Ecomondo 2017, le novità della fiera dedicata alla Green Economy

Continua a crescere la green economy made in Italy ed Ecomondo si conferma il più importante appuntamento fieristico di settore dell’area Euro-Mediterranea

da , il

    Ecomondo 2017, le novità della fiera dedicata alla Green Economy

    Ecomondo non è più soltanto la fiera dell’ambiente, ma l’appuntamento leader dell’economia italiana. Perché negli anni è cresciuta, fino a diventare una delle fiere più importanti nel campo dell’economia, non solo green”. Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha salutato così l’inaugurazione del principale appuntamento italiano per l’economia circolare. Ecomondo è infatti diventata una delle fiere di spicco dell’area Euro Mediterranea per quanto riguarda la green economy. Al taglio del nastro sono intervenuti anche l’assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna, Emma Petitti, il sindaco e presidente della Provincia di Rimini, Andrea Gnassi e Lorenzo Cagnoni, il presidente di Italian Exhibition Group, la società organizzatrice dell’evento, nata dall’integrazione tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza.

    “Qui trattiamo quella parte dell’economia che rappresenta il futuro della crescita italiana e globale. Dobbiamo crescere ancora di più e guardare all’estero, e vorrei che Ecomondo diventasse la fiera dell’economia più importante al mondo“, ha dichiarato il ministro dell’Ambiente Galletti al momento del taglio del nastro dell’edizione 2017 di Ecomondo: “Sono convinto sia un obiettivo alla nostra portata, visti i risultati ottenuti sino ad oggi”, ha concluso.

    E l’edizione 2017 di Ecomondo è stata particolarmente ricca. Il presidente Cagnoni lo ha ricordato con soddisfazione: “Ecomondo si unisce a Key Energy e al salone dei veicoli ecologici Sal.ve. E continua a crescere ogni anno e a produrre innovazione, basti pensare a Key Solar, il nuovo settore espositivo sul fotovoltaico, alla Città Sostenibile con H2R. Auguro pieno successo di business alle oltre 1.200 aziende presenti qui in fiera, che hanno preso contatto con oltre 100.000 visitatori professionali provenienti da circa 60 paesi diversi. Il quartiere fieristico è interamente occupato dalla manifestazione e negli anni a venire dovremo pensare a creare nuovi spazi espositivi”.

    Tante sono state le novità esposte in questa fiera di Rimini, a rappresentare un settore fortemente dinamico e proiettato nel futuro. Come l’auto ad aria compressa alimentata da energia prodotta dal vento, la pista ciclabile che permette di pedalare immersi in una scia luminosa, senza bisogno di elettricità, oppure il triciclo elettrico a pedalata assistita, allestito con vasca ribaltabile per la raccolta rifiuti, 100% ecologico. “Qui cresce quella cultura che consente di puntare ad uno sviluppo veramente sostenibile – commenta l’assessore Emma Petitti – e che nella nostra Regione ha già radici robuste. Basti pensare che il 30% delle aziende emiliano romagnole ha investito green e sono quelle che più stanno assumendo”.

    “Questa – aggiunge il sindaco Gnassi – è per noi l’occasione di mettere a frutto ciò che è stato seminato. Rimini è ai vertici del turismo, con 25 milioni di city users. Il tema dell’attuazione di un modello di sviluppo sostenibile era quindi inderogabile. E lo abbiamo concretizzato diventando una vera case history. Abbiamo investito sul risanamento del mare e sul driver dei contenitori culturali, 100.000 milioni di euro di investimento per la regimentazione idraulica. Tutto ciò ha a che fare con l’economia circolare che qui si vede e si tocca: un Ecomondo pragmatico che crea anche occupazione”.

    Tra le novità esposte a Ecomondo 2017, anche la prima compostiera mobile al mondo che riceve rifiuto organico e processa direttamente il materiale per trasformarlo in compost. Fra le più curiose: il macchinario che raccoglie gli abiti usati senza maniglia basculante, ma con un’apertura anti-intrusione di più facile utilizzo, touch-screen digitale e possibilità di selezionare dal monitor un buono sconto. Tra le utili: la App concepita per supportare i tecnici nei rilievi energetici e strutturali delle scuole e che misura i consumi energetici e la vulnerabilità sismica degli edifici scolastici.

    In collaborazione con AdnKronos