Itinerari in moto: le 10 strade più belle da percorrere

Itinerari in moto: le 10 strade più belle da percorrere
da in Moto, Motori
Ultimo aggiornamento:

    Motociclisti, questo articolo è dedicato a voi che siete amanti di uscite e di posti mozzafiato. La bella stagione è arrivata e molti non vedono l’ora di andare a rispolverare in garage la propria due ruote, come un carcerato che, giorno dopo giorno, segna con una croce i giorni trascorsi in prigione. Inutile dirvi che prima di tutto, un check up di base è da effettuare categoricamente: moto, abbigliamento e assicurazione. Come sempre ci sono diversi tipi di rider: chi esce di domenica per fare il giro della piazza, chi preferisce fare una scampagnata con la dolce metà e chi è amante dei lunghi viaggi. Ed è proprio questi ultimi che saranno interessati a ciò che segue. Il nostro bel paese è pieno di posti fantastici da visitare e quindi abbiamo deciso di condividere con voi una guida sui 10 percorsi più belli da affrontare in queste caldi giornate.

    Un’uscita sull’Etna non può mancare nell’agenda “Estate 2014”, soprattutto se si è siciliani. Attorno al vulcano si trovano numerosi paesini dove potrete trovare numerosi paesaggi caratteristici. Tra questi sottolineiamo Linguaglossa che porta in seguito al percorso Etna Nord, tratto che attraversa la strada Mareneve e Milo. Non ci si può non fermare poi al famoso Castagno dei Cento Cavalli, il più grande d’Italia. Questo percorso potrà sembrare breve, ma è l’ideale per i motociclisti amanti della natura: colate laviche, vigneti e un paesaggio imbarazzante.

    Questo fuori porta da 300 km è situato tra più regioni e raggruppa location del calibro del Lago di Garda, lago di Ledro e Lago di Idro. Si parte da Verdello, prendendo la tangenziale sud di Brescia verso Peschiera del Garda. Arrivati a destinazione potrete percorrere zone come Lazise, Bardolino, Torri del Benaco, Malcesine, Torbole e Riva del Garda. Una volta giunti a Riva potrete proseguire fino alla valle di Ledro con il suo lago. Le altre fermate previste sono: Molina di Ledro, Tiarno di Sotto, Tiarno di Sopra e Storo.

    Il Piemonte è pieno di paesaggi affascinanti, soprattutto grazie ai sentieri della via del Barolo. Consigliamo il percorso che parte da Alba (CN) in direzione Diano D’Alba fino a Grinzane Cavour e, per gli amanti del torrone, una visita alla valle Gallo D’Alba è d’obbligo. Da qui si va a Serralunga D’Alba dove si può visitare il castello Falletti di Barolo medievale. Altra tappa poi quella verso Monforte D’Alba fino ai vigneti del Barolo. Sempre andando verso Alba è possibile fare tappa a Castiglione Falletto, posto conosciuto dagli amanti del buon vino. Ultima tappa quella verso Barolo dove si potrà visitare il castello comunale e l’enoteca a tema.

    Amanti della montagna? Questo itinerario è per voi: un bel percorso tra le alpi venete e trentine. Iniziamo il viaggio dalla strada Kaiser-Jägerweg fino a Passo Vezzana, un tratto ricco di storia e di paesaggi. Proseguiamo fino a Cima Larici fino a Valle di Galmarara e in seguito Asiago. Nuova tappa in seguito per Enego, strada caratteristica per i suoi tornanti. Saliamo sempre di più fino a raggiungere Canal San Bovo verso Passo Brocon. Su questa strada potrete fermarvi nelle seguenti località: Castello Tesino, Strigno e Borgo Valsugana.

    Romagna, terra dei motori. Ma non solo. Con i suoi paesaggi e le sue strade “biker-friendly”, il percorso è ideale per chi gradisce una guida tranquilla e rilassata. Da Ravenna si procede verso la SS16 in prossimità di Alfonsine fino a Portomaggiore, luogo dove troverete il castello “Delizia del Verginese” e Oasi di Porto per il birdwatching. Finita la tappa? Procedete verso Codigoro, Migliarino, Migliaro e Massa Fiscalia. Sulla SP54 è possibile fermarsi all’Abbazia di Pomposa per poi proseguire il road trip sulla E55 per arrivare poi a Mesola, nelle vicinanze del Parco Regionale del Delta del Po’ Emilia-Romagna. Passata Mesola si fa rotta su Lido di Volano, famoso per il suo essere nelle vicinanze del delta del Po’. Da Volano proseguiamo in seguito verso la Strada Panoramica Acciaioli verso Porto Garibaldi e attraversando le seguenti località: Lido delle Nazioni, lido di Pomposa e lido degli Scacchi.

    Da Porto Garibaldi avventuratevi a Comacchio, location famosa per la Sagra dell’Anguilla. Questa è l’ultima località prima di tornare a Ravenna lungo l’Argine Agosta senza dimenticare un passaggio a Sant’Alberto e Cruser.

    Sempre per gli appassionati di enogastronomia, la regione Toscana non può mancare all’appello. I sentieri del Chianti non possono essere trascurati per un road trip sempre al top. Fatta di colline e paesaggi epici, la strada è ricca di borghi medievali come Greve in Chianti, Volpaia, Radda in Chianti, Castellina in Chianti, San Gimignano e Volterra. Uscite a Firenze Certosa e proseguite sulla SS222, la cosiddetta Strada Chiantigiana, verso Greve in Chianti. Direzione poi verso Radda in Chianti: consigliamo poi una deviazione per il Castello di Volpaia di Radda in Chianti. Di nuovo sulla SS222, avventuratevi verso il bordo Castellina in Chianti e poi sulla SS429 in direzione Poggibonsi. Ultimo ma non da meno, San Gimignano che si può raggiungere tramite la SP1 e da qui potrete raggiungere la magnifica Volterra.

    Siete in cerca di un itinerario breve e non troppo stancante, ma non volete trascurare bei paesaggi e viste mozzafiato? Il nostro percorso della Ciociaria sarà l’ideale per voi. Partiamo da Anagni, dove si può ammirare la Cattedrale con la sua cripta, il Palazzo di Bonifacio VIII e il Convitto Principe di Piemonte. Terminata la sosta, andiamo verso Fiuggi con un percorso ricco in curve e il suo paesaggio antologico. Dopo Fiuggi ci troviamo davanti a Guarcino, caratterizzato dalle sue strade di altri tempi e poi direzione Frosinone verso la via Prenestina.

    Con i suoi paesaggi incontaminati e le sue location da film, la Basilicata è una regione tutta da scoprire. Un tour epico per voi? Seguiteci! Partiamo dalla statale 92 dell’Appennino Meridionale attraverso una strada che giunge al monte Pierfaone fino al passo della Sellata (1.254 slm). Dirigendoci verso Pignola è interessante ammirare l’oasi naturale del lago del Pantano: la sua diversa profondità delle acqua e i suoi boschi non vi faranno tornare a casa delusi.

    La Puglia è una delle regioni più assalite dai turisti per via delle sue spiagge e non solo. Chi capitasse da quelle parti potrà effettuare percorsi che attraversano diverse località. I motociclisti amanti delle zone di mare possono partire da Manfredonia, città famosa per le sue architetture religiose e militari, proseguendo poi verso Barletta. In questo tratto stradale è facile trovarsi nella Riserva Naturale delle Saline di Margherita di Savoia, ultimo stop prima di Barletta, dove potrete ammirare la famosa Basilica Santo Sepolcro. Proseguiamo poi verso Andria per tornare in seguito verso Trani: da qui prendiamo la SS16 verso Bisceglie, Molfetta e Bari.

    Di tutta l’Italia, la Sardegna è una delle regioni più amate e visitate. Con il suo mare da 10 e lode, il suo divertimento e i suoi locali trendy, è quasi impossibile trovarle un difetto. Ma oltre a questo mondo fatto di divertimento, c’è un altro lato della Sardegna che sono in pochi a conoscere, quello rurale. Appassionati dell’architettura rurale? Facciamo un tour della Gallura allora. Partiamo da Tempio e prendiamo la SS133 che porta a Palau. Dopo dieci chilometri di strada svoltiamo a sinistra per il Monte Pulchiana, il monolite più scenico dell’isola. Concludiamo il road trip sardo visitando Aggius, paesino ricco di rocce granitiche e boschi di sughere.

    Quale itinerario sceglierete per la vostra prima uscita estiva?

    1763

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MotoMotori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI