NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Nuove auto 2014: modelli, prezzi e caratteristiche

Nuove auto 2014: modelli, prezzi e caratteristiche
da in Auto, Auto Nuove, Mercato auto, Motori
Ultimo aggiornamento:

    In questo articolo andiamo ad elencarvi quelle che sono le vetture che arriveranno nel corso del 2014. Le Case Automobilistiche stanno adottando diverse strategie per uscire da questo momento un pò buio del Mondo dell’Auto ma tutte sono d’accordo sul fatto che bisogna essere all’avanguardia e proporre prodotti nuovi che piacciano al pubblico. Ecco quindi che i marchi premium (leggi Audi, Bmw, Mercedes, Jaguar e Porsche) cercano di accaparrarsi più segmenti possibile.
    Grande attesa anche per la nuova generazione della Nissan Qashqai e la Nuova Renault Twingo che cercherà di bissare le vendite della prima generazione. Andiamo quindi a vedere tutte le nuove auto 2014 in ordine alfabetico.

    Dopo il lancio in grande stile dell’Alfa Romeo 4C, dal Biscione nel corso del 2014 dovrebbero procedere al lancio della variante Targa. Variante che si ispira alla formula resa famosa da Porsche con la sua 911 e rivista su alcune supercar blasonate tra cui l’ultima McLaren MP4-12C Spider. Questa soluzione compromette limitatamente la rigidità strutturale evitando quindi pesanti irrigidimenti della scocca.

    L’anno prossimo arriverà sul mercato la prima auto della Casa dei quattro anelli con la doppia alimentazione benzina-metano che è stata presentata durante l’edizione 2012 del Salone di Parigi. Si stiamo parlando proprio dell’Audi A3 Sportback Tcng.
    Con l’acronimo “Tcng” il Costruttore con sede ad Ingolstadt intende la tecnologia TFSI abbinata al CNG, ovvero i motori di ultima generazione con turbocompressore alimentati anche con il gas metano (oltre alla solita benzina).
    Sotto il cofano di questa prima variante a metano di un’Audi, troviamo un propulsore turbocompresso di ultima generazione ottimizzato per il funzionamento a metano: in particolare si tratta del 1.4 litri TFSI da 110 cavalli e 200 newtonmetri di coppia. I prezzi non sono ancora stati comunicati ufficialmente.

    Continuando in ordine alfabetico troviamo la nuova generazione dell’Audi A3 Cabriolet! Dopo la tre porte, la Sportback, la berlina tre volumi (Sedan) è giunta l’ora della versione scoperta che, come le sorelle, è costruita sulla nuova piattaforma modulare MQB. Per farla breve, quelle tre lettere sono sinonimo di leggerezza, alte prestazioni telaistiche e grande spazio a bordo. Gli ingegneri del Costruttore tedesco ci tengono a precisare che la nuova A3 scoperta è comoda per quattro persone e ha un baule più grande di 60 litri rispetto alla precedente. Farà il suo debutto il prossimo Marzo 2014 e sarà disponibile con due motori a benzina ed un diesel.

    Nel corso del 2014 arriveranno due versioni agli estremi dell’ammiraglia dei Quattro Anelli: per quelli dallo spirito ecologico la A8 Hybrid, per gli sportivi la S8.
    Sotto il cofano la prima avrà un 2 litri da 245 cavalli di potenza abbinato ad un motore elettrico mentre la seconda vanterà un 4 litri V8 biturbo da ben 520 cavalli di potenza. La S8 arriverà nelle concessionarie farà invece il suo debutto la A8 L 6.3 W12.

    La nuova generazione dell’Audi TT prenderà tanto dal concept Audi Sport Quattro esposto allo scorso Salone di Francoforte. Questo quello che affermano alcune voci di corridoio e potrebbe esserci ben più di un fondo di verità. Le linee della carrozzeria saranno un sapiente mix di tratti morbidi e di tratti spigolosi. I gruppi ottici saranno realizzati interamente in tecnologia LED e vedremo una reinterpretazione della calanda single-frame. Il debutto avverrà tra la primavera e l’estate 2014.

    Il Costruttore bavarese ha diffuso da poco le foto ufficiali ed i dettagli delle sue due nuove sportive che faranno sognare tanti appassionati. Stiamo parlando della Bmw M3 e della sorella coupé M4 che differiscono tra loro principalmente solamente per il numero di porte. La meccanica è infatti la medesima e pure la carrozzeria si assomiglia molto. Davvero aggressivo il frontale, caratterizzato dal tipico doppio rene (che ora segue il nuovo family-feeling della Casa dell’Elica) e dai gruppi ottici con gli angel-eyes a led di forma squadrata che donano ad entrambe le vetture uno sguardo inconfondibile. Il cofano motore bombato è la conferma che non ci si trova davanti ad una Serie 3 oppure ad una Serie 4 “normale”, bensì alla versione più potente ed emozionante realizzata dal reparto Motorsport di BMW.

    Diretta rivela dell’A3 cabrio è la nuova Bmw Serie 4 Cabrio le cui differenze rispetto alla variante con il tetto fisso sono davvero poche e le possiamo riassumere alla presenza del tetto rigido ripiegabile dotato di inedito meccanismo che consente di caricare e scaricare i bagagli anche a capote abbassata. L’ottimizzazione aerodinamica ha portato delle feritoie nelle fiancate denominate Air Curtains chee vanno a sommarsi alle Air Breather: grazie a queste due soluzioni si riducono i vortici intorno alle ruote anteriori.
    Al momento del lancio saranno disponibili tre diverse motorizzazioni. Si parte dal 2 litri quattro cilindri turbo a gasolio da 184 cavalli (420d) per passare al 428i, turbo benzina 2.0 con 245 cavalli, e toccare il vertice dell’offerta con il sei cilindri TwinPower Turbo tremila da 306 cavalli (435i). Tutti i propulsori sono in linea con la normativa Euro6 e prevedono l’abbinamento al cambio manuale sei marce o automatico 8 rapporti ZF.

    Bmw Serie 2 Active Tourer è la prima monovolume del Costruttore bavarese e si presenta con uno stile dinamico caratterizzato dagli sbalzi ridottissimi all’anteriore. Nella vista laterale spicca un profilo equilibrato che ha consentito di ottenere un abitacolo in grado di regalare notevole spazio ai passeggeri, grazie al passo di 2 metri e 67 centimetri. Il muso è quello tipico di una Bmw, con il “doppio rene” che si caratterizza dell’Active Aero System, un sistema che provvede a chiudere automaticamente i listelli della calandra quando non occorre una grande portata di aria per raffreddare il propulsore. I gruppi ottici abbandonano lo stile poco armonico della Serie 1 e rappresentano un’evoluzione di quelli visti sulla Serie 3, pur senza il collegamento con la calandra. Molto sagomato il paraurti, a confermare che la Active Tourer è sì una monovolume premium che pensa anzitutto allo spazio interno, senza rinunciare però all’aggressività delle linee.

    Era giunto il momento di una rinfrescata anche per la sportutility medio-piccola del Costruttore bavarese. Ecco quindi che la Bmw X1 si sottopone ad un restyling che la rinnova in alcuni dettagli estetici e lo fa in vista del nuovo modello che verrà lanciato nel mercato nel 2015. Nuovi i gruppi ottici anteriore ed il doppio rene, a listino sarà disponibile una nuova tonalità (lo Sparkling Brown metallizzato) e dei cerchi in lega dal nuovo disegno.

    Le piccole Citroen C1 e Toyota Aygo sono le gemelle della francesina Peugeot 107 con la quale condividono gran parte dei componenti e la meccanica.
    Per ridurre i costi di progettazione e produzione, questa collaborazione continuerà anche con i nuovi modelli. Il prossimo anno assieme alla nuova 108 arriveranno anche la C1 2014 e la Aygo 2014.
    Dagli uffici stampa di questo trio di Case automobilistiche hanno dichiarato che lo stile delle tre vetture sarà maggiormente differenziato rispetto ai modelli attuali per evitare di trovarsi tre auto quasi uguali con marchi differenti. A listino saranno disponibili sia a tre che a cinque porte e sotto il cofano celeranno il solito tre cilindri a benzina da 1 litro di cilindrata e 75 cavalli di potenza. Il prezzo di partenza si aggirerà attorno ai 10.000 euro.

    Nel corso del 2014 arriverà anche in Europa la nuova Chevrolet Corvette Stingray nella variante cabrio. Per la precisione in Italia sarà disponibile a partire dal mese di marzo. La nuova Corvette C7 rappresenta l’evoluzione nel rispetto della tradizione: sotto la carrozzeria dalle linee moderne trova posto un V8 tipicamente yankee.
    Le carattistiche chiave della versione scoperta di questa “vette” sono la capote realizzata in tessuto multistrato ed il cambio manuale a sette marce. Il listino della versione italiana c’è da giurare che sarà ben diverso da quello per il mercato Usa dove bastano appena 40 mila dollari per portarsene a casa una.
    Sotto al cofano lo stesso motore della variante coupé, un 6.2 litri LT1 V8 che eroga 450 cavalli di potenza massima ed è capace di una coppia motrice di ben 610 Nm.

    Nel corso del 2014 vedrà la luce anche la Ford C-Max Energi, versione ibrida della celebre monovolume dell’Ovale Blu. La novità è tutta sotto la carrozzeria: la propulsione è infatti ibrida ed è composta da un quattro cilindri da 2 litri di cilindrata accoppiato ad un motore elettrico alimentato da batterie al litio. Il sistema eroga una potenza complessiva di 190 cavalli e vi è la possibilità di caricare le batterie dalla presa della corrente di casa. Le vendite inizieranno a partire dai primi mesi dell’anno ad un prezzo di circa 35 mila euro.

    La Ford Focus Electric deriva dalla versione standard della berlina media dell’Ovale Blu ed è spinta da un propulsore elettrico da 107 chilowatt (corrispondono a 145 cavalli) capace di 250 newtonmetro di coppia che consentono prestazioni discrete. L’accelerazione da zero a cento avviene in 11″4, mentre la velocità massima è limitata per preservare l’autonomia ad appena 137 km/h. Il prezzo d’acquisto è altino: 39.900 euro per l’unica versione disponibile, praticamente full optional. Il pacco batterie agli ioni di litio ha la capacità di 23 kWh ed è collocato nel baule riducendo la capacità di carico a 237 litri. L’autonomia dichiarata è di circa 160 chilometri.

    Svelata poco tempo fa al Go Furhter la nuova Ford Mustang 2014 che verrà commercializzata anche in Europa. Arriverà sia nella variante coupé, denominata Fastback, che in quella cabrio, la Convertible. Esteticamente si fa riconoscere per i tratti che da sempre hanno caratterizzato tutte le generazioni della pony car a Stelle e Strisce. Troviamo quindi un frontale aggressivo che riprende alcuni particolari dalla Concept Car Evos tra cui i gruppi ottici. Sprigionano potenza le nervature pronunciate sul cofano motore e ricordano le baby muscle car americane. Ed è proprio lì sotto che si concentra il cuore della vettura che dovrà attirare la clientela europea in un settore che da noi non è mai sbocciato.

    In America il nome Ford Edge non è nuovo, infatti è abbinato da molti anni a quello che è il crossover per eccellenza della Casa dell’Ovale Blu che continua ad avere successo. La nuova generazione è pronta al debutto anche nel mercato europeo dove solo il tempo stabilirà se piace anche a noi occidentali o meno. Esteticamente sono inconfondibili i tratti tipici da vettura a stelle e strisce, l’Edge si discosta nettamente dal Kuga. Al GoFurther abbiamo potuto ammirare la nuova generazione di questo crossover che è stato svelato accanto alla Mustang 2014 ed alla nuova generazione della Ka. L’abitacolo del Ford Edge è realizzato con grande cura e materiali di alta qualità, mai visti fin’ora in una Ford. Questo conferma la grande aspettativa dei dirigenti dell’Ovale su questo crossover che in Europa vuole portar via clienti a molte vetture tedesche. Per la plancia, pannelli porta e volante troviamo un rivestimento in pelle chiara Nubuk con cuciture a vista.

    Dal Giappone arriva una spider compatta dalle linee sportive grazie al frontale aggressivo dominato dai gruppi ottici realizzati in tecnologia led che sono uniti tra loro da un listello retroilluminato a led.
    Subito sotto questo listello trova posto un’ampia mascherina nera dalla forma trapezoidale, inserita in un paraurti dal disegno semplice che ai lati integra due feritoie con due strisce verticali di led.
    Nella vista laterale spicca l’ampio incavo che domina le fiancate e dona notevole grinta all’assieme. Davanti ai passaruota posteriori trovano posto le prese d’aria per il motore posizionato in posizione centrale posteriore.
    I gruppi ottici posteriori riprendono il disegno di quelli anteriori e sono anch’essi uniti da una striscia di led. Nel paraurti posteriore vi è un’ampia porzione verniciata in colore nero lucido quasi a simulare la presenza di un estrettore aerodinamico.
    Dal design futuristico l’abitacolo a due posti secchi. La strumentazione è interamente digitale e si abbina bene al disegno sportivo del volante schiacciato nella parte inferiore.
    Il motore, stando alle ultime voci, sarebbe un piccolo 0.66 litri tre cilindri sovralimentato.

    Presentata due anni fa in veste di concept al Salone dell’Auto di Francoforte 2011, la Jaguar F-Type Coupé è stata svelata in versione definitiva al Salone di Los Angeles 2013, prima dell’esordio sul mercato annunciato per i primi mesi del prossimo anno.
    Il Costruttore del Giaguaro aveva deciso di lanciare per prima la variante scoperta, dando un’assaggio di quanto può offrire la versione coupé. La Coupé avrà una linea ancor più emozionante.

    Mancano pochi mesi al debutto sul mercato della nuova Jeep Cherokee. Già in vendita negli Stati Uniti, è stata presentata al pubblico al Salone dell’Auto di New York 2013 e si sta preparando per sostituire la generazione precedente anche nel Vecchio Continente. E’ realizzata sul pianale C-US Wide che sarà la piattaforma di partenza di una vettura marchiata Alfa Romeo della quale però non è ancora sicura la realizzazione e quando sarà il debutto. Rispetto alla generazione che sostituirà, la nuova Cherokee sarà più grande: la lunghezza cresce a 4 metri e 63 centimetri ed il passo a 2 metri e 70 centimetri. Quello che farà discutere sarà proprio il frontale: caratterizzato dalla tipica calandra con sette feritoie verticali con bordi cromati, potrà non piacere per i gruppi ottici separati con le luci diurne a led in alto e gli anabbaglianti ed abbaglianti poco sopra il paraurti.

    Per accorgersi che l’auto della gallery è il model year 2014 della Lexus CT 200h occorre avere l’occhio allenato. Questo restyling ha infatti toccato pochi punti della carrozzeria ma ha contribuito ad allinearla maggiormente all’attuale family feeling del marchio premium giapponese. Invariata la meccanica: sotto il cofano lo stesso 1.8 aspirato a benzina con ciclo Atkinson da 99 cavalli di potenza accoppiato ad un più compatto propulsore elettrico. La potenza complessiva del sistema è di 136 cavalli, sufficienti a far accelerare la CT 200h da 0 a 100 km/h in 10,3 secondi e di farle raggiungere i 180 km/h di velocità massima. Rispetto al modello attualmente a listino diminuiscono le emissioni di CO2: da 94 ad 88 grammi al km. Secondo alcune indiscrezioni, i tecnici giapponesi sarebbero al lavoro su di una versione sportiva della compatta di Lexus.

    Manca poco al debutto della nuova generazione della Mercedes Classe C. La berlina tedesca farà il suo debutto al Salone dell’Auto di Detroit 2014 in anteprima mondiale. La C 2014 si aggiorna per restare al passo con le rivali agguerrite tra le quali spicca la nuova BMW Serie 3. Al passo con l’attuale family feeling della Casa della Stella il design degli esterni che cerca di catturare un pubblico più giovanile. Si notano citazioni alle sorelle maggiori Classe E e Classe S nel rendering che gira sul web da qualche giorno.

    Gli interni saranno realizzati con materiali di alta qualità e avranno finiture ottime. Perfetta sarà la disposizione dei comandi. Il design della plancia ricorda quello della Classe A con lo schermo sensibile al tocco del sistema di infotainment che sembra un tablet. Arriverà sulle strade italiane per la metà del 2014.

    Da Mercedes arriverà anche GLA, il crossover di dimensioni compatte della Casa della Stella a tre punte disponibile in due varianti: integrale o con trazione anteriore. La prima è dotata di sistema 4Matic che provvede a ripartire dinamicamente la coppia tra asse anteriore e posteriore, offrendo il massimo di trazione in ogni circostanza. L’abbinamento in questo caso è obbligatorio con il cambio doppia frizione 7G-DCT. Due i motori a benzina, entrambi turbo: 1.6 litri e 2 litri, rispettivamente forti di 156 e 211 cavalli. Tra i propulsori diesel tutto ruota intorno all’unità 2.2 litri 4 cilindri turbo, declinata in versione 136 o 170 cavalli. In vendita da maggio 2014 la GLA, con un listino che partirà da 31.760 Euro.

    Dal 2014 il nuovo Mercedes Sprinter sarà equipaggiato, oltre che con motorizzazioni BlueTec conformi alle normative di inquinamento Euro 6 (che vantano consumi di 6.3 litri per ogni 100 chilometri percorsi), anche con un quattro cilindri 1.8 di cilindrata alimentato a benzina turbocompresso Euro 6 proposto pure in versione a metano.

    La Mini 2014 che è stata presentata in contemporanea in tre luoghi agli estremi del mondo e tutti molto importanti. Innanzitutto a Londra per rendere omaggio al luogo di nascita della vetturetta disegnata da Alec Issigonis; poi negli Stati Uniti, per la precisione al Salone dell’Auto di Los Angeles ed infine in Cina a Shanghai perché è il cuore del mercato globale asiatico.
    Le differenze con la generazione precedente sono più di quanto si immagini: dando uno sguardo agli esterni si notano subito i nuovi gruppi ottici con luci diurni a led ed il cofano motore più alto. Nuovo anche il disegno della parte posteriore ma le novità maggiori si concentrano sotto la carrozzeria e nella meccanica dove spiccano i nuovi propulsori a tre cilindri.

    Il prossimo anno arriverà nelle concessionarie anche la nuova Nissan Qashqai 2014, presentata a Londra vicino all’impianto di Sunderland dal quale ogni anno escono mezzo milioni di vetture del Costruttore nipponico. Ha un compito non da poco questa nuova crossover dagli occhi a mandorla: deve infatti sostituire la Qashqai attualmente a listino che ha venduto ben 2,1 milioni di esemplari dal 2006. Il CeO del Gruppo Nissan-Renault ha dichiarato che con questa nuova generazione l’intenzione è di replicare il successo ottenuto con la prima, grazie ad un design moderno e a contenuti in grado di primeggiare sulla concorrenza. Ad una carrozzeria tutta nuova ed un’abitacolo riprogettato non poteva mancare una meccanica di prim’ordine. I motori a listino saranno esclusivamente turbo, sia per quanto riguarda i diesel che per i benzina.

    Il Nissan e-NV200 si differenzia dal normale NV200 del mercato business innanzitutto per gli ingombri, è infatti più lungo del secondo di ben otto centimetri ma la novità la troviamo nella meccanica. La base meccanica è la stessa della sorella Leaf, la berlina media ad emissioni zero che ha conquistato il titolo di “Auto dell’Anno 2011”. Propulsione quindi al 100% elettrica con tutti i pregi ed i “difetti” che ne conseguono. Dalla sorella ecologista arriva anche il pacco batterie agli ioni di litio che, grazie al sistema Quick Charging, è possibile ricaricare all’80% dell’autonomia in soli 30 minuti.
    Il motore eroga 80 kW di potenza (equivalenti a 109 cavalli) e ben 280 newtonmetro di coppia. Grazie all’intelligente studio del sottoscocca, le batterie non rubano spazio all’abitacolo ed al vano di carico che restano così invariati.

    Si sa ancora poco sulla Opel Adam Cabrio. Sarà caratterizzata da un sistema di apertura della capote simile a quello già visto su Fiat 500C e Citroen DS3 Cabrio ossia con gli archi del tetto fissi che consentiranno quindi di contenere il peso: questa soluzione indebolisce di meno il telaio rispetto alla classica capota apribile. Il lunotto si ripiegherà su se stesso assieme al tetto in tela andando a posizionarsi sopra della cappelliera: così facendo la capacità di carico (comunque bassa) resta invariata ma viene meno la visibilità posteriore a capota abbassata. La meccanica verrà ripresa pari pari dalla sorella con tetto fisso.

    Per il 2014 il Costruttore di Zuffenhausen sta lavorando ad un leggero restyling per la sua utilitaria che possiamo ammirare in queste foto spia. La Corsa di quarta generazione è nata nel 2006 ed è sempre stata sulla cresta dell’onda anche se ora inizia a sentire il peso dell’età. Inizialmente in Opel pensavano di sostituirla con un modello completamente nuovo ma hanno poi optato per un facelift, scelta più economica e forse più redditizia visto il già discreto successo ottenuto dal modello. Ecco quindi che il modello che vedrà la luce il prossimo anno presenterà interni totalmente nuovi e design estetico rinnovato. Il frontale prenderà molto ispirazione dalla sorellina Adam mentre sotto il cofano troveremo propulsori nuovi tra cui spicca il nuovo tre cilindri da 1 litro di cilindrata e 115 cavalli di potenza. Il prezzo base si aggirerà attorno agli 11 mila euro.

    Nell’immagine qui sopra potete notare un render che anticipa le forme ed il design della prossima generazione della citycar del marchio del Leone. Si tratta della Peugeot 108 che continuerà la stretta partnership con Citroen C1 e Toyota Aygo, anch’esse pronte ad un ringiovanimento. Il motore si presume rimanga lo stesso, il 1.0 da 68 cavalli di potenza.

    La Peugeot RCZ è una coupé due posti più due sedili posteriori. Sin da subito è piaciuta per la sua linea accattivante, ma non ha mai riscosso notevole successo nel nostro mercato. Al Salone Internazionale dell’Auto di Francoforte 2013 è stata presentata la RCZ-R, la versione “cattiva” della coupé del Leone.
    In vendita nelle concessionarie a partire da gennaio, sotto il cofano è spinta da un motore turbo benzina da 1.6 litri di cilindrata che deriva direttamente da quello già disponibile nella RCZ normale. Qui però ha ricevuto alcune modifiche per aumentarne la potenza, ora a 270 cavalli e 330 newtonmetri di coppia disponibili a partire dai 1.900 giri al minuto e costanti fino ai 5.500. E’ da segnalare che la RCZ-R è la Peugeot di serie più potente di sempre.

    Presentata praticamente in contemporanea in due eventi agli opposti del globo la nuova sport-utility della Casa di Zuffenhausen. Stiamo parlando della Porsche Macan, svelata al Salone di Los Angeles ed a quello di Tokio 2013, è proprio la baby Cayenne che ci eravamo immaginati tempo fa. Stile che segue le orme tracciate dal fratello maggiore, prezzo che porta Porsche in una fascia di mercato decisamente inferiore. La parte meccanica è condivisa con la sorella dei quattro anelli, l’Audi Q5. Sono i tre capisaldi della Macan, nuovo suv atteso sul mercato nel 2014 che sarà disponibile solo con motori sei cilindri, benzina e diesel, rinviando l’ingresso in gamma dei quattro cilindri in un secondo momento. Cambierà anche il telaio Mqb, derivato sì dalla Audi Q5, ma con un maggior utilizzo di alluminio, per ridurre il peso di ben 130 kg. Infine per quanto riguarda il prezzo, la variante diesel in Germania sarà in vendita al prezzo di 57.930 euro.

    La nuova generazione della Renault Twingo nascerà con la collaborazione di Mercedes che proporrà la Smart Fortwo e Forfour dallo stesso pianale e sarà molto simile al prototipo TwinFun Concept beccato per le strade di Madrid qualche mese fa. Vi sarà un netto cambiamento rispetto al passato: motore e trazione saranno infatti posteriori. Riuscirà la nuova Twingo a ottenere il successo dell’antenata?

    Tra le auto cabrio che debuttano nel 2014 non poteva mancare la Renault Mégane Coupé-Cabriolet visto che da poco era stato sottoposto ad un facelift il modello nelle varianti berlina e station wagon.
    La Casa d’Oltralpe ha dichiarato che la presentazione ufficiale avverrà in occasione del Salone di Bruxelles ed il modello di serie sarà quindi disponibile a partire da gennaio 2014.
    Le novità si concentrano all’anteriore con un paraurti dal design rinnovato e caratterizzato da nuove prese d’aria e strisce di LED per le luci diurne collocate accanto ai proiettori fendinebbia. I più attenti avranno notato anche il nuovo disegno interno dei gruppi ottici anteriori, uniti tra loro dalla mascherina nero lucido dominata al centro dal logo della Losanga.
    Fa bella mostra di sé lo scenografico tetto panoramico in vetro che regala emozioni anche da chiuso e rende molto luminoso l’abitacolo, comodo nella parte anteriore ma un pò sacrificato al posteriore. Invariate la fiancata e la parte posteriore. Sulla plancia spicca il nuovo nuovo sistema multimediale di infotainment Renault R-Link multimedia system caratterizzato dallo schermo a colori da 7 pollici e dal joystick sul tunnel centrale.

    Nel 2014 arriverà nelle concessionarie anche la più sportiva Seat mai realizzata. Stiamo parlando della Nuova Léon SC Cupra che sarà spinta da un vigoroso propulsore benzina 2 litri turbo TSI dalla potenza massima di ben 280 cavalli. Tanto per darvi un riferimento, sarà più potente della vecchia Golf R e dell’Audi TTS, “ferma” a 272 cavalli. Numerosi gli interventi sulle sospensioni, allo sterzo e sulla risposta del pedale del gas. Per quanto riguarda la trasmissione sarà possibile optare per un cambio manuale sei marce od un rapidissimo doppia frizione DSG.

    Seat Léon TGI è la variante bifuel della berlina media spagnola che arriverà nelle concessionarie il prossimo anno e per la prima volta sarà l’occasione giusta per vedere una Léon con alimentazione anche a metano. E’ stata presentata allo scorso Salone di Francoforte 2013 in configurazione cinque porte e colore blu metallizzato con cerchi bruniti. Sotto la carrozzeria troviamo la stessa meccanica dell’A3 Sportback TCNG: motore 1.4 litri TSI turbo quattro cilindri in linea da 110 cavalli di potenza e coppia massima di 200 Nm, sufficienti a far accelerare la Seat in 10,9 secondi nello 0-100 km/h e di farle raggiungere una velocità massima di 194 km/h. L’autonomia fornita dal serbatoio di Metano è di circa 400 km, a cui vanno aggiunti anche i 900 km di autonomia forniti dal serbatoio da 50 litri di benzina.

    La berlina spagnola arriverà pure in formato famiglia, ecco quindi la Seat Léon ST: caratterizzata da un andamento abbastanza lineare del tetto, riprende molto dalla sorella ma propone anche novità tra cui dei nuovi modelli di cerchi in lega. I gruppi ottici posteriori, anche se all’aspetto sembrano esattamente gli stessi della versione più piccola, in realtà sono più grandi ed arrotondati per integrarsi meglio con la coda voluminosa. La gamma di motori ricalcherà esattamente quella della berlina, con motorizzazioni a benzina che vanno dal compatto 1.2 litri TSI da 86 cavalli, fino ad arrivare al 1.4 TSI da 122 cavalli, passando per l’1.2 litri TSI da 105 cavalli. La gamma di unità diesel comprende il 1.6 TDI CR con 90 CV, il 1.6 TDI CR da 105 CV ed il 2.0 litri TDI CR con potenze di 150 e 184 cavalli.

    Nel corso del prossimo anno vedrà la luce anche la Tesla Model X che si caratterizzerà per il sistema Dual Motor All-Wheel Drive: la vettura è spinta da due motori elettrici, uno collocato sull’asse posteriore e l’altro su quello anteriore. Una sorta di trazione integrale elettrica quindi.
    Il sistema Dual Motor All-Wheel Drive verrà offerto in alternativa alla variante a trazione posteriore e consente alla Tesla Model X prestazioni eccellenti. L’accelerazione da 0 a 100 chilometri all’ora avviene in soli 4,4 secondi. Al momento dell’acquisto è possibile optare per due tipi diversi di pacchi batterie, uno da 60 e l’altro da 85 kWh, quest’ultimo consente di percorrere ben 435 chilometri con una carica ossia molto di più di una vettura a metano o a gpl.
    Non è ancora stato divulgato ufficialmente il listino prezzi per l’Italia ma possiamo presupporre che sarà più elevato di quello della Tesla Model S che ha un prezzo base di 72.600 euro.

    La Volkswagen e-up si distingue dalle versioni normali della Up! per la propulsione elettrica che le consente di compiere 150 km sfruttando la carica completa del pacco batterie da 18,7 kWh. Grazie ad un sistema di ricarica veloce sarà possibile raggiungere l’80% della carica in soli 30 minuti. Il motore elettrico ha una potenza media di 55 cavalli ed eroga un massimo di 82 cavalli, la coppia di 210 newtonmetro consente di scattare da 0 a 100 chilometri orari abbastanza brillantemente. Il tempo dichiarato è di 14 secondi. La velocità massima è autolimitata a 135 chilometri all’ora per preservare la durata delle batterie. La percorrenza massima con un pieno di corrente è di 160 chilometri, il peso complessivo è pari a 1.185 chilogrammi. In Germania sarà disponibile a partire dal prossimo autunno al prezzo di 26.900 euro.

    Entro fine anno vedremo nelle concessionarie anche la Volkswagen e-Golf spinta da un motore elettrico che sviluppa una potenza massima di 115 cavalli ed una coppia motrice di 270 Nm. Non male le prestazioni dichiarate: l’accelerazione da 0 a 100 avviene in 10,4 secondi mentre la velocità massima è stata limitata elettronicamente a 140 chilometri orari.
    Il pacco batterie è agli ioni di litio ed ha la capacità di 24.4 kWh. Grazie alla collocazione sotto al divanetto posteriore non è stata intaccata l’abitabilità interna è la capacità di carico del vano bagagli. Nella lista degli optional figura anche un sistema di caricamento rapido che grazie alla corrente trifase (380V) riesce a ricaricare dell’80% il pacco batterie in soli 30 minuti.
    Da Wolfsburg fanno sapere che rispetto ad una Golf alimentata con tradizionale motore termico, l’aggravio di peso è di soli 250 chili. Selezionabili tre diverse modalità di guida: Normal, Eco e Range. Stando alle ultime indiscrezioni il prezzo si aggira attorno ai 40 mila euro.

    5841

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoAuto NuoveMercato autoMotori
    PIÙ POPOLARI