Aston Martin Red Bull: presto l’hypercar firmata da Adrian Newey

Aston Martin Red Bull: presto l’hypercar firmata da Adrian Newey

Stretta collaborazione tecnica con la scuderia di Formula 1. Promesse aerodinamica estrema e prestazioni superlative

da in Aston Martin, Motori, Supercar
Ultimo aggiornamento:
    Aston Martin Red Bull: presto l’hypercar firmata da Adrian Newey

    Una collaborazione che va al di là dell’immagine. Aston Martin sta lavorando ad una hypercar stradale in collaborazione con la scuderia di Formula 1 Red Bull. Più nello specifico, nel progetto è coinvolto direttamente Adrian Newey.

    Questi nomi non hanno certo bisogno di presentazione. Ricordiamo comunque che Aston Martin ha sempre prodotto automobili supersportive, delle GT a livello artigianale (artigiani di classe sopraffina); vanta anche una lunga tradizione nelle competizioni endurance. Gli appassionati di cinema poi l’abbineranno immediatamente alla serie di film su James Bond, in cui le Aston hanno quasi sempre “recitato” accanto ai protagonisti.
    Adrian Newey ha disegnato molte delle vetture che hanno dominato gli ultimi 25 anni nelle corse di Formula 1 tra Williams, McLaren e, appunto, Red Bull.
    Oltre ad una collaborazione tra i due marchi direttamente nella stagione di Formula 1 2016, c’è ora il lavoro congiunto su questa hypercar.

    Le hypercar sono delle supercar all’ennesima potenza. Alcuni esempi? Ferrari laFerrari, Porsche 918 Spyder, Bugatti Chiron. Dal 2018 dovremo aggiungere anche la nuova Aston Martin, dal nome in codice AM-RB 001 (non è difficile indovinare il significato delle sigle).

    Il compito di Newey è quello di definire l’aerodinamica di questo modello. Negli ultimi tre mesi ha lavorato a stretto contatto col direttore del design dell’Aston, cioè Marek Reichman. Il bozzetto della foto di questa pagina richiama proprio la forma della AM-RB 001. Sono anche state utilizzate le strutture della galleria del vento che la Red Bull usa per lo sviluppo delle sue monoposto.
    In casa Aston sostengono che questa auto avrà prestazioni vicine a quelle delle monoposto di Formula 1 e dei prototipi che corrono a Le Mans. E’ molto probabile che la propulsione sia ibrida, partendo dalla base del V12 turbo attualmente montato dalla nuova DB11.

    317

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Aston MartinMotoriSupercar Ultimo aggiornamento: Giovedì 17/03/2016 16:37
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI