Ferrari sbanca Wall Street, i 10 momenti storici della casa di Maranello

Ferrari sbanca Wall Street, i 10 momenti storici della casa di Maranello
da in Ferrari, Motori

    Un altro grande passo nella storia per una delle aziende più famose del mondo e sicuramente il marchio automobilistico più amato e conosciuto sul globo. Stiamo parlando ovviamente del cavallino rampante, della Ferrari, che da quest’oggi debutta a Wall Street, e lo fa nel migliore dei modi, con un’apertura che supera i 60 dollari ad azione e chiude il collocamento a 55, una partenza da Formula Uno. John Elkann suona la campanella per il gruppo FCA che avvia la seduta della Borsa di New York per il titolo azionario della Ferrari che parte alla grande, con 60 dollari ad azione e chiudendo a 55 mentre il prezzo di collocamento era stato fissato a 52. Un altro grande passo per il marchio Ferrari e Sergio Marchionne, presidente del Cavallino, ha dichiarato che nella borsa americana ci saranno “enormi opportunità, dobbiamo crescere sul fronte della domanda, la concorrenza non è all’altezza di Ferrari”. Oggi è un grande giorno per la Ferrari, per la sua storia, per il suo marchio e per tutti i tifosi che tifano la rossa nelle gare di Formula Uno, andiamo a vedere i 10 momenti più importanti nella storia del Cavallino Rampante.

    Enzo Ferrari nasce a Modena, il 18 febbraio 1898, è lui che darà vita al marchio più famoso del mondo. La prima vettura della “rossa” nasce nel 1947 ed è la 125 S, una vettura frutto della passione e della determinazione di Enzo. Un uomo che ha dedicato tutto per la sua creazione, tutto per le auto sportive.

    Alberto Ascari diventa Campione del Mondo di Formula 1 con la Ferrari nel 1952 e nel 1953 dopo aver vinto la sua prima Mille Miglia nel 1948, la prima 24 Ore di Le Mans nel 1949 e il primo Gran Premio valido per il Campionato del Mondo di Formula 1 nel 1951.

    Nel 1960 la società di Enzo Ferrari si trasforma in una Società per Azioni, lo sviluppo dell’azienda automobilistica italiana è enorme, nello stesso anno, l’Università di Bologna conferisce a Enzo Ferrari la Laurea honoris in ingegneria meccanica e nel 1969 il gruppo Fiat acquisisce 50% dei titoli azionari Ferrari.

    Nel 1973 entra in Ferrari Luca Cordero di Montezemolo come assistente di Enzo Ferrari e responsabile della Squadra Corse. La squadra di Formula Uno, sotto la sua gestione, vince il Campionato mondiale costruttori di Formula 1 per tre anni di seguito, dal 1975 al 1977.

    Abbiamo citato Luca Cordero di Montezemolo ma in quegli anni c’è stato un pilota che ha fatto sognare e festeggiare milioni di appassionati e fan del Cavallino, Niki Lauda. L’austriaco ha vinto due campionati del mondo di Formula Uno nel 1974 e nel 1977, in totale ha collezionato 57 gran premi e ben 15 vittorie.

    La Ferrari F40, nata nel 1987, è stata l’ultima auto realizzata sotto la gestione del fondatore Enzo Ferrari. Il genio che ha dato un’anima alle automobili marchiate dal cavallino rampante ottiene un’altra Laurea honoris causa in fisica da parte dell’Università di Modena, prima di scomparire all’età di 90 anni il 14 agosto del 1988.

    Dopo quasi vent’anni dall’ultimo mondiale di Formula Uno vinto da Niki Lauda la Ferrari torna alla vittoria grazie ad uno dei piloti migliori della storia dell’automobilismo, Michael Schumacher. Il pilota tedesco riporta in auge la Ferrari diretta dal team principal Jean Todt, vincendo 5 titoli consecutivi, dal 2000 al 2004. Schumacher ha ottenuto, nelle stagioni in Ferrari 170 gran premi e 72 vittorie all’attivo.

    Nel 2007 il finlandese Kimi Raikkonen vince il campionato di F1 ed è attualmente l’ultimo iridato della Ferrari. In quell’anno Michael Schumacher si ritira dopo 16 anni di attività e la rosso lo sostituisce con Raikkönen mentre ha esordito nella massima categoria il britannico Lewis Hamilton.

    La Ferrari decide di spodestare Luca Cordero di Montezemolo, un personaggio che ha fatto la storia della scuderia, dalla figura di Presidente, al suo posto Sergio Marchionne. Cambio anche della parte tecnica, il nuovo team principal diventa Maurizio Arrivabene e Sebastian Vettel prende il posto di Fernando Alonso come primo pilota. La rivoluzione Ferrari da i suoi frutti ma il Mondiale rimane in mano alla Mercedes.

    La Ferrari è l’unico costruttore di automobili che abbia preso parte a tutte le edizioni del Campionato del di Formula Uno a partire dalla sua creazione, nel 1950. E’ stato per molti anni l’unico team a realizzare per le sue monoposto, dal telaio al motore, passando per cambio e sospensioni. Nella sua carriera in F1 ha conquistato 15 titoli mondiali Piloti e 16 Costruttori e detiene i record di vittorie, di pole position e giri più veloci in gara.

    1199

    PIÙ POPOLARI