L’uomo col pene più lungo del mondo ottiene la disabilità ma sogna di lavorare nel cinema hard

Non è facile essere l'uomo con il pene più lungo del mondo, anche quando lo si è sempre desiderato. Lo sa bene Roberto Esquivel Cabrera, 54enne del Messico, che, nonostante l’orgoglio per le dimensioni e le ambizioni di diventare un attore porno, non riesce a vivere una vita normale, tanto che ha ottenuto una parziale disabilità

da , il

    L’uomo col pene più lungo del mondo ottiene la disabilità ma sogna di lavorare nel cinema hard

    Non è facile essere l’uomo con il pene più lungo del mondo, anche quando lo si è sempre desiderato. Lo sa bene Roberto Esquivel Cabrera, 54enne di Saltillo, in Messico, che grazie ad applicazioni particolari ed “esercizi muscolari” ha raggiunto il suo obiettivo. Nonostante l’orgoglio e le ambizioni di diventare un attore porno, Cabrera non riesce a vivere una vita normale, tanto che ha ottenuto una parziale disabilità.

    Il suo pene è lungo 48 centimetri, ma il Guinness World Record non ha riconosciuto le dimensioni perché, secondo i medici che lo hanno esaminato, raggiunge quella lunghezza grazie al prepuzio, mentre la reale misura sarebbe di 17 centimetri. Ma non ci teniamo a entrare nel merito della questione “tecnica”.

    Perché ha ottenuto la disabilità? Non riesce a muoversi normalmente, fa fatica a inginocchiarsi e ad avere rapporti sessuali: «Quando vivevo negli Stati Uniti ho provato a fare sesso con due donne, ma la prima è scappata, e con la seconda abbiamo dovuto fermarci perché per lei era troppo doloroso», ha raccontato lui.

    LEGGI ANCHE: 22 COSE CHE NON SAI SUL PENE

    I medici gli hanno consigliato di operarsi per ridursi il pene, ma lui ha rifiutato per continuare a sentirsi macho e per coltivare il «sogno di lavorare come attore porno», anche se «allo stato attuale ho difficoltà a trovare qualsiasi impiego: non posso indossare uniformi come gli altri, non riesco a correre o a inginocchiarmi».

    Cabrera sogna di tornare negli Usa: «Voglio realizzarmi nel settore del porno e sono sicuro che riuscirei a guadagnare un sacco di soldi. Inoltre so che lì ci sono molte donne e penso che troverò anche quella giusta per me. Le persone non sono come qui, sono più liberali: non si preoccupano di quello che ho nei pantaloni». Su di lui, però, pende una vecchia accusa per aggressione e di atti contrari alla pubblica decenza. Quando viveva negli States, infatti, avrebbe esposto le sue parti intime a due ragazzine, motivo per cui fu cacciato dal Paese.