Pagani Huayra La Monza Lisa: capolavoro all’italiana

Pagani Huayra La Monza Lisa: capolavoro all’italiana
da in Auto, Coupé, Motori, Supercar, Pagani
Ultimo aggiornamento:

    La Monza Lisa sta ad Horacio Pagani come la Mona Lisa sta a Leonardo da Vinci. Un piccolo riassunto che spiegherebbe tante cose e che non richiederebbe ulteriori spiegazioni, ma come non soffermarci su questo vero pezzo d’arte uscito da poco dall’atelier di San Cesario sul Panaro. La Monza Lisa è il nome della prima edizione speciale in assoluto dedicata alla Pagani Huayra e ad essere unico non è solo il suo stile e la sua realizzazione, ma proprio il modello: questa one-off è stata commissionata da un facoltoso cliente americano, Kris Singh, conosciuto in tutto il mondo per i suoi gusti speciali in fatto di auto esclusive.

    Non avrete mai sentito parlare molto probabilmente di questo personaggio, ma per capire di quanto sia influente nel mondo delle supercars, basti pensare che possiede uno dei tre esemplari della Lamborghini Veneno in versione coupé, oltre ad avere in garage suo numerose auto da far girare la testa. La new-entry di Singh si caratterizza per la sua carrozzeria realizzata in fibra di carbonio dalla A alla Z mentre al centro si distingue una fine livrea tricolore che si estende dal paraurti anteriore a quello posteriore.

    Inoltre il ricco cliente ha anche optato per due set di cerchi in lega per la sua La Monza Lisa: il primo è quello standard che equipaggia tutte le Huayra e con forma a spirale, il secondo invece altro non è che il set utilizzato per la pistaiola Zonda R e dal colore nero. Come se non fosse abbastanza e il motore ne avesse bisogno, anche la meccanica ha subito qualche variazione. A muovere la belva emiliana c’è sempre il motore V12 6.0 litri biturbo M158, anche se la potenza massima dovrebbe superare quota 730 cv.

    Tuttavia per il momento il brand bolognese non ha voluto svelare il dato finale.

    Ultimo ma non da meno, un ulteriore tocco di esclusività è rappresentato dalle firme che troviamo sul comparto motore: si tratta degli autografi di tutte le persone che hanno collaborato alla realizzazione del progetto unico, con la firma di Horacio Pagani in persona, ovviamente. Adesso, la Veneno di Singh avrà una degna rivale accanto a sé: chi sa se reggerà una tale pressione vicino ad una hypercar chiamata La Monza Lisa.

    456

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoCoupéMotoriSupercarPagani
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI