Fa sesso con uno studente di 17 anni, prof a processo: ‘Pensavo di farlo felice’

Un'insegnante di una scuola privata di Syndey è a processo per aver fatto sesso più volte con uno studente di 17 anni: gli incontri avvenivano nel suo appartamento, ma anche nello sgabuzzino della scuola. La donna si è difesa parlando del suo stato emotivo, in crisi per il matrimonio e in depressione, e della solitudine del ragazzo: 'Pensavo di renderlo felice'

da , il

    Fa sesso con uno studente di 17 anni, prof a processo: ‘Pensavo di farlo felice’

    Una professoressa di una prestigiosa scuola privata di Sydney è a processo per aver fatto sesso con uno studente di 17 anni. Secondo quanto riporta il Daily Mail, la donna, oggi 34 anni, avrebbe avuto una relazione sessuale con l’alunno minorenne nel 2016, avendo incontri sessuale 5 volte nel corso dell’anno, a casa sua ma anche nei locali della scuola, la Sydney Grammar School. Secondo la ricostruzione dell’accusa, l’ex insegnante lo avrebbe martellato di messaggi quando lui ha cercato di rompere il rapporto. “Pensavo di renderlo felice”, si è giustificata.

    Secondo quanto riporta il tabloid, la donna si è dichiarata colpevole di aver avuto cinque rapporti sessuali con una persona minorenne affidata alle sue cure: i due si sarebbero incontrati più volte nel corso dei primi tre mesi del 2016 a casa dell’insegnante, ma anche in classe e in un ripostiglio a scuola. Nella sua versione dei fatti, l’ex professoressa ha dichiarato di aver iniziato a mandare messaggi al ragazzo nel 2015 ma senza riferimenti sessuali.

    Nella sua deposizione, la donna ha raccontato in lacrime come l’alunno l’avesse aiutata a superare un momento difficile, tra un matrimonio ormai finito, la depressione e altri problemi di salute, e come lei lo avesse supportato a sua volta. “Mi diceva che era solo e che non riuscita a parlare con le altre persone”, ha dichiarato in Aula. “All’epoca ero molto sola e penso che lui abbia riempito il mio bisogno di aiutare qualcun altro che fosse triste e solo come me”, ha spiegato.

    Il primo incontro sarebbe avvenuto nell’appartamento dell’insegnante, ma poi il ragazzo ha deciso di rompere la relazione ad aprile 2016, nonostante la paura di ritorsioni nei suoi confronti. “Gli ho detto che mi stava facendo male”, ha aggiunto, spiegando i tanti sms mandati al giovane nei giorni successivi.

    Secondo i tabulati, lo avrebbe tempestato di messaggi in cui gli professava il suo amore e gli diceva che era un “fottuto mostro”: secondo il suo racconto, era un modo per spiegarsi, confermando che non voleva fargli del male.