Fiat Freemont vs Dodge Journey: sfida tra le caratteristiche delle due crossover

Fiat Freemont vs Dodge Journey: sfida tra le caratteristiche delle due crossover
da in Auto, Fiat, Motori
Ultimo aggiornamento: Lunedì 25/05/2015 11:17

    Fiat Freemont vs Dodge Journey: il confronto che vi proponiamo non è una vera e propria sfida tra le caratteristiche di due modelli, visto che la Freemont è proprio realizzata sulla base della Dodge, ma con qualche modifica. Questo articolo è dedicato in particolare a tutti coloro che dicono che l’italo-americana e la Dodge Journey siano praticamente la stessa auto: niente di più sbagliato. Anche se l’estetica è quasi la medesima, andando a vedere più a fondo negli interni o nella meccanica le due auto hanno ben poco in comune.

    A livello estetico, le due auto sono molto simili. Nel primo confronto, infatti, è difficile stabilire quale delle due sia meglio, visto che le differenze sono proprio poche. Se proprio vogliamo descrivere la Freemont rispetto alla Journey, la prima è come se fosse il restyling della seconda. Le modifiche principali del design hanno riguardato il frontale, dove spiccano una nuova griglia (su cui il marchio della casa americana è stato sostituito da quello Fiat), mentre nella fiancata si notano principalmente i nuovi cerchi in lega. Nella zona posteriore i designer sono intervenuti sui gruppi ottici (ora a led e dallo stile molto più moderno) e sul paraurti, modificato nella forma. Le Freemont è leggermente più moderna e meno americana nello stile rispetto alla gemella d’oltreoceano, però non possiamo che attribuire una parità in questo primo confronto, visto che le due crossover sono estremamente simili nelle forme. Uno ad uno.

    Già con un primo sguardo, anche distratto, ci si rende conto che gli interni della Fiat sono del tutto diversi da quelli della parente Dodge. L’unico elemento che resta pressocchè invariato è la gestione dei posti e lo stile dei sedili, mentre già solo la plancia è tutta diversa per stile, fattura e materiali. La plancia della Journey era molto semplice ed abbastanza squadrata e con materiali di qualità solo modesta e dall’aspetto economico, mentre sulla Freemont si notano subito plastiche morbide al tatto ed uno stile molto più moderno e piacevole. Lo stesso discorso vale anche per i pannelli porta, che sono di fattura ben migliore rispetto a prima. In più la Freemont è anche dotata di un bel sistema multimediale è dotato di schermo touch screen, molto intuitivo da usare e anche di sicuro impatto scenico. La vittoria va nettamente alla Fiat: due ad uno.

    Il discorso sulle dimensioni trova un po’ il tempo che trova, visto che le due auto, a livello di carrozzeria sono praticamente la stessa auto. Le dimensioni sono del tutto analoghe, ossia: misurano ben 4,89 metri in lunghezza e 1,88 in larghezza. L’altezza è, invece, di 169 cm. Lo spazio a bordo è abbondante, e, ricordiamolo, all’interno possono trovare spazio fino a sette passeggeri, disposti su tre file. Il bagagliaio, poi, se si viaggia con tutti a bordo è ovviamente ridotto: sono appena 136 i litri di capacità con tutte e tre le file di sedili su. Se invece si decide di viaggiare in due, la Freemont e la Journey diventano estremamente capienti, sfoggiando una capienza del baule di 1461 litri (a prova di trasloco). Parità: Tre a due.

    Come accennavamo in precedenza a livello di meccanica le due auto sono molto diverse: innanzitutto la Freemont ha una taratura delle sospensioni e dello sterzo tutta diversa. Sono stati studiati per essere molto più diretti e quindi più ‘europei’. Il rollio, inoltre, è meno accentuato sulla Fiat. Proseguendo i motori della Freemont sono tutti nuovi rispetto a quelli che aveva la Dodge: i diesel della seconda erano dei 2.0 litri iniettore pompa da 140 CV di derivazione Volkswagen, rumorosi ed abbastanza assetati di carburante. Sulla Freemont, invece, c’è il nuovissimo 2.0 Multijet II da 140 o 170 CV di potenza, più silenzioso, potente e parco nei consumi. C’è poi, sempre sull’italo-americana, anche un 3.6 V6 Pentastar a benzina da 280 CV, un motore decisamente poco indicato per l’Europa, di origine Chrysler. La Journey a benzina aveva un 2.4 da 170 CV o un 2.7 automatico da 185 CV. Inoltre la Dodge era solo a trazione anteriore, mentre la crossover italo-americana è anche 4×4. La vittoria spetta alla Fiat, per via dei motori migliori, del migliore assetto e dei consumi più bassi: quattro a due.

    Un confronto sui prezzi, ad oggi, dopo anni dalla presenzazione della Freemont e dall’addio dai listini della Journey è un po’ poco interessante, considerando l’inflazione. Oggi la Fiat Freemont parte da 27.600 euro, ma quando arrivò si partiva da 25.920 euro, cifra del tutto analoga a quella della Journey (che però aveva una dotazione di accessori meno ricca). Giudizio finale

    Come si evince in modo lampante da questo confronto, la Freemont è un’auto decisamente più valida del modello da cui deriva. Non per niente il punteggio finale mostra una netta vittoria per la Fiat, che è migliore negli interni ed a livello di meccanica. Comunque il dubbio su di un’eventuale scelta non sussiste, visto che la Dodge Journey non è più a listino.

    969

    PIÙ POPOLARI