Abdelhamid Abaaoud, la mente delle stragi di Parigi (Foto)

1 di 11
    continua
    http://www.nanopress.it/mondo/foto/abdelhamid-abaaoud-la-mente-delle-stragi-di-parigi_7135.html
    Abdelhamid Abaaoud
    Abdelhamid Abaaoud. Belga, nato da una famiglia di origini marocchine, 27 anni: è Abdelhamid Abaaoud, la mente delle stragi di Parigi, ucciso nel blitz a Saint Denis. Non un semplice attentatore, ma uno dei boia stranieri più attivi, recuclatore e addestratore: era sfuggito più volte alla cattura

    Abdelhamid Abaaoud

    Belga, nato da una famiglia di origini marocchine, 27 anni: è Abdelhamid Abaaoud, la mente delle stragi di Parigi, ucciso nel blitz a Saint Denis. Non un semplice attentatore, ma uno dei boia stranieri più attivi, recuclatore e addestratore: era sfuggito più volte alla cattura

    Abbaoud in Siria

    Abbaoud in Siria

    Abbaoud arriva in Siria, in particolare a Raqqa, nel 2013.

    Abbaoud in auto

    Abbaoud in auto

    Diventa noto tra i miliziani per aver legato civili appena massacrati a un fuoristrada e averli trascinati per le strade.

    Abbaoud armato

    Abbaoud armato

    Foto e video di Abbaoud circolano da un po'

    Abbaoud al volante dell'auto

    Abbaoud al volante dell'auto

    Da Molenbeek, in Belgio, a Raqqa in Siria.

    Abbaoud mentre spara

    Abbaoud mentre spara

    Da semplice militante è diventato un addestratore.

    L'auto degli orrori

    L'auto degli orrori

    Un frame del video in cui si vede Abbaoud che trascina i cadaveri delle sue vittime.

    Video di Abbaoud

    Video di Abbaoud

    Un video in cui Abbaoud si scaglia contro gli occidentali

    Abbaoud contro gli occidentali

    Abbaoud contro gli occidentali

    Nel video chiede se gli occidentali si sentono al sicuro

    Articolo su Abbaoud

    Articolo su Abbaoud

    Dabiq, la rivista dell'Isis, ha dedicato a lui e ad altri miliziani un lungo servizio: qui è il primo a destra.

    Copertina Dabiq con Abaaoud

    Copertina Dabiq con Abaaoud

    La compertina con Abbaoud, qui chiamato con un altro nome "di battaglia", Abou Omar el-Baljik, il belga.

    Foto correlate