Aumento canone Telepass: cambiano le tariffe dal 2016

Aumento canone Telepass: cambiano le tariffe dal 2016

La società aumenterà il canone dei suoi servizi e la Federconsumatori si appella all'Antitrust

da in Auto, Motori
    Aumento canone Telepass: cambiano le tariffe dal 2016

    Brutta notizia per gli automobilisti che possiedono il Telepass, la simpatica scatoletta grigia che permette di passare dal casello senza doversi fermare per fare la fila, poiché la società ha annunciato che il canone di questo servizio aumenterà, in particolare per l’Opzione Premium, Twin, Unicum Telepass Family e Unicum Telepass con Viacard.

    La società Telepass S.p.A ha annunciato che a partire dal 1° gennaio 2016, il canone aumenterà. Un brutta notizia per gli 8 milioni di abbonati al servizio che con l’arrivo del nuovo anno vedranno modificato il loro contratto: nello specifico le nuove tariffe imposta dall’azienda varieranno da un aumento di 0,78 euro a 1,5 euro, al mese, per i possessori del servizio Telepass con Viacard. L’aumento sarà da 2,33 euro fino a 4.50 euro a trimestre per i clienti Telepass Family e per il servizio Telepass Twin l’aumento varia da 4,13 euro a 6,3 euro. Per chi possiede l’Opzione Premium l’aumento arriverà fino a 4,5 euro al trimestre.

    Federconsumatori, infuriata per questo aumento deciso da Telepass S.p.A, ha affermato: “I contratti Telepass Premium e Telepass Premium Extra saranno unificati, estendendo a tutta la clientela Premium anche il soccorso stradale sulla viabilità ordinaria in aggiunta al servizio già attivo di assistenza sulla rete autostradale a pedaggio”.

    Gli abbonati al servizio hanno ricevuto negli scorsi giorni una proposta di cambio di contratto e dalla data della lettera i clienti di Telepass avranno 2 mesi di tempo (60 giorni) per recedere dal contratto.

    Se il cliente non dichiara di voler interrompere il servizio, come di consueto, entrarà in vigore il “silenzio-assenso”.

    “La decisione da parte della società Telepass S.p.A. (controllata per il 96,5% da Autostrade per l’Italia) di modificare unilateralmente i contratti ci lascia decisamente perplessi” dichiara la Federconsumatori che continua, affermando: “Un operatore unico, che in una posizione di netto e prevalente monopolio decide di disdettare i contratti in essere e di aumentare a suo piacimento le tariffe riferite ai Telepass, a nostro avviso rappresenta una grave violazione”.

    Per questo la Federconsumatori ha deciso di far ricorso all’Antitrust: “A maggior ragione dal momento che le persone che utilizzano il Telepass di fatto saranno obbligate a recepire tale modifica in quanto prive della possibilità di rivolgersi ad altri al fine di avere tariffe migliori. Proprio per questi motivi stiamo predisponendo una denuncia all’Antitrust per abuso di posizione dominante”.

    Una posizione difficile quella dei clienti di Telepass che al momento si trovano di fronte ad un bivio, accettare o recedere? Il servizio Telepass è uno dei più utili soprattutto per gli automobilisti che viaggiano per lavoro e stanno molto tempo in auto o in camion. D’altro canto però la Federconsumatori ha come obiettivo principale la difesa dei diritti dei consumatori che in questo caso, secondo la stessa Associazione, non sono stati rispettati.

    508

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoMotori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI