Alfa Romeo Giulia 2015: motori, trazione posteriore e caratteristiche [FOTO]

Alfa Romeo Giulia 2015: motori, trazione posteriore e caratteristiche [FOTO]
da in Alfa Romeo, Auto, Motori
Ultimo aggiornamento: Venerdì 26/06/2015 13:04

    Il 24 giugno 2015 non è solo stato il compleanno della casa di Arese, che ha festeggiato 105 anni, ma anche la data del rilancio del marchio Alfa Romeo con la presentazione della nuova Giulia 2015. In casa Fiat si vuole rilanciare il nobile marchio di Arese, ma spesso si è agito con strategie sbagliate che non hanno portato i frutti sperati. Adesso, però, le idee sono chiarissime e promettono molto bene: Alfa Romeo sarà un costruttore premium che concorrerà con marchi di prestigio tedeschi (BMW, Audi e Mercedes) e non solo (Lexus, Jaguar, ecc.). Per farlo, la gamma verrà completamente riorganizzata, con 7 nuovi modelli al debutto da qui al 2018, tutti basati su di un nuovo pianale a trazione posteriore. Il primo di questi sarà la nuova berlina di segmento D, l’Alfa Romeo Giulia appunto.

    Il modello ha un look veramente aggressivo, specialmente grazie alla fanaleria accigliata nel frontale, a sviluppo orizzontale proprio come vuole il grande pubblico. Lo stile non è di rottura: niente di stravagante insomma, visto che si vogliono fare grandi numeri e, oltretutto, importanti vendite in tutto il mondo. Estremamente filante, sportiva ed elegante: è una berlina studiata nel design anche in modo che sia estremamente efficiente, dato che la carrozzeria è naturalmente deportante e vanta il miglior Cx della categoria. A questo si aggiungono le belle proporzioni dettate dall’impostazione meccanica a motore anteriore longitudinale e trazione posteriore: un lungo cofano motore, l’abitacolo arretrato che poggia sull’asse della trazione ed un passo tra i più lunghi della categoria. Gli interni, invece, seguono lo stile dei concorrenti premium di maggior successo. Questo significa che troviamo una plancia a sviluppo orizzontale dallo stile molto moderno e pulito, senza troppi comandi o pulsanti ad affollare la consolle centrale, che, al contrario, risulta quasi solo dominata dall’ampio schermo del sistema multimediale. Da notare anche la selezione di materiali di alta qualità: dal metallo satinato al legno, fino alla fibra di carbonio sulle versioni sportive. LEGGI ANCHE: PRESENTAZIONE LIVE Alfa Romeo Giulia 2015, dalle 16 diretta in tempo reale

    E la meccanica? E’ di prim’ordine: tanto per cominciare il pianale è tutto nuovo, chiamato internamente “Giorgio”, realizzato a partire da un’architettura Maserati e contraddistinto da un raffinato sistema sospensivo, con multilink al posteriore e quadrilatero alto all’anteriore. La trazione (finalmente) ritorna al posteriore, proprio come sulle Alfa Romeo storiche, ma in opzione ci sarà anche l’alternativa del 4×4, adatta a chi va in montagna ad esempio. I motori, benzina e diesel, saranno a quatto o sei cilindri, con l’introduzione di un nuovo 2.2 litri turbodiesel con potenze fino a circa 210 cavalli. Il top di gamma sarà contraddistinto da una versione con un V6 2.9 litri biturbo benzina, di origine Ferrari, con una potenza di 510 cavalli, forte di un rapporto peso potenza di 2,99 kg/CV ed un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi. Il diesel più potente, invece, potrebbe essere il 2.2 JTDm abbinato ad un sistema KERS, per una potenza massima nell’ordine dei 260/270 cavalli.

    552

    PIÙ POPOLARI