Donna confessa di aver fatto sesso con un fantasma del XIX secolo: ‘È stato fantastico’

Sian Jameson, 26enne scrittrice e spiritualista gallese, ha raccontato al Wales Online, di aver fatto sesso con il fantasma di un uomo vissuto nel 1800, ritratto in un dipinto del cottage di campagna ad Aberystwyth dove si era recata per cercare ispirazione. 'È stato fantastico'

da , il

    Donna confessa di aver fatto sesso con un fantasma del XIX secolo: ‘È stato fantastico’

    Ha ammesso di aver fatto sesso con un fantasma del XIX secolo, trovandolo “fantastico”. Sian Jameson, 26enne scrittrice e spiritualista gallese, ha raccontato al Wales Online di aver avuto rapporti sessuali con un uomo vissuto nel 1800, ritratto in un dipinto del cottage ad Aberystwyth, in Galles, dove si era ritirata per “trovare ispirazione”. La casa, risalente al XVI secolo, era completamente arredata e conservava libri e quadri, tra cui il ritratto di questo bel giovane, datato 1820 e messo in bella vista nella sala principale: dopo qualche notte, il fantasma sarebbe arrivato fin nella camera da letto, iniziando a toccarla e ad avere rapporti sessuali completi. “È stato il sesso migliore della mia vita”, ha commentato.

    Parlando con il tabloid, Sian ha dato tutti i dettagli di questa torbida e fantasiosa relazione. Il ritiro in campagna le serviva per riprendersi dopo la rottura della storia d’amore con il fidanzato e per trovare l’ispirazione. “È stato fantastico. Nessuna distrazione: solo io, gli alberi e il cielo. Stavo pagando l’affitto facendo dei lavoretti di copywriting e, dato che non avevo bisogno di molto in campagna, tutto andava bene”, ha spiegato al tabloid. “Mi è piaciuta la pace: dopo una lunga relazione, stare da sola era bello e ho iniziato a chiedermi se avrei mai voluto un uomo nella mia vita”.

    Dopo poco tempo ha iniziato a fare sogni erotici molto vividi finché una mattina si è svegliata e ha trovato accanto a sé un giovane dai capelli scuri. “Era completamente vestito con una camicia bianca, una sciarpa e calzoni all’antica”, ha raccontato la giovane che ha pensato di star sognando.

    “Mentre guardavo verso il muro, mi sono resa conto che non stavo dormendo e, all’improvviso, ero terrorizzata dalla paura: sentivo una mano che mi toccava in vita ma il tocco era strano, leggero e fresco”, ha aggiunto.

    Da buona spiritualista che crede nei fantasmi, Sian ha detto di aver capito “istintivamente” che si trattava del fantasma dell’uomo dipinto. Da quella volta i due hanno iniziato a fare sesso. “Durante l’amplesso, ho percepito ogni genere di cose su di lui, come il suo nome (Robert) e quando visse (oltre 100 anni fa). Non parlavamo, era come se mi stesse comunicando telepaticamente: il suo corpo era morbido e leggero”, ha raccontanto.

    Dopo qualche prima perplessità, la donna si è convinta che non era un sogno quando lo ha visto alzarsi, vestirsi e uscire dalla camera. “Mi aspettavo di sentire il rumore dei suoi passi sulle scale di legno ma non c’è stato alcun rumore: l’ho visto dalla porta della camera da letto che svaniva mentre si avvicinava in cima alle scale”.

    La notte successiva c’è stato l’ultimo incontro. Sian ha raccontato di aver capito che non sarebbe tornato. “Ho pianto dopo che lui se n’è andato quella notte”, ha confessato. “Credevo di essermi innamorata”

    Dopo aver cercato notizie su di lui, senza trovare nulla di interessante, è tornata alla vita di sempre, ma con il fantasma sempre nei suoi pensieri. Ora Sian ha un fidanzato in carne e ossa a cui ha raccontato tutto. “Secondo lui era un sogno, ma per me è stato reale, so che lo era”, ha dichiarato al tabloid.

    Secondo la psichiatra interpellata dal giornale, la donna sarebbe stata vittima di un’allucinazione e che abbia vissuto a suo modo la rottura con il fidanzato, trovando nel fantasma di un uomo gentile e dolce quello che cercava nella realtà. Sian però è sicura di cosa ha provato. “È stato il miglior sesso della mia vita ma non ditelo al mio fidanzato”, ha concluso.