Tagliando auto: quanto costa e quando va fatto

Tagliando auto: quanto costa e quando va fatto
da in Auto, Consigli motori, Motori
Ultimo aggiornamento:
    Tagliando auto: quanto costa e quando va fatto

    Il tagliando auto è un aspetto primordiale da non trascurare mai. Questa volta cercheremo di chiarire i dubbi e dare più informazioni possibili sulla manutenzione della propria auto. Iniziamo col dire che il tagliando è un check up che bisogna sottoporre a tutti i veicoli in maniera periodica al fine di controllare le parti del veicolo che vanno incontro ad usura e di mantenere integra la salute dello stesso per essere sempre al top della sicurezza. Il tagliando auto non si deve confondere con la revisione: si tratta infatti di due pratiche diverse.

    Come detto in precedenza, il tagliando auto è un controllo che va effettuato periodicamente in cui tutte le parti soggette a deterioramento vengono controllate con minuzia per essere rimesse a nuovo o sostituite quando è necessario. Con il tagliando si va ad intervenire sul veicolo prima che si verifichino problemi meccanici o inconvenienti di altro tipo. Per questo motivo tutte le case costruttrici danno delle indicazioni precise sui tempi e sul chilometraggio in cui vanno fatti i controlli. Da notare che il secondo o il terzo tagliando richiede qualche accorgimento in più rispetto al precedente. Per farvi un quadro generale, possiamo dire che in officina vengono controllate le seguente parti: cinghia di trasmissione, climatizzatore, pressione degli pneumatici e lo stato di usura, stato di usura delle pastiglie freni, sospensioni, funzionamento luci interne ed esterne, livello dei fluidi dell’auto (olio, liquido refrigerante, liquido freni e detergente lavavetri), verifica motore e marmitta.

    E’ sempre delicato dare indicazioni precise che siano valide per tutte le auto visto che le tempistiche variano a seconda della marca, del modello e del tipo di veicolo che si ha in possesso. Tuttavia le scadenze si basano su due parametri: 1) numero di chilometri percorsi, 2) tempo in anni. Il tagliando va fatto quando viene raggiunto uno dei due limiti stabiliti dalla casa e si distinguono in: auto con tagliando ogni 15.000/20.000 km o 1-2 anni, auto con cambio olio ogni 15.000 km e tagliando ogni 30.000 km e auto con tagliandi “long life” ogni 30.000/50.000 km o 2 anni. Grazie a centraline sofisticate che si trovano nei veicoli più recenti, è possibile valutare in modo automatico quando si deve fare il tagliando: questo ci fa capire che possono variare gli intervalli tra un controllo e l’altro in base anche a come si guida e alle condizioni complessive del veicolo.

    Anni fa bisognava effettuare il tagliando auto presso un’officina ufficiale appartenente al marchio stesso. Ma a partire dal 2002, con il Decreto Monti (conosciuto oggi anche come Regolamento UE n. 461/2000) il check up può essere effettuato presso qualsiasi officina indipendente che, tuttavia, deve avere un’autorizzazione. In tal caso è sempre valida la garanzia del costruttore, purché gli intervalli di manutenzione del costruttore vengano rispettati scrupolosamente.

    Per chi acquista un’auto nuova è consigliato a volte controllare il proprio mezzo ad un intervallo ridotto, anche se la maggior parte dei costruttori sta cercando di adeguare il primo tagliando a quelli successivi.

    E’ sempre possibile rivolgersi ad auto officine indipendenti, a patto di rispettare il chilometraggio stabilito dalla casa madre sul manuale di manutenzione.

    Chi possiede un’auto che non è più dotata di garanzia deve sapere che il tagliando auto non è più obbligatorio, anche se ovviamente, per il funzionamento di questa, è sempre e fortemente consigliato. Arrivati a questo punto, è bene mettere in chiaro la differenza che esiste con la revisione: quest’ultima attesta che un veicolo può circolare regolarmente sulle strade in tutta sicurezza. Questa serie di parametri viene decisa dalla Motorizzazione e la revisione è invece obbligatoria, sebbene si tratti di un certificato che attesti il funzionamento in regola del mezzo e non riguarda eventuali controlli più specifici sulle parti dell’auto. Di questo se ne occupa, giustamente, l’officina che effettua il tagliando auto.

    Anche in questo caso non è possibile dare una cifra esatta e precisa che faccia da modello per tutti i veicoli considerando che le variabili in ballo sono innumerevoli. E’ comunque da segnalare che un intervento in officina ufficiale del costruttore costerà sempre qualcosa in più, ma è anche vero che il conto dipenderà dal lavoro che sarà stato effettuato. A cambiare il prezzo finale ci sarà anche il marchio e il modello del veicolo visto e considerato che i prezzi dei ricambi cambiano da modello a modello. In linea di massima si può dire che il costo di un tagliando auto oscilla tra 200 e oltre 1.000 euro. In questi ultimi anni sono nati dei gruppi online di acquisto come Groupon che possono offrire tagliandi a prezzi stracciati, anche se bisogna sempre vedere cosa si va a scegliere e a quale persone ci si affida.

    E’ possibile controllare i livelli, lo stato di usura delle pastiglie dei freni o aggiungere olio/liquidi anche da soli, ma per effettuare un tagliando completo è sempre bene affidarsi a mani esperte. Anche il cambio olio a volte può essere un’operazione delicata per non parlare quindi della sostituzione delle cinghie o altre componenti dall’accesso più difficile. E’ comunque sempre consigliato affidarsi a chi, di motori, ne sa più di voi al fine di evitare pasticci.

    1013

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoConsigli motoriMotori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI