand preparati per la manifestazione nella capitale francese sono pronti parecchi bocconcini prelibati. Diamo quindi un’occhiata alle novità più attese del salone di Parigi 2016. I modelli sono elencati in ordine precisamente casuale.

    Ferrari laFerrari Aperta 2

    Questo nome è tecnicamente provvisorio ma da più parti si ritiene che possa essere definitivo. E’ la versione spider della prima e, per ora, unica Ferrari ibrida stradale (la FXX K non è omologata per la circolazione). Dietro al nome da scioglilingua, Ferrari laFerrari, si nascondono i soliti numeri da capogiro. La scheda tecnica non è stata divulgata ma non c’è ragione di credere che la meccanica si scosti troppo da quella della coupé. Quindi motore V12 da 800 cavalli abbinato ad un propulsore elettrico da 163. Tetto a scelta fra rigido in fibra di carbonio o flessibile in tela. Tutti gli esemplari previsti per la produzione sono stati già venduti ad una selezione come al solito molto esclusiva di miliardari (in dollari). Non è stato comunicato ufficialmente nemmeno il numero di unità da produrre, sebbene le voci indichino 150.

    Copyright William Crozes @ Continental Produtions

    Il salto da una hypercar ad una normale compatta cittadina può sembrare brutale, però nelle logiche industriali sono i grandi numeri a fare la differenza. La C3 è in assoluto il modello più importante per la Citroën, da parecchi anni. A giugno ne è stata svelata la nuova generazione e Parigi rappresenta il suo primo vero battesimo ufficiale. Lo stacco nel design è molto netto. Davanti i fari stretti e la nuova sagoma altrettanto affusolata del double chevron le danno un aspetto decisamente attuale. Poi gli air bumps sulle fiancate ne completano l’immagine assolutamente non convenzionale.

    Porsche Panamera

    Torniamo subito nell’Olimpo delle irraggiungibili. La Porsche ha rinnovato la sua berlina-ma-non-è-una-berlina-però-non-è-nemmeno-una-coupé. Chiamiamola comunque berlina e speriamo che a Stoccarda non si offendano. Anche la seconda generazione richiama i caratteri di design che hanno fatto la fortuna di questo modello. Dietro è praticamente una 911, di lato e davanti proprio no. Che sia una berlina lo dice il dato sul bagagliaio. Già il fatto che un bagagliaio esista dovrebbe dirci qualcosa: addirittura il volume varia da 495 a 1.304 litri. Il set di valigie di lusso ci sta benissimo. La nuova Panamera è leggermente più lunga e più larga della precedente. I motori, tutti biturbo, vanno dal V6 2.9 da 440 cavalli al V8 4.0 da 550 cavalli, passando da un V8 diesel da 422 cavalli.

    E c’è anche ibrida.

    Peugeot 3008

    Tutta diversa la nuova generazione della 3008. Addio monovolume, ora questo modello è diventato un SUV propriamente detto. Il design, soprattutto. Muscoloso, si potrebbe definire. Dal lungo cofano motore all’alta linea di cintura, arrivando agli ormai caratteristici artigli dei fanali. Negli interni domina la nuova versione dell’i-cockpit, molto personalizzabile e dall’elevato comfort anche ambientale. Più spazio, meno peso, tecnologia aggiornatissima, motori sempre più sofisticati e risparmiosi. E anche doti di offroad grazie all’Advanced Grip Control. Perché la 3008 oggi è, appunto, un SUV.

    The new Audi Q5

    Il teaser non ci dice un gran che del rinnovato modello dell’Audi. La Q5 è una vettura molto importante per la casa degli anelli in un settore estremamente competitivo e affollato, quello dei SUV medio-grandi di lusso. Per la rivelazione di Parigi ci si attende una spinta ancora più in alto nelle dotazioni e nei dettagli. Utilizzando la piattaforma MLB Volkswagen, la stessa dell’Audi A4, la Q5 avrà anche un consistente risparmio di peso. Si parte da una versione a trazione anteriore e motore 2.0 a benzina turbo da 187 cavalli, che dovrebbe essere affiancata anche da una trazione integrale con propulsore da 250 cavalli. Previsti anche i diesel da 215 e 270 cavalli, quest’ultimo su un 3.0 V6.

    Alfa Romeo Giulia Veloce

    Una Giulia è sempre un evento. A Parigi arriva la versione Veloce, il top di gamma esclusa la Quadrifoglio. Due motorizzazioni potenti, ovviamente turbo, il 2.0 a benzina da 280 cavalli e il 2.2 diesel da 210 cavalli. Spicca l’adozione della trazione integrale Q4, in versione “giuliesca”. Infatti, contrariamente a quando questa sigla era applicata alla veneranda 156, qui la coppia motrice è normalmente tutta sulle ruote posteriori; viene poi trasferita all’anteriore fino al 60% quando è necessario. Altrettanto importante è lo specifico cambio automatico ad otto rapporti, diverso dal TCT. Del tipo a convertitore di coppia, è però calibrato per una risposta particolarmente rapida, adatta a questa vettura.

    1023

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Auto NuoveMotoriProdotti MotoriSalone di Parigi
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI