Truffa della strisciata: come tutelarsi dai falsi incidenti

Truffa della strisciata: come tutelarsi dai falsi incidenti

Un trucco sempre più usato in strada dai criminali per estorcere contanti alle vittime

da in Consigli motori, Incidenti, Motori, Truffe
Ultimo aggiornamento:
    Truffa della strisciata: come tutelarsi dai falsi incidenti

    Il mondo criminale, approfittando della debolezza e scelleratezza politica che sta facendo passare il messaggio secondo cui i delinquenti non devono più andare in galera, è sempre più attivo e sfacciato. Nei grandi crimini come in quelli più piccoli, come ad esempio le truffe stradali.

    Una di quelle sempre più diffuse si chiama truffa della strisciata o truffa del sorpasso o anche truffa della fiancata. E’ una variante della truffa dello specchietto. Funziona così: i criminali viaggiano su un’auto molto lentamente, in modo da costringere la vittima a superarli. Nel momento del sorpasso, la vittima sente un rumore secco provenire dal lato passato accanto all’auto dei truffatori. Subito dopo dall’auto dei delinquenti si vedono segnalazioni con gli abbaglianti e clacson o gesti, per intimare alla vittima di fermarsi, come se ci fosse stato un urto tra le due auto.

    Il truffatore-capo si avvicina alla vittima e, con modi cortesi per non creare sospetti, dice che egli durante il sorpasso ha colpito la sua auto. Infatti le fiancate dei due veicoli appaiono strisciati. A questo punto la commedia prosegue: il truffatore dice di avere fretta, perché sta portando l’altra persona nella sua auto in ospedale (infatti spesso vengono usati dei bambini per rendere più credibile la sceneggiata). Vorrebbe lasciare fuori le assicurazioni e chiede un risarcimento in contanti. Se la vittima non li ha, allora il truffatore si dice disposto ad accompagnarla al bancomat, sempre gentile, senza mai perdere la calma.

    Invece la striscia sulla fiancata dell’auto dei truffatori era stata fatta in precedenza; quella all’auto della vittima è stata compiuta durante il sorpasso con un oggetto appuntito. I primi episodi di questo tipo sono apparsi a Roma, ma si sono diffusi in tutta Italia. Originariamente, la strisciata era sostituita dallo specchietto rotto, anch’esso ovviamente in precedenza.
    Come difendersi? Mai accettare di pagare in contanti, in nessun caso. Insistere invece per compilare il modulo dell’assicurazione; ancora meglio, insistere per chiamare le forze dell’ordine. Purtroppo non si riesce ad evitare di scendere dall’auto, perché si ha sempre il dubbio che si tratti di un vero incidente. Infatti i criminali contano proprio su questo. Quando si scende, togliere sempre le chiavi dall’auto. E magari chiamare subito i carabinieri.

    430

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Consigli motoriIncidentiMotoriTruffe

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI