Rinnovo patente: costo, documenti e sanzioni

Rinnovo patente scaduta: costo, documenti e sanzioni
Di Fabio Psoroulas Giovedì 13 Marzo 2014
Cambia la procedura per il rinnovo della patente

Il decreto del Ministro dei Trasporti che recepisce una direttiva comunitaria cambierà radicalmente il formato del documento. Ecco le novità.

FacebookTwitter

Avete controllato quando scade la vostra patente di guida? Dal nove gennaio 2014 ci sono grosse novità. Molti automobilisti italiani si ricordano della scadenza del permesso per guidare solo al momento di un controllo da parte delle Forze dell’Ordine, incorrendo così in gravi sanzioni amministrative. Scopriamo le date da rispettare, i costi da sostenere e i documenti da presentare per il rinnovo della patente di guida, secondo quanto prescritto dall’articolo 126 del Codice della Strada. L’importante novità alla quale dovranno uniformarsi tutte le motorizzazioni d’Italia entro il 9 gennaio 2014 riguarda il rilascio di una nuova patente in caso di rinnovo e non più il tagliandino adesivo che tante polemiche aveva sollevato di recente, per i ritardi nell’invio e la scarsa resistenza all’usura.

Rinnovo della patente: ogni quanti anni

Il rinnovo della patente va effettuato al termine di un determinato periodo di tempo stabilito in base all’età dell’automobilista.

Patente A, B, B-E
- Età inferiore ai 50 anni: validità 10 anni
- Età compresa tra 50 e 70 anni: validità 5 anni
- Età compresa tra 71 e 80 anni: validità 3 anni
- Età superiore a 80 anni: validità 2 anni

Patente C, D
- Fino a 65 anni: validità 5 anni
- Oltre i 65 anni: patente C rinnovata per 2 anni
- Dai 68 anni: patente D declassata a C

Procedura

Prima della scadenza della propria patente di guida, bisogna sottoporsi a una visita medica per il rinnovo della stessa. Il costo della visita varia in funzione alla struttura e al tipo di patente da rinnovare e può essere sostenuta anche in una Scuola guida. Ovviamente, rivolgersi a un’autoscuola avrà costi leggermente superiori, con il vantaggio di non dover sbrigare singolarmente tutte le pratiche sotto elencate.

Prima di presentarsi alla visita bisogna:
- versare €9,00 sul c/c 9001, bollettino prestampato in distribuzione presso gli uffici postali e gli uffici motorizzazione;
- due fotografie formato tessera
- acquistare una marca da bollo di € 16,00.

Visita medica per il rinnovo della patente:

Non tutti i medici possono rilasciare il certificato necessario per il rinnovo della patente: le figure professionali autorizzate dal Codice sono:
- Medici delle ASL
- Medici del Ministero della Salute
- Medici della Polizia di Stato
- Medici dei Vigili del Fuoco
- Medici militari
- Medici delle Ferrovie dello Stato
- Medici del Ministero del Lavoro

Se la visita avrà esito positivo, il medico rilascerà all’interessato il relativo certificato, dove verrà posta la marca da bollo, e invierà comunicazione della conferma di validità al Ministero dei Trasporti. Il certificato andrà custodito insieme alla patente scaduta. Il documento di idoneità varrà per 60 giorni e contestualmente il Ministero si attiverà per stampare un’altra patente con la nuova fotografia dell’automobilista e la data di scadenza aggiornata.

Sarà il Ministero a spedire al domicilio dell’automobilista interessato la patente, con i costi postali a carico di quest’ultimo (circa 7 euro, da pagare alla consegna del plico).
E’ possibile avere informazioni sullo stato della pratica, contattando il numero verde 800-23.23.23.

Rinnovo patente dopo gli 80 anni
Novità importanti sono state introdotte recentemente per il rinnovo della patente oltre l’80° anno di età.
Con il decreto “Semplifica Italia” (decreto legge 9 febbraio 2012 n.5, convertito con legge 4 aprile 2012 n. 35), in vigore dal 10 febbraio 2012 si è eliminato l’obbligo di visita medica presso una Commissione medica locale. Così, gli automobilisti più anziani torneranno alle modalità precedenti previste per il rinnovo della patente, rinnovo che mantiene la validità biennale. L’accertamento dei requisiti psico-fisici andrà fatto presso le strutture tradizionalmente abilitate e previste dall’articolo 119 del Codice della strada, come, ad esempio, i medici delle sezioni di medicina legale delle Asl, gli ispettori medici delle Ferrovie dello Stato o i medici militari.

Dovranno presentarsi a queste strutture anche gli automobilisti ultra-ottantenni che, avendo sostenuto la visita presso la Commissione medica locale – quando era obbligatoria -, hanno ricevuto un rinnovo della patente inferiore ai 2 anni. Se il medico dovesse, poi, riscontrare gli estremi per ulteriori approfondimenti, allora si procederà con una visita in Commissione. Un passo d’altronde previsto per qualunque automobilista, a prescindere dall’età, nel caso in cui gli accertamenti facciano sorgere dubbi sull’idoneità.

Rinnovo patente disabili, diabetici e altre categorie

Oltre a questa ipotesi, la visita di rinnovo patente resta di competenza della Commissione medica locale, indipendentemente dall’età del conducente, in alcuni casi specifici indicati sempre dal Codice della strada (articolo 119, comma 4 e articolo 115, comma 2): mutilati e minorati fisici, persone affette da alcune patologie invalidanti per la guida, diabetici con patente superiore alla categoria B, conducenti sottoposti a provvedimenti di revisione della patente, ultra sessantacinquenni conducenti di veicoli pesanti per il trasporto cose e di macchine operatrici, ultra sessantenni conducenti di veicoli pesanti per il trasporto persone.
Per gli automobilisti che soffrono di epilessia, il rinnovo va fatto ogni due anni, dopo una visita neurologica. Tuttavia, se nell’arco di 10 anni non si sono verificate crisi epilettiche, viene meno il limite biennale.

Rinnovo patente con l’Aci

Per rendere l’operazione di rinnovo più rapida, l’automobilista potrà appoggiarsi a una Delegazione Aci: in questo caso sarà necessario avere con sé la sola patente di guida.

Sanzioni per guida con la patente scaduta

Cosa succede se si viene fermati dalle Forze dell’Ordine in possesso di una patente non rinnovata?

Chi si mette alla guida di un veicolo fin dal primo giorno dopo la scadenza, va incontro al ritiro della patente e una multa da 148 € a 594 €, secondo il comma 7 dell’articolo 126 del Codice della Strada.

Importante: chi non rinnova la patente entro 3 anni dalla scadenza, deve sostenere nuovamente l’esame teorico e pratico.

Segui NanoPress
torna su
@
Segui su Facebook
NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD