Pedaggio autostradale: calcolo e costi

Di Fabio Psoroulas Giovedì 13 Marzo 2014

Sapete calcolare il pedaggio autostradale? Oppure ogni volta che sentire suonare il telepass non avete la più pallida idea di quanto vi sia costato utilizzare un tratto della rete autostradale italiana? Ora questi dubbi avranno una risposta. Vi spiegheremo come calcolare il pedaggio autostradale e avere un quadro completo dei costi che si dovranno affrontare entrando in autostrada. Non solo: vi spiegheremo come comportarsi in caso di mancato pagamento del pedaggio autostradale, dove acquistare le tessere Viacard per evitare code ai caselli e le procedure per entrare in possesso del Telepass.

Come si calcola?

Dovete affrontare un lungo viaggio in autostrada e non sapete quanto costerà percorrere la tratta autostradale? Per calcolare il pedaggio autostradale la soluzione è molto semplice: vi basterà cliccare sul sito di Autostrade per l’Italia ed inserendo il percorso e la classe del vostro mezzo saprete immediatamente il costo del vostro viaggio.

Per conoscere la classe di appartenenza vi basterà individuare il vostro mezzo nella tabella sottostante:

Una volta riconosciuta la classe di appartenenza del veicolo si è così ottenuta la tariffa unitaria che va successivamente moltiplicata per il numero di chilometri percorsi, considerando che oltre ai chilometri tra il casello di partenza e quello di arrivo sono conteggiati i chilometri degli svincoli, delle bretelle di adduzione e dei tratti autostradali liberi prima e dopo il casello che sono stati costruiti e vengono gestiti dalla concessionaria di quel tratto autostradale.
All’importo così ottenuto si deve aggiungere l’IVA (22%) ed applicare l’arrotondamento, per eccesso o per difetto, ai 10 centesimi di euro.

Bisogna tenere conto di due cose:

Innanzitutto delle caratteristiche dei tratti autostradali percorsi (di pianura o di montagna): la tariffa unitaria infatti tiene conto dei costi di costruzione, gestione e manutenzione delle tratte autostradali (è per questo che i tratti di montagna, ricchi di viadotti e di gallerie, costano di più).

Inoltre della società concessionaria che gestisce la tratta nel caso di percorsi che comprendano più società autostradali: in questo caso è necessario calcolare separatamente i chilometri e le tariffe unitarie di ognuna prima di applicare gli arrotondamenti.

Arrotondamenti

Giusto qui sopra vi parlavamo degli arrotondamenti, andiamo a vedere nel dettaglio a cosa servono e dove vengono applicati.

L’arrotondamento viene applicato in maniera automatica da parte di Autostrade per l’Italia rispettando le direttive date dal Decreto Interministeriale n. 10440/28/133 del 12 novembre 2001 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Il sistema di arrotondamento prevede che se il pedaggio autostradale dovuto presenta una cifra finale inferiore ai 5 centesimi di €, il pedaggio che paga l’utente è arrotondato ai 10 centesimi inferiori; se la cifra finale è uguale o superiore ai 5 centesimi il pedaggio per l’utente viene arrotondato ai 10 centesimi superiori.

Facendo un’esempio pratico per capire meglio, se il pedaggio è pari a 1,13 € l’importo da pagare viene arrotondato a 1,10 €; nel caso invece in cui il pedaggio è pari a 1,16 € viene arrotondato a 1,20 €.

L’unica eccezione è rappresentata dalla Tangenziale di Napoli sulla quale i pedaggi, per le caratteristiche particolari dell’arteria e per l’unicità del sistema di classificazione adottato ai fini dei pedaggi applicati, l’arrotondamento viene applicato ai 5 centesimi di €.

Mancato pagamento del pedaggio

Talvolta durante il pagamento del pedaggio può capitare di incappare in problemi. Nel caso in cui il ticket autostradale non viene pagato, interamente o in parte, a causa di problemi di varia natura – come ad esempio la mancanza di denaro o a causa di problemi tecnici al casello – verrà emesso uno scontrino che ne attesta il mancato pagamento.

Per regolarizzare la vostra posizione avrete diverse possibilità:

Pagamento online tramite carta di credito sul sito delle Autostrade;

Pagamento presso tutti gli Uffici Postali tramite versamento dell’importo dovuto sul c/c n° 371500 intestato a Autostrade per l’Italia, indicando nella causale di pagamento il numero di targa del veicolo ed il numero del mancato pagamento;

Pagamento presso i Punto Blu gestiti da Autostrade per l’Italia;

Pagamento presso uno dei caselli autostradali della rete di Autostrade per l’Italia gestiti da operatore.

Pagamento di tipo elettronico: Telepass e Viacard

Se odiate rimanere in coda al casello autostradale esistono diversi metodi di pagamento elettronico per velocizzare le operazioni di pagamento.

Telepass:è lo strumento più comodo per evitare le code ai caselli. Si tratta di un sistema telematico di pagamento del pedaggio, da incollare tramite un collante adesivo al parabrezza della vostra auto oppure da tenere su di un portaoggetti nel cruscotto e posizionare in vista non appena ci si avvicina al casello. Disponibile in versione Family – per le persone fisiche – o con Viacard -studiato per le figure giuridiche o che viaggiano per lavoro- il Telepass non prevede alcuna maggiorazione del pedaggio autostradale ma solo un ridotto contributo di utilizzo. Per richiedere il Telepass basterà recarsi presso i Punto Blu, gli uffici postali e gli istituti bancari convenzionati.

Viacard: si tratta di una carta magnetica per il pagamento del pedaggio che può essere utilizzata nelle corsie dedicate o in quelle manuali. Esistono due tipologie di Viacard: la versione a scalare e la versione a conto corrente.

La Viacard a scalare consiste in una carta magnetica prepagata da 25, 50 o 75 euro. Ogni volta che si pagherà un pedaggio l’importo verrà scalato fino all’esaurimento del credito. La Viacard a scalare è acquistabile rivolgendosi alla società Autostrade, ai Punti blu dislocati lungo tutta la rete autostradale, alle aree di servizio e agli esercizi commerciali che espongono il marchio Viacard.

La Viacard a conto corrente è invece una tessera magnetica senza scadenza e senza limite di spesa, consegnata a chi sottoscrive presso la banca o al Punto Blu un contratto denominato Viacard di conto corrente al costo di 15,49 euro all’anno. Rivolgendosi al Punto Blu sarà richiesto il versamento di un deposito cauzionale di 150 euro o una fideiussione bancaria di pari importo, riconosciuti poi al momento di cessazione del contratto.

Il pedaggio in Svizzera

Come funziona il pagamento dell’autostrada in Svizzera? Niente di più facile, infatti per poter percorrere le autostrade svizzere sarete obbligati ad acquistare un contrassegno valevole 14 mesi, 12 mesi dell’anno solare + dicembre dell’anno precedente + gennaio dell’anno successivo, al prezzo di 31.50 euro per gli automezzi con peso totale fino a 3.5 t. Molto utile soprattutto per quelli che fanno molti chilometri e torneranno altre volte nelle autostrade elvetiche mentre per quelli che devono andarci una volta sola potrebbe risultare scomodo. Può venire vista come un’occasione per ritornare in Svizzera prima che scada il ticket.

Dove acquistare il contrassegno per le autostrade svizzere?:
 

Ci sono diversi posti dove è possibile acquistare il contrassegno per circolare sulle autostrade svizzere. Il nostro consiglio è quello di acquistarlo direttamente in Italia, in modo di arrivare già “pronti” in Svizzera. Ora andremo ad elencarvi dov’è possibile acquistarlo.

In Italia:
presso gli Automobile Club Provinciali e le loro Delegazioni di Alessandria, Ancona, Aosta, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Como, Cremona, Cuneo, Ferrara, Firenze, Forlì, Frosinone, Genova, Ivrea, La Spezia, Lecco, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro, Pescara, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Roma – Delegazione Galleria Caracciolo, Rovigo, Sanremo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Varese, Venezia, Verbano, Vercelli, Verona, Vicenza, Viterbo.

In Svizzera:
presso gli uffici postali, le stazioni di servizio, le autorimesse, le agenzie del Touring Club Svizzero e gli uffici cantonali della circolazione stradale.

Un consiglio: non tentate di fare i furbi e percorrere le autostrade svizzere senza contrassegno. Se sarete sorpresi dalle forze di polizia elvetica sarete multati di 100 franchi, pari a 78 euro, più l’acquisto immediato della vignetta. In Svizzera inoltre sono più frequenti i posti di blocco, quindi è meglio non rischiare.

Pedaggio in Austria

Avete in programma un viaggio in auto in Austria? Lì funziona esattamente come in Svizzera. Preparatevi quindi ad acquistare una vignetta. Si tratta di un contrassegno obbligatorio prepagato da applicare al parabrezza della vostra auto per poter utilizzare la rete autostradale austriaca.

Per gli automezzi con peso massimo fino a 3.5 t, esistono tre tipi di vignette:

Annuale, valevole dal 1 dicembre dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno successivo: 76.50 euro

Bimestrale, valevole da due mesi dal giorno della foratura: 23 euro

10 giorni, valevole dalle ore 00:00 del giorno della foratura alle ore 24:00 del nono giorno successivo: 7.90 euro

Dove acquistare le vignette per le autostrade austriache:

Qui vale lo stesso discorso fatto poco fa per le vignette per le autostrade svizzere.

In Italia:
presso gli Automobile Club Provinciali e le loro Delegazioni: Alessandria, Ancona, Aosta, Asti, Belluno, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Cremona, Cuneo, Ferrara, Firenze, Forlì, Frosinone, Genova, Gorizia, Ivrea, Lecco, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro, Pescara, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Roma presso la Delegazione Galleria Caracciolo, Rovigo, Sanremo, Sondrio, Torino, Trento, Trieste, Treviso, Udine, Varese, Venezia, Verbano, Vercelli, Verona, Vicenza, Viterbo.

In Austria:

in vendita presso: gli uffici dell’Automobile Club Austriaci, le stazioni di servizio in città o sugli svincoli autostradali,i caselli autostradali A9, A10, A11, A13, S 16, il confine autostradale Brennero, i tabaccai.

Segui NanoPress
torna su
@
Segui su Facebook
NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD