Musei storici dell’auto in Italia: la mappa dei più suggestivi

Musei storici dell’auto in Italia: la mappa dei più suggestivi
da in Motori, Musei
Ultimo aggiornamento: Venerdì 18/11/2016 07:17

    Musei auto italiani

    I musei storici dell’automobile sono tappe obbligate per ogni appassionato. Fortunatamente in Italia ne abbiamo molti, giustamente, dato che la nostra è una delle nazioni più importanti al mondo per lo sviluppo di questo veicolo. I musei italiani dell’auto (e anche della moto) sono veramente tanti. In questa sede proponiamo una carrellata dei più importanti, per dimensione o collocazione storica. L’ordine è alfabetico per regione; per ovvi motivi l’Emilia Romagna è la più rappresentata. Invece cliccando qui trovate una mappa dei principali musei nel resto del mondo.

    Ferrari Maranello

    Via Dino Ferrari, 43 – Maranello (MO)
    Non avrebbe bisogno di presentazioni. E’ il museo ufficiale della Ferrari. Costruito negli anni ’90, espone le vetture più importanti della prestigiosa storia del Cavallino, sia stradali che da competizione. Il museo è suddiviso in aree tematiche con mostre periodiche a tema. Comprende anche un’area con i simulatori della Formula 1. E’ possibile anche prenotare un tour guidato in navetta nella pista di Fiorano e lungo il perimetro della fabbrica. Imperdibile.

    Casa Enzo Ferrari Modena Via Paolo Ferrari, 85 – Modena (MO)
    Inaugurato nel 2012 e gestito dalla casa. Qui l’accento è più sul personaggio. Oltre alle auto esposte, c’è un filmato che ripercorre l’affascinante vita di Enzo Ferrari. Una sezione è dedicata a tutti i motori della Ferrari, da corsa e da strada. Lamborghini Via Modena, 12 – Sant’Agata Bolognese (BO)
    Museo ufficiale della casa. E’ stato inaugurato nel 2001. Un tuffo nelle emozioni forti che da sempre fanno provare i modelli della casa creata da Ferruccio Lamborghini, anche solo guardandoli. Esposti i principali capolavori, dalla Miura alla Sesto Elemento. Umberto Panini Via Corletto Sud, 320 – Modena (MO)
    Non appartiene ad una casa automobilistica ma è una delle più complete collezioni al mondo dei modelli Maserati. Ci sono anche modelli di altre case oltre a moto e bici d’epoca e alcuni mezzi militari. La collezione è allestita nella fattoria di Umberto Panini, uno dei fondatori dell’azienda nota per le figurine. Ferruccio Lamborghini Via Galliera, 319 – Funo di Argelato (BO)
    Non appartiene alla casa automobilistica ma è stato fondato da Tonino Lamborghini, il figlio di Ferruccio. E’ un omaggio all’attività del vulcanico imprenditore che sfidò Enzo Ferrari. Raccoglie la sua produzione industriale, dal primo trattore del 1947 fino alle auto Urraco ed Espada, passando per il motore Offshore pluricampione del mondo e arrivando all’elicottero.

    Ford Paolo Gratton

    Via Gorizia, 150 – Farra d’Isonzo (GO)
    Non appartiene alla casa americana. Fondato da Paolo Gratton nel 1987 è un buon modo per ripercorrere la storia dell’ovale blu senza bisogno di recarsi a Dearborn, Michigan. L’edificio che lo ospita riproduce fedelmente la facciata della prima sede italiana della Ford, aperta nel 1923 a Trieste. Esposte anche auto di altre marche, oltre ad una sezione dedicata all’evoluzione della radio.

    Motorizzazione militare Viale dell’Esercito, 170 – Cecchignola (RM)
    Fondato nel 1955. Situato nella città militare della Cecchignola, nella periferia sud della Capitale, non lontano dall’Eur. Dislocato in un’area di 50.000 metri quadri, ospita più di trecento veicoli tra autocarri, automobili, mezzi cingolati e corazzati oltre a circa sessanta motocicli. Non è tutto. C’è anche un padiglione dedicato all’evoluzione generale dell’automobile, un vero museo nel museo. Auto Polizia di Stato Via dell’Arcadia, 20 – Roma
    Fondato nel 2004, raggruppa tutti i mezzi usati dal corpo della Polizia di Stato nei decenni. Il pezzo più prestigioso è la mitica Ferrari 250 GTE nera usata dal leggendario maresciallo Armando Spatafora negli spericolati inseguimenti raccontati in numerosi film. Molto interessante anche la sala tecnologica che riproduce una centrale operativa.

    Alfa Romeo Arese

    Viale Alfa Romeo, 20020 – Arese (MI)
    Dopo tanti anni nell’ombra e un lungo e triste declino a cui seguì la chiusura, il prestigioso museo ufficiale della casa del biscione è riaperto nel 2015. Profondamente restaurato, ora restituisce a questi modelli dalla storia spesso eccezionale lo splendore che meritano. Dalla prima A.L.F.A. del 1910 alla 8C del 2007, circa un secolo di magia dell’automobile. Tappa obbligatoria.

    Mille Miglia Viale della Bornata, 123 – Sant’Eufemia (BS)
    Ospitato nei locali di un antico monastero, il museo raccoglie numerosi cimeli che testimoniano l’epopea della più importante corsa stradale italiana, una delle più famose al mondo, che si disputò dal 1927 al 1957. Esposti parecchi tra i modelli che parteciparono a quella gara. Museo automobile Torino 2011 Corso Unità d’Italia, 40 – Torino
    Fino al 2014 aveva il nome di Museo nazionale dell’automobile Carlo Biscaretti-Ruffia. Non appartiene alla Fiat. Una lunga ristrutturazione, durata dal 2004 al 2011, lo ha profondamente trasformato e ampliato. Ora la struttura espositiva supera 19.000 metri quadri. La carrellata parte dal prototipo di Leonardo da Vinci ai modelli più recenti. Molto sofisticato anche l’apparato multimediale e interattivo. Da non perdere. Centro Storico Fiat Via Chiabrera, 20 – Torino
    Questo è il vero e proprio museo della Fiat. Inaugurato nel 1963, è ospitato in un edificio che fu il primo ampliamento dell’originale fabbrica di Corso Dante. Fu proprio qui che nel 1966 Vittorio Valletta firmò l’accordo con l’Unione Sovietica che portò alla costruzione di Togliattigrad. La collezione esposta rappresenta il meglio della ultracentenaria storia della Fiat, anche oltre l’automobile.

    Targa Florio

    Corso Vittorio Emanuele, 3 – Collesano (PA)
    Aperto nel 2004, non espone automobili ma raccoglie l’intera atmosfera della più antica corsa automobilistica italiana, attraverso numerosi cimeli, in particolare fotografici. Meta di importanti ritrovi organizzati dai più prestigiosi club storici.

    Motorismo siciliano e Targa Florio Località Mulinelli – Termini Imerese (PA)
    Anche questa esposizione è dedicata alla Targa Florio; qui ci sono anche delle automobili storiche. La più importante è la Alfa Romeo 33 3.0 che vinse l’edizione 1971 pilotata dal mitico Nino Vaccarella e da Toine Hezemans. Peugeot Via Fugnano – San Gimignano (SI)
    Non appartiene alla casa francese ma collabora strettamente col Club Storico Peugeot Italia (associato all’Aventure Peugeot, il museo ufficiale di Sochaux). Fondato nel 2007 da Daniele Bellucci, conta una selezione importante che condensa bene la lunghissima storia della casa del leone. Si parte dalla Bebé del 1916, progettata da Ettore Bugatti, per arrivare alla 604 Limousine del 1980, papamobile di Giovanni Paolo II durante la sua visita a Lissieux. Punto di riferimento per gli appassionati italiani delle Peugeot storiche. Nicolis Viale Postumia, 71 – Villafranca (VR)
    Fondato nel 2000 da Luciano Nicolis, comprende una collezione molto vasta: oltre a 100 automobili, ci sono anche 100 moto, 100 biciclette, 400 macchine fotografiche, decine di macchine per scrivere e strumenti musicali. Tutti gli oggetti sono stati accuratamente restaurati. Il pezzo più antico è la Motrice Pia del 1882, dell’inventore veronese Enrico Bernardi. Importante strumento per comprendere il collegamento culturale tra mezzi di trasporto e costume.

    1899

    PIÙ POPOLARI