Nuove Alfa Romeo: piano di ritorno ai fasti del passato

da , il

    A Detroit è stato anticipato quello che sarà il piano strategico del gruppo FCA, Fiat Chrysler, previsto per i prossimi 4 anni, fino al 2018. Dopo avervi parlato di quelle che sono le novità attese sotto l’ala del marchio Fiat, la nostra attenzione si sposta sul costruttore del Biscione. Le nuove Alfa Romeo saranno tante e capaci di far tornare a battere il cuore di migliaia di Alfisti, che negli ultimi anni hanno dovuto digerire non poche delusioni. Si tratta di un piano molto ambizioso quello riservato alla casa di Arese, dato che dalle 74.000 auto vendute nel 2014 si vuole arrivare a vendere ben 400 mila unità nel 2018. Ma non si tratta solo di freddi numeri: ai vertici hanno capito qual è l’Alfa Romeo che vogliono gli appassionati. Un marchio esclusivo, sportivo ed emozionale. E saranno proprio questi i valori che staranno dietro alla prossima produzione firmata Alfa.

    Il primo modello del rilancio sarà la berlina di segmento D, nel 2015, quella che viene comunemente definita come Alfa Romeo Giulia e che raccoglierà il testimone della vecchia Alfa 159. Si tratterà di un’automobile veramente speciale nel suo genere, perchè sarà la dimostrazione del cambio di tendenza del costruttore. Tanto per cominciare il pianale sarà finalmente a trazione posteriore, proprio come chiesto a gran voce dagli appassionati di tutto il mondo, condiviso con la Maserati Ghibli. Ma poi sarà anche una questione di stile, dato che stando alle anticipazioni dovrebbe avere un look inconfondibilmente Alfa Romeo, elegante e sportivo, capace di distinguersi nella massa. Saranno poi tante le novità tra il 2016 ed il 2018, dove è attesa la sostituta della Giulietta ed un crossover di segmento C, realizzato sul medesimo pianale. Arriverà, poi, la versione station wagon della Giulia ed una berlina di fascia alta, di segmento E, che andrà a rivaleggiare con le varie Audi A6, BMW Serie 5, Mercedes Classe E e Jaguar XF.

    Ci saranno, ovviamente, anche i SUV: uno di segmento medio ed uno di fascia alta. Ma non finisce qui: sono attese ulteriori novità sul fronte delle sportive vere e proprie. Tra queste spicca la versione Quadrifoglio Verde dell’Alfa Romeo 4C, che dovrebbe vantare una potenza notevolmente incrementata, nonchè alcune modifiche estetiche rispetto alla variante tradizionale. E nel 2018 arriverà anche una “speciality”, come l’hanno definita, che molto probabilmente sarà un modello basato sul pianale della prossima Maserati GranTurismo.

    Un’ulteriore slide ci mostra quelli che saranno i cuori pulsanti dei modelli, ovvero i motori. La gamma di unità a benzina si apre con un quattro cilindri sovralimentato con potenze comprese tra i 120 ed i 180 cavalli (probabilmente il 1.4), per passare poi ad un più generoso quattro cilindri di cubatura maggiore (1.750) che spazierà tra i 180 ed i 300 cavalli. Per le versioni alto di gamma ci sarà un V6, capace di un range di potenze tra i 400 ed i 500 cavalli. Tra i turbodiesel ci saranno un quattro cilindri con potenze da 120 a 200 cavalli ed un più grosso V6 attorno ai 250/300 cavalli.